I gamer alla ricerca spasmodica di un controller di terze parti per PC, probabilmente, saranno già incappati, durante forsennate sessioni di ricerca su siti di ecommerce, sui prodotti GameSir – che, già in precedenza, ci era capitato di curare in diversi articoli.

GameSir è un’azienda cinese attiva, da oltre dieci anni, sul settore delle periferiche da gioco, sia dedicate interamente al mondo dei dispositivi mobile (tablet o smartphone) sia alle console da gioco più celebri.

Ebbene, grazie ad una copia gentilmente offerta dalla ditta stessa, abbiamo potuto mettere le mani sul pad GameSir T4 Kaleid, controller che sembra puntare direttamente alla fetta di utenza di giocatori Nintendo Switch ma che, nella realtà dei fatti, si prospetta come un device multipiattaforma, dando la possibilità ai giocatori di funzionare correttamente – e senza configurazione aggiuntive di sorta – anche su PC e dispositivi Android.

Il pad ci avrà convinti? Ve ne parliamo nella nostra recensione…

Il contenuto della confezione

Il controller GameSir T4 Kaleid si presenta all’utente finale con una confezione minuta, semplice ma allo stesso tempo essenziale, in grado di dare subito una precisa idea del suo contenuto e del suo scopo.

Aperta la scatola, come consuetudine, troveremo:

  • Il pad GameSir T4 Kaleid
  • Un cavo USB di alimentazione type-C
  • Un piccolo manuale d’uso per l’utente

Il pad, al tatto, si presenta con un ottimo feeling, restituendo una sensazione simile a quella del nuovo pad Microsoft dedicato alle Xbox Series S/X: nonostante una scelta dei materiali indirizzata verso scelte, ovviamente, economiche, il design del pad, traslucido, è sicuramente uno degli aspetti che vertono a favore del GameSir T4 Kaleid che, una volta acceso, riesce a regalare un bello spettacolo per gli occhi, grazie ad una illuminazione che rende l’intera scocca un tripudio di luci.

PC e Switch: chi la spunterà?

Il controller GameSir T4 Kaleid è un device cablato con funzionalità professionali ed è compatibile con PC Windows, Android e Nintendo Switch. Il controller ha una tecnologia simile al GameSir G7 e, come dicevamo, si presenta con una scocca trasparente, caratterizzata con fantastici effetti di illuminazione reattivi audio personalizzati. Il controller GameSir T4 Kaleid (Wired RGB) è dotato di una speciale tecnologia Motion Aim and Steer, il che significa che sarò possibile utilizzare il suo sensore giroscopico per controllare la mira o lo sterzo nei giochi semplicemente inclinando o ruotando il controller – una feature decisamente interessante, che viene comoda in alcuni sparattutto e, soprattutto, nei titoli di guida prettamente arcade.

Il controller presenta inoltre due pulsanti posteriori, chiamati L4 e R4, insieme al tasto M, posizionato tra la crocetta direzionale e lo stick analogico destro. Il controller ha anche una funzione turbo e un jack audio di 3,5 mm.

Quello che stupisce, nel TK Kaleid, è indubbiamente il cortissimo “click” della pulsantiera di comando ABXY (che segue il layout Xbox anzichè quello Switch e questo, onestamente, potrebbe trarre non poco in confusione. Giocando a titoli come Star Wars Jedi Survivor su PC, ad esempio, ci siamo trovati molto bene – ma soprattutto a menare le mani in picchiaduro come Street Fighter 6, dove la corsa dei bottoni decisamente corta ci è venuta bene in soccorso.

Uno tra i punti di forza del pad GameSir T4 Kaleid è sicuramente la sua versatilità e facilità d’uso anche su altri sistemi, al di fuori del sistema Nintendo Switch, anche se con tutti i limiti di sorta che si porta dietro un controller cablato nel 2023.

Pur non essendo compatibile con console Xbox (un gran peccato) e Playstation, il pad è facilmente collegabile a dispositivi Android TV, andando ad esempio a toccare il fattore emulazione. Durante la nostra prova, siamo riusciti agilmente a collegare il pad ad uno Steam Deck, dove viene rilevato come uno Switch Pro Controller (in questo caso, di default, Steam Deck utilizzerà il layout Nintendo, che potrà essere agilmente disabilitato dalle opzioni), testandolo con titoli del calibro di Street Fighter 6 e constatando, con estremo piacere, la sua totale compatibilità con la libreria della console Valve.

Insomma, un pad che sì trova nel suo essere “cabled” un grosso limite, ma che comunque riesce a trovare spazio anche su dispositivi portatili che hanno grosso bisogno di un pad classico a cui poter essere collegati.

Concludendo…

Per un prezzo consigliato di €39,95, il pad GameSir T4 Kaleid trova il suo spazio nelle librerie Nintendo Switch e PC. Nonostante i limiti in termini di comodità, per via della mancanza di una modalità wireless, il dispositivo riesce a cavarsela egregiamente anche su dispositivi “mobili” come Steam Deck (con una totale compatibilità con il catalogo Valve), oltre a funzionare correttamente anche su Android TV e Box, per tutti i giocatori interessati all’emulazione.

Complessivamente un buon prodotto, dal price range forse non troppo competitivo, ma dalla qualità costruttiva di pregevole fattura. Un acquisto consigliato a chi cerca una alternativa economica ai Pro Controller di Nintendo, senza l’ingombro del cavo ma decisamente più costosi.

CI PIACE
  • Rincorsa breve dei bottoni interessante, nella pratica
  • Con un adattatore type-c funziona anche su Steam Deck
  • Design simil Xbox ben replicato
  • Scocca colorata molto d’impatto
NON CI PIACE
  • Tutti i limiti di sorta di un controller cablato
  • Non compatibile su Xbox Series S/X
  • Prezzo un po’ altino
7.5Cyberludus.com

Articolo precedenteSimbolotto di oggi sabato 10 giugno 2023 numeri estratti oggi
Prossimo articoloStarfield Direct: Svelate nuove galassie e segreti stellari nel video di gioco esplosivo di Starfield
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre. Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!