Fifa 14 – Hands On

Articolo a cura di Valentina Calabrò

L’attesa per le nuove console, e per l’E3 2013 ormai alle porte, non ha certo distolto l’attenzione dei giocatori dall’eterna sfida dei titoli calcistici. Il 28 maggio siamo stati accolti da EA, alla Blend Tower di Milano, per il primo hands on di Fifa 14.

Dopo un veloce punto della situazione, fatto dal producer Sebastian Enrique e Kantcho Doskov, che hanno riepilogato quali sono i punti di evoluzione rispetto alla versione precedente, mettiamo mano finalmente sui joypad. Bastano pochi minuti, e ci accorgiamo subito delle numerose modifiche alla giocabilità.

La nostra prova

E’ bene precisare che il gioco provato si trova ancora ad una versione pre alpha, completo circa al 60%, e quindi ancora piuttosto distante da quello che sarà il gioco finito. Innanzitutto abbiamo notato una maggiore cura nelle animazioni dei giocatori, sia nei movimenti dei giocatori che portano palla, ma anche sui movimenti di quelli senza.

Le modifiche più consistenti sono state riservate proprio alle movenze in fase di possesso, grazie alla novità del Precision Movement. Sarà ora più semplice cambiare repentinamente la direzione del nostro giocatore, ora più reattiva e realistica, mentre in passato si trattava di un’operazione macchinosa e poco effiace. Dovremo tenere anche conto delle condizioni del campo da gioco, infatti effettuare un brusco cambio di direzione sarà molto più complicato se il terreno sarà fangoso, e se lo spazio di azione sarà ridotto sicuramente il vostro giocatore avrà più probabilità di perdere palla (a meno che non recuperiate con un’altra scivolata, giusto nel momento in cui se l’allungherà ). I dribbling sono diventati molto più intuitivi e liberi, ed è possibile già dal primo tocco del pallone muoversi in modo da eludere l’avversario. Quest’ultima caratteristica è particolarmente interessante, ma bisognerà valutare con attenzione il bilanciamento quando si dovrà gestire la fase difensiva.

Anche la fase di tiro non è stata certo esente da modifiche. Se in Fifa 13 c’era quel gap tra caricamento e tiro, che certe volte faceva addirittura "pattinare" in avanti il giocatore, in Fifa 14 l’innovazione del Pure Shot ridefinisce il tipo di finalizzazione. Pure Shoot, così chiamato il nuovo sistema di gestione del tiro, cambierà il modo di calciare verso lo specchio. Il tiro è ponderato in base alla postura del giocatore, e lo effettua con enfasi (rischiando addirittura di cadere per terra), o scegliere se prepare il tiro in base a dove arriva sulla palla, e in caso capitasse sul piede debole aspettatevi conclusioni assolutamente imprevedibili. La situazione varierà naturalmente in base alle fasi gioco, cambiando radicalmente quando ci si prepara a battere una punizione, calciare un tiro al volo o di controbalzo, in corsa, un calcio piazzato o caricare un missile da fuori area. Specialmente sulle conclusioni da fuori è stato fatto un lavoro degno di nota, con una gestione dell’effetto e della fisica del pallone decisamente più credibile e realistica.

Migliorato anche il reparto difensivo, molto più fisico, inteso sia come contatto, ovvero più aggressività da parte degli avversari, sia nella protezione della palla. Con il grilleto sinistro del joypad si potrà proteggere la palla, spingendo o addirittura appoggiandosi di schiena all’avversario. In fase difensiva, questa pratica è molto utile per dare modo alla propria squadra di riposizionarsi, in modo da salire e occupare posizioni. Sempre per ciò che riguarda la difesa, grazie al Dynamic Defence Pressure, se il nostro giocatore pressa il portatore di palla, anche i compagni cercheranno di chiudere le possibili traiettorie di passaggio. I contrasti sono sembrati più precisi e realistici, diversificando i giocatori di peso da quelli minuti. L’IA della CPU è migliorata nell’aiuto dato al giocatore nella gestione della squadra, ma anche nell’abilità avversaria di chiudere gli spazi e "interpretare" la visione di gioco dell’utente, adattandosi al suo stile. Per giudicare una funzionalità del genere, è bene aspettare di poter provare il gioco completo.

Passando ai movimenti del gioco senza palla, l’innovazione è data dal che cura molto i dettagli di tutto quello che sta intorno al fulcro del gioco, ovvero viene data maggiore importanza agli scatti, agli stop, e alla corsa all’indietro. Le animazioni hanno guadagnato in fluidità, velocizzando anche la manovra in generale, dando più dinamismo alle fasi di gioco.

Conclusioni

Usciamo dalla prova piuttosto soddisfatti, i cambiamenti apportati da EA Games da Fifa 13 a Fifa 14 sono già tangibili da questa versione work in progress. Le novità introdotte sono tante, e vanno a incidere profondamente in tutte le fasi del gameplay: dallo stop del pallone al tiro verso la porta, Fifa 14 si dimostra decisamente più maturo del suo predecessore. Il sistema di controllo del giocatore è migliorato molto, permettendo ora repentini cambi di direzione e di impostare il dribbling fin dal primo tocco del pallone . La difesa del pallone sarà un’azione fondamentale per gestire il pallino del gioco, e impostare rapide ripartenze. Le nuove, e gradite, aggiunge in fase di conclusione sono la perla finale: spettacolari tiri in corsa e di controbalzo vanno ad aggiungersi a un repertorio di conclusioni tutte affinate, con la fisica del pallone a fare davvero la parte del leone. Certo, siamo ancora lontani dalla meta e qualche sbavatura dovuta allo stato da "lavori in corso" s’è naturalmente vista, ma siamo fiduciosi. Migliorando anche le meccaniche nelle modalità di gioco, in particolar modo la Carriera offline, potremmo davvero trovarci di fronte al Fifa definitivo per questa generazione di console.

Articolo precedenteDiablo III – Dal 3 settembre su console
Prossimo articolo505 Games annnuncia i titoli che verranno mostrati all’E3
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.