Jacob Jones and the Bigfoot Mystery – Recensione

La grande N docet

Nintendo ha sempre da insegnare: questa è una massima ormai certa nell’universo videoludico. Tantissimi sono i titoli ispirati alle killer application della grande N. Basti pensare a Modnation Racer che schiaccia pesantemente l’occhio a Mario Kart o a Smart As ispirato chiaramente a Brain Training. Il titolo del giorno è Jacob Jones and the Bigfoot Mystery, una simpatica avventura disponibile su Playstation Network a prezzo stracciato, da giocare comodamente dove vogliamo grazie a Playstation Vita. Il titolo è chiaramente ispirato alle avventure del Professor Layton, ma conserva un’identità propria, offrendo una narrazione piacevole e divertenti situazioni da risolvere. Un’avventura grafica senza troppe pretese, che non si prende mai sul serio e che ha il solo scopo di divertire per qualche ora e a poco prezzo. Vediamo un po’ come se la sono cavata i ragazzi di Lucid Games con il primo episodio di questa nuovissima serie.

Mi chiamo Jones, Jacob Jones

Jacob Jones sembra a prima vista un ragazzino come tutti gli altri: sveglio, a caccia di avventura e sempre pronto a immergersi nella natura alla scoperta di segreti nascosti. Ma è un ragazzino di poche parole e non è molto bravo a fare amicizie, preferendo dunque la compagnia dei genitori, entrambi scienziati, che quella dei suoi coetanei. Ed è per questo che la famiglia decide di affidarlo alla signora Haggardy del campeggio estivo, dove Jacob passerà le vacanze lontano dai genitori. Come ogni ragazzo speciale che si rispetti, Jacob non solo arriverà in ritardo al campo ma s’imbatterà in una straordinaria avventura non appena arrivato, sulle tracce del misterioso Bigfoot che stava per investire lungo il tragitto in macchina verso il campo.
Dimenticate i coriacei scimmioni che infestano le foreste secondo le leggende. In questa avventura abbiamo a che fare con una palla di pelo in cerca di amicizia e sempre pronto a cantare una bella canzone in spensieratezza. La trama è semplice ma allo stesso tempo profonda, in quanto spiega con poche immagini quanto sia importante lasciarsi andare e costruire legami, legami che possono nascere anche nelle situazioni più disparate e con chi mai avremmo potuto immaginare perché ritenuto "diverso" dai tutti, soprattutto da coloro che tentano di imporre con la forza il proprio volere.

Benvenuti al campo

Tecnicamente, nonostante l’apparente semplicità, Jacob Jones and the Bigfoot Mystery sfoggia uno stile unico, ricercato, ricco di colori e imbottito di fantasia, che ricorda molti film d animazione in plastilina. Il level design di livelli e personaggi mostra un mondo volutamente arrotondato, a tratti esagerato, al quale non si può rimanere indifferenti senza almeno sorridere per qualche secondo. E’ totalmente buffo e "plasticoso" l’universo di Jacob Jones: tutte le location, come il campo, gli alloggi, la foresta e quant’altro, sono impreziositi da piccoli dettagli e "addolciti" per regalare una visone d’insieme tenera e appassionante. Nulla di eclatante naturalmente, dato che parliamo di una piccola produzione indipendente, ma lo stile fa la sua figura e a volte vale più di milioni di poligoni. Ottimo anche il comparto audio, caratterizzato da musiche a tratti spiritose e buffe, a tratti rilassanti e sognanti, che ci fanno sospirare durante la nostra avventura. Il gioco è interamente sottotitolato in italiano.

Mettimi alla prova

Come detto sopra, Jacob Jones and the Bigfoot Mystery è un’avventura grafica, ma badate: qui non ci sono i soliti enigmi da risolvere per passare oltre. In questo prodotto sono la logica e l’osservazione a decidere l’esito della vostra partita. Proprio come accade nelle avventure del Professor Layton, il gioco si divide in due parti ben distinte: l’esplorazione e gli enigmi. Potete infatti visitare le diverse zone proposte dagli sviluppatori semplicemente passando il dito sul touch-screen di Vita per spostare il vostro alter-ego virtuale. Jacob può interagire con l’ambiente , scovare segreti (come le lattine) e conversare con tutti i personaggi che incontrerete.
Gli enigmi rappresentano l’anima pulsante di questa produzione, ma badate a non confondere l’aspetto giocoso e puerile del titolo solo dal comparto grafico e dalla storia. Jacob Jones vanta alcuni rompicapi tutt’altro che per piccini, ma studiati per menti allenate e non per poppanti. Ogni prova da superare è costituta da ben tre indizi da recuperare. Come? Raccogliendo tutte le lattine che trovate in giro; in questo modo entrerete in possesso delle ricariche telefoniche, indispensabili per attivare ogni prova. Sono tutti enigmi interessanti e richiedono un minimo di logica, memoria e concentrazione. L’esperienza risulta gradevole anche grazie all’ottimo sistema di controllo proposto da Vita: il titolo infatti è pensato appositamente per i controlli touch, rendendo ogni partita immediata, intuitiva e veloce come non mai. L’avventura ha una durata di circa tre ore e se pensate che il costo non supera le due euro, converrete che il rapporto qualità-prezzo sia, almeno per una volta, equilibrato.

Conclusioni

Jacob Jones and the Bigfoot Mystery è il primo episodio di un’avventura grafica senza pretese, semplice, ma divertente e che vi lascerà spesso e volentieri il sorriso stampato in bocca. Se avete terminato le tante avventure del Professor Layton e state cercando un titolo sopra le righe, carico di stile e ricco di enigmi interessanti (ma non chissà quanto originali), questo potrebbe essere il vostro prossimo e valido acquisto..e meno di due euro non faranno di certo la vostra rovina se questo titolo non vi dovesse piacere, cosa molto improbabile tra l’altro!

CI PIACE

– La storia, i protagonisti e la semplicità di fondo \n- Stile unico, sopra le righe che strappa più di un sorriso\n- Enigmi interessanti e che richiedono un minimo di attenzione prima di proseguire..\n- Prezzo stracciato..

NON CI PIACE

-..peccato duri troppo poco\n- un pò troppo simile ai vari Layton

Conclusioni

Il primo episodio di una serie di avventure grafiche che strizzano l’occhio al professor Layton. Esplorazione, fantasia e tanti enigmi divertenti!

8Cyberludus.com
Articolo precedenteManiac Mansion – Disney pensa a recuperarne il brand?
Prossimo articolo[AGGIORNATA] Metal Gear Solid V – Ci sarà o non ci sarà David Hayter? Attendiamo il trailer, ma oggi abbiamo un’immagine!
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.