I protagonisti di un videogioco, di norma, vivono all’interno di uno spazio limitato: un mondo precostruito dove essi corrono, respirano e si emozionano, completamente diverso dal nostro. Non accade spesso che, invece, qualcuno di essi si insinui nella nostra realtà e ne penetri le pieghe tanto da portare noi stessi a guardarci intorno per cercare di scovarli, di osservarli e di comprendere la loro essenza. Tra questi pochi ci sono i Denpa Men, piccoli omini colorati che vivono nelle nostre onde radio, territori eterei sconfinati che puntano tutti verso l’isola di Digitoll, dove la vita di questi omiciattoli si tinge di colori? Sono tutti attorno a noi, e con il nostro Nintendo 3DS trovarli sarà uno scherzo! Questo è The Denpa Men – They Came By Wave!

L’isola colorata e la minaccia del signore del male

La torre radio dell’isola di Digitoll è capace di attirare l’attenzione di chi si avventura al suo interno? E a quanto pare non solo quella! Un esserino senziente, che dice di appartenere alla razza dei Denpa Men, nanetti colorati che vivono all’interno delle onde radio, ci chiama a sé e ci chiede aiuto! A quanto pare, il Signore del Male ha rapito una delle abitanti dell’isola e l’ha nascosta sulla cima di una torre, alla quale si può accedere solo se si è abbastanza forti? Ma lui da solo non può farcela? Bisogna trovare altri Denpa Men nascosti nelle onde radio del mondo reale, in stanze piene di marchingegni tecnologici o luoghi dove la vita delle persone scorre con fervore: preparate le reti, è tempo di catturare ed esplorare un mondo intero insieme a uno squadrone colorato come l’arcobaleno!

Tutti gli elementi di un Dungeon-JRPG duraturo!

The Denpa Men ? They Came By Wave parte da premesse apparentemente molto semplici: reclutare una squadra di quattro, sei o otto personaggi e portarla all’interno di un dungeon diviso in stanze da percorrere fino ad arrivare a un boss finale da abbattere per passare alla fase successiva. Sembra tutto così semplice e tranquillo ma è dietro la semplicità e la tranquillità che si nasconde un’anima estremamente profonda e surrealmente insolita: il Nintendo 3DS utilizza una strana alchimia di sue due funzioni, ovvero la telecamera frontale e la connessione Wireless; attraverso la torre radio di Digitoll è possibile sfruttare le due tecnologie per ricercare dei nuovi Denpa Men nella stanza reale in cui ci si trova ed essi appariranno con frequenza e qualità maggiori se la stanza in questione pullula di oggetti tecnologici attivi. Inizialmente può sembrare solo un bel racconto, una storiella carina per nascondere un processo arbitrario ma, sperimentando, ci si accorge che la ricerca funziona al meglio solo nei luoghi dove le onde si intrecciano con più facilità, come stazioni dei treni, bar e altri luoghi pubblici! Una volta catturata una squadra corposa si notano subito alcune caratteristiche dei nostri soldatini: alcuni sono più alti o più bassi e hanno una forma differente del corpo e della faccia, e tutti questi aspetti fisici influiranno sul crescere delle loro diverse statistiche. I Denpa Men si distinguono anche per il colore, che definisce la loro affiliazione a un elemento a scelta fra fuoco, acqua, terra, vento, ghiaccio, luce e neutrale, ognuno con le sue debolezze e le sue resistenze, e da una antenna, presente o meno sulle loro teste, che indica l’abilità da loro posseduta tra una scelta di più di venti, molte delle quali potenziabili fino a tre livelli diversi e con effetti variabili. Solo analizzando tutte queste possibilità si riesce chiaramente ad avere un’idea di quante siano le combinazioni di Denpa Men che si possono ottenere: ognuno di essi può, infatti, essere di più di un colore e anche quelli che posseggono la stessa cromia possono avere antenne con abilità differenti oppure esserne completamente sprovvisti! Per questa ragione è bene fare un po’ di caccia prima di partire con le missioni, in modo tale da avere una squadra sempre pronta all’uso (specie perché i Denpa Men non utilizzati vengono addestrati automaticamente dalla CPU, seppur con risultati leggermente inferiori a quelli di un addestramento sul campo). Una volta completata la squadra, il giocatore deve guidare i Denpa Man all’interno di alcune isole piene di mostri e insidie, cercando di portarli a un livello di potenza sufficiente per sconfiggere il signore del male: per fortuna, tutti i mostri presenti sono posizionati sul campo, come in un dungeon crawler, mentre i combattimenti a turni rispecchiano le meccaniche di un classico JRPG, con punti deboli, equipaggiamenti e vestiti per aumentare le proprie statistiche, abilità da usare nel momento giusto e nemici da devastare con attacchi automatici o meno, il tutto per ricevere golosa esperienza e soldi da spendere nel negozio dell’isola! Gli oggetti trovati in giro, oltretutto, possono aumentare le dimensioni e la varietà delle costruzioni di Digitoll, abilitando nuove funzioni del gioco come il trasferimento dei Denpa Man tramite QR Code, un museo per conoscere al meglio le potenzialità di ogni abilità e un negozio, dove acquistare tutto l’equipaggiamento necessario per l’avventura successiva. Con tutto questo, quindi, si finisce per avere un JRPG privo del rischio di perdersi, senza gli incontri casuali, con tattiche strategiche legate a punti deboli, statistiche e abilità e una longevità maestosa garantita dalla varietà delle squadre componibili: sembra quasi tutto perfetto, salvo qualche automatismo di troppo in qua e in là, e all’insieme si aggiunga che, pur essendo un titolo scaricabile per 8 euro, l’avventura dura più di dieci ore. C’è da rimanere senza fiato.

Creatività contro mancanze basilari

The Denpa Men, a una prima occhiata, sembra non avere punti deboli: solo quando ci si addentra di più nel gioco, tuttavia, emergono alcune piccole mancanze legate a una apparentemente volontà di ignorare ciò che è banale. E’ vero, per scaricare i Denpa Men (anche dal sito ufficiale!) ci sono i QR Code ma manca completamente una funzione di scambio wireless tra console o via internet e la fotocamera del Nintendo 3DS non è esattamente performante sul campo del riconoscimento dei codici; la grafica, colorata ed estremamente simpatica, sfrutta la terza dimensione in una maniera che non sorprende eccessivamente e che, anzi, in alcune occasioni disturba, specie quando sullo schermo vi sono pochi effetti speciali, e si sente il peso della mancanza di una certa varietà delle animazioni dei personaggi, amici o nemici. La colonna sonora è estremamente orecchiabile ed accattivante, di quelle che si aggrappano alla tua bocca per essere fischiate a lungo termine, e svolge magnificamente il suo lavoro pur non presentando tracce davvero brillanti. Tutti gli aspetti sembrano perdersi nel mare della creatività, come se il gioco cercasse di distogliere lo sguardo da alcune falle meno curate utilizzando la sua frenesia e particolarità come (fascinosissimo) specchietto per le allodole: nulla di cui veramente preoccuparsi, comunque, specie perché ci sono molti titoli su cartuccia e dai nomi più altisonanti che sono stati realizzati, ahinoi, decisamente peggio!

Conclusione

The Denpa Men ? They Came By Wave può essere, senza problemi, definito come un download obbligatorio per chiunque abbia un Nintendo 3DS: immenso, economico, profondo e dalle premesse tanto surreali quanto, forse proprio per questo, accattivanti. Il gioco riesce ad unire meravigliosamente gli elementi di due generi simili e diversi assieme prendendo il meglio di entrambe le parti e senza far sentire troppo il peso di alcune banali assenze: la struttura estremamente remunerativa e soddisfacente, unita a una difficoltà bilanciata e che, a tratti, rappresenta una vera sfida anche per il giocatore con più pratica, sono le basi di un titolo venuto dal nulla, come i Denpa Men, entrato silenziosamente in un mercato che molti snobbano e che, solo per la qualità, andrebbe preso e goduto come poche altre esperienze. E ora che lo sapete, state attenti: tutti i Denpa Men che si aggirano nelle onde radio della vostra stanza vi osservano? Se non li seguite e non li ascoltate potrebbero offendersi, e di certo non se lo meritano!

CI PIACE

– Longevità immensa per un titolo così economico\n- Realizzazione creativa e stimolante\n- Schema di gioco aperto alla sperimentazione con uno sguardo a un passato affermato e felice

NON CI PIACE

– Alcune mancanze banali sul lato della condivisione tra giocatori e della tecnica\n- Certi combattimenti potrebbero sembrare troppo automatici

Conclusioni

The Denpa Men – They Came By Wave è un titolo assolutamente imperdibile, specie per il suo prezzo esiguo e la sua eccellente qualità, frutto di studi e applicazioni di un gameplay creativo e inusiale che poggia su basi sperimentate e mai noiose. Ogni meccanica riesce a trovare un suo spazio e questo equilibrio rende il gioco godibile dal primo all’ultimo secondo, anche nei suoi pochissimi momenti morti.

8.5Cyberludus.com
Articolo precedenteVinci Dead Space 3 e DMC Devil May Cry con ItaliaTopGames e GamesWeek!
Prossimo articoloCrimson Shroud – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.