Gli instancabili ragazzi di Telltale Games, hanno il pregio di essere stati in grado di riportare in auge, nel corso degli anni, tanti classici brand, tutti più o meno videoludicamente dimenticati. Dopo numerose trasposizioni digitali in versione LEGO di Batman, Indiana Jones e Harry Potter, i simpatici mattoncini colorati tornano ancora una volta sugli scaffali con LEGO Star Wars III: The Clone Wars , restituendo ai fan della saga meccaniche rodate, ma ulteriormente perfezionate e arricchite di nuovi contenuti.

Mattoncini stellari

Due dei pilastri fondamentali su cui poggia la maggior parte dei titoli Telltale dedicati ai LEGO, sono senz’ombra di dubbio la longevità e la quantità di contenuti. Anche in questo capitolo, libertà di scelta, livelli segreti, oggetti sbloccabili e quant’altro sono i capisaldi dell’esperienza offerta dagli sviluppatori, arricchita da livelli decisamente più vasti e dettagliati rispetto a quelli di qualunque altro gioco della serie pubblicato fino ad ora. Come da tradizione, è possibile accedere ai livelli che più si aggrada, senza essere costretti ad affrontarli in un ordine specifico.

Questa volta, però, il lavoro svolto dagli sviluppatori ha fatto sì che, nonostante la libertà offerta ai giocatori, l’esperienza si rivelasse più organica e che le singole missioni fossero più collegate (narrativamente) tra di esse. Allo humor classico della serie, quindi, si accosta per la prima volta una vera e propria sceneggiatura, che prende il posto di un canovaccio poveramente abbozzato. I momenti esilaranti sono innumerevoli, e più che negli altri giochi targati LEGO si avverte la presenza di un filo conduttore in grado di far da collante tra una risata e una battaglia.

E, proprio a proposito di battaglie, è d’obbligo precisare che il numero dei nemici a schermo è considerevolmente ambientato: mai come prima d’ora le epiche battaglie campali di Star Wars erano state riprodotte, e, a dispetto della natura marcatamente umoristica del titolo, LEGO Star Wars III: The Clone Wars è forse una delle trasposizioni video ludiche più fedeli e coinvolgenti della saga di George Lucas, per lo meno nella rappresentazione dei momenti topici raccontati nell’ultima pellicola della seconda trilogia.

Dunque, sebbene la relativa semplicità dei comandi non consenta manovre di combattimento particolarmente elaborate, la varietà delle situazioni e delle ambientazioni fa sì che anche le battaglie più lunghe non vengano mai a noia, grazie, anche e soprattutto, ad un vastissimo arsenale messo a disposizione dei protagonisti, che è possibile controllare alternativamente passando dall’uno all’altro in tutta libertà. Semmai, è la frustrazione a farla da padrone in sporadiche occasioni, le quali, sfortunatamente, coincidono il più delle volte con le già sopracitate battaglie campali: raramente il gioco esplica chiaramente quale sia il prossimo obiettivo, e se nelle fasi più lineari questo non rappresenta affatto un problema, così non è quando l’azione si svolge in aree vaste e ad ampio respiro; non di rado si rischia di vagare a zonzo tra le orde di nemici, in cerca disperata di qualcosa (un oggetto, un personaggio) che possa attivare lo script successivo. Fortunatamente, a fare da contrappeso a queste piccole perplessità, ci pensano gli immancabili scontri con i boss di fine livello, vere e proprie chicche che gli appassionati del genere apprezzeranno particolarmente.

Alle scudisciate, però, fanno da contorno anche sezioni marcatamente più votate al puzzle solving e alla strategia in tempo reale. Se, da un lato, nella maggior parte dei livelli ci si troverà alle prese con piccoli problemi da risolvere prima di procedere, dall’altro si avrà – ma solo in determinate occasioni – l’opportunità di conquistare territori, difenderli e addirittura piazzare torrette difensive, basi e quant’altro.

Ma non è tutto. Al termine delle 7-8 ore richieste per completare la campagna principale, infatti, la maggior parte dei giocatori vorrà dedicarsi a tutti i favolosi extra che Telltale ha riservato a coloro che completeranno il gioco. Tra questi, oltre ai già citati livelli segreti, figurano (su tutto) l’amabile modalità Gioco Libero (grazie alla quale è possibile completare i livelli del gioco con personaggi extra) e la possibilità di giocare con un amico. Quest’ultima possibilità permette tanto di affrontare la modalità storia, quanto una sezione denominata Arcade, nella quale sarà necessario prender parte alle battaglie campali cercando di totalizzare un punteggio più elevato del proprio amico. Il co-op si svolge rigorosamente in split-screen, anche su PC: la fregatura è che non esiste una modalità online.

Come già detto, la vastità dei livelli di LEGO Star Wars III: The Clone Wars è incredibile, se comparata a quella dei suoi predecessori. In questo senso, la saga ha fatto passi da gigante, e questo è sicuramente dovuto ai notevoli miglioramenti tecnici apportati al motore. I bug sono sporadici, ma ci sono, e si fanno sentire specialmente nelle modalità di contorno (livelli bonus, multigiocatore, ecc.): segno inequivocabile di una release forse un po’ troppo frettolosa.

Conclusioni

Nonostante i suoi lievi difetti, LEGO Star Wars III: The Clone Wars è praticamente un must have per tutti gli appassionati della celebre saga di Guerre Stellari. Lo humor muto e dissacrante (almeno per i fan di George Lucas), l’atmosfera giocosa, ma fedelissima al franchise di Star Wars, oltre che (naturalmente) l’ineguagliabile fascino dei LEGO, lo rendono un prodotto divertente e sempreverde. Le uniche perplessità si concentrano su un level design non sempre all’altezza dei numerosi contenuti offerti da Telltale, che però conserva il merito d’aver confezionato uno dei migliori giochi d’azione/avventura di quest’anno.

CI PIACE

Livelli mai stai così vasti
Tecnicamente ottimo
Trama avvincente

NON CI PIACE

Gameplay talvolta confusionale
Qualche bug fastidioso
Non molto longevo

8Cyberludus.com
Articolo precedentePatapon 3 – Nuovo trailer (2)
Prossimo articoloVincete un codice per la beta del multiplayer di Gears of War 3!
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.