Gli italiani, col tempo, si stanno riscoprendo sempre più popolo di sportivi, e non (solo) più di calciofili. Questa evoluzione, costante nel tempo, sta raggiungendo ora una certa consacrazione. Quindi se un tempo gli unici giochi sportivi erano gli eterni rivali calcistici di EA e Konami, ora la maturità media impone anche il sacrosanto allargamento ad altri sport. La storia ha visto avvicendarsi molti titoli meteora nel mondo del tennis, titoli magari sviluppati su licenza e che poi scomparivano le stagioni successive. La prima vera saga tennistica, almeno in quanto a seguito di pubblico, è stata la gloriosa Virtua Tennis. Il prodotto Sega, intriso di spirito arcade e di una percentuale non trascurabile di realismo, divenne praticamente subito di culto nelle sale giochi di tutto il mondo (seguendo le gesta del celebre “fratello maggiore” Virtua Striker). I primi due capitoli apparsero dapprima sull’ammiraglia casalinga, Sega Dreamcast, e in seguito anche su PC e PS2. L’unica serie che, negli anni successivi, ha davvero insidiato il trono (almeno commerciale) di Virtua Tennis è stata proprio Top Spin. Con il passaggio alla generazione attuale di console la serie Sega è andata sempre più accartocciandosi su se stessa, incerta sulla strada da seguire e lontana dai nuovi standard tecnici. Il titolo 2K, invece, ha iniziato una crescita inarrestabile, sia dal punto di vista tecnico che per la qualità del gameplay, sempre più simulativo e bilanciato. Ed eccoci a parlare del nuovo capitolo, Top Spin 4, che ambisce a diventare il vero punto di riferimento per tutti gli appassionati da tennis.

Una Carriera tra le stelle

Le cose da fare sono davvero moltissime, ma iniziamo parlando subito del piatto forte che, come in ogni titolo sportivo che si rispetti, è rappresentato dalla Carriera. Dovremo per prima cosa creare un alter ego digitale, sfruttando l’editor presente nel gioco. Vasto e variegato, l’editor ci permetterà di sviluppare il giocatore in tantissimi dettagli estetici con una certa profondità (molti aspetti potranno sempre essere modificati anche in seguito, come la pettinatura). Saggia la scelta di far partire il nostro giocatore con dei valori, ovviamente bassi, pari in ogni caratteristica, in modo da poter permettere all’utente di plasmarne le caratteristiche in base al suo stile di gioco. Ogni partita che giocheremo ci porterà punti esperienza, e dopo averne accumulata una quantità sufficiente potremo investirli nella crescita tecnica del tennista. La struttura della carriera è basata sui mesi del calendario, in ogni mese avremo due eventi a cui partecipare, il primo di allenamento, che possono essere o un’amichevole con un giocatore controllato dal computer o, in seguito, anche particolari eventi speciali che possono farci aumentare il numero di fan, importanti per salire di graduatoria e portarci punti esperienza. L’altro evento, invece, è un torneo vero e proprio. Inizialmente prenderemo parte a tornei minori, ambientati in città come Seoul, Vienna o Kiev, composti da quarti di finale, semifinale e finale, e successivamente, quando saremo saliti di “reputazione” e abilità, ai master ufficiali. Una volta che avremo ottenuto abbastanza punti esperienza, andando nel menu gestione carriera e selezionando Il mio giocatore potremo assegnarli a una delle tre tipologie. Migliorando Servizio e Volèe miglioreranno alcuni parametri tecnici, tra cui anche resistenza, velocità e riflessi, mentre Attaccante da fondo non migliorerà la velocità ma aumenteranno altre caratteristiche come il diritto e rovescio. Il bilanciamento è davvero molto buono, in quanto le caratteristiche tecniche e fisiche miglioreranno progressivamente e in modo diverso rispetto a quello che sceglieremo (la resistenza, esempio, crescerà in modo diverso selezionando Attaccante da Fondo o Difensore da Fondo), costringendo l’utente a riflettere bene sulle proprie attitudini di gioco, utilizzando i punti nel modo più adatto ai proprio gusti. Avanzando nel gioco avremo la possibilità di cambiare i nostri allenatori, che ci porteranno degli obiettivi extra (e conseguenti punti esperienza extra), suddivisi in categorie crescenti, bronzo, argento e oro. Avremo anche un gestore di email, dove verremo invitati a partecipare a tornei, sedute di allenamento specifiche dalla Lega Top Spin o per prendere parte a operazioni di marketing relativo a vestiti sportivi (che potremo anche utilizzare durante il gioco, cambiandoli da Spogliatoio). La curva di apprendimento, molto razionale, consentirà all’utente novizio di far pratica senza eccessiva pressione (a livello Normale), aumentando la difficoltà progressivamente e in linea con lo sviluppo del giocatore. Per gli esperti è consigliabile partire direttamente dalla difficoltà Difficile.

Il tennis definitivo

Tutto si basa sul tempismo, sulla fisica, sui tempi di reazione e risposta. Top Spin 4 ottimizza il gameplay della precedente incarnazione per tirare fuori la simulazione definitiva di riferimento. I tasti di base saranno, al solito, A, B, X e Y, che corrisponderanno al colpo piatto, al top spin, alla palla tagliata e al pallonetto/lob. Attraverso i grilletti potremo variari i colpi, LT per esempio ci consentirà di effettuare un colpo inside-out. Dovremo colpire il tasto un attimo prima di essere in direzione della pallina, quasi calcolando lo spazio/tempo che intercorre tra il tasto/inizio movimento del braccio e il contatto con la pallina stessa. La nostra azione potrà essere giudicata “troppo presto”, che rilascerà un colpo normale,”buona”, colpo efficiente, “perfetta” e infine “troppo tardi”, che significherà che il nostro colpo sarà debole e facilmente prevedibile. Premendo una volta effettueremo un colpo “base”, mentre se continueremo a tenere premuto il tasto un cerchietto ci farà decidere manualmente quanta potenza riserva al colpo. Questo rientra nell’ottica di approfondimento delle meccaniche del gameplay, rendendo le soluzioni di gioco per il tennista virtuale praticamente infinite. Appagante e profondo, minuzioso e certosino, il gameplay di Top Spin 4 ambisce senza troppi giri di parole alla perfezione. Perfezione che sembra ormai dietro l’angolo.

Aspetto tecnico e longevità

Dal punto di vista grafico, Top Spin 4 si attesta su livelli molto alti. Molto dettagliati i campi da gioco, diversificati tra di loro anche in termini di gameplay e comportamento della pallina sulla superficie, e l’ambientazione attorno, un plauso speciale alle animazioni di gioco dei tennisti, incredibilmente realistiche e dinamiche. Unico neo le animazioni facciali osservabili nelle “cut-scene” durante le partite, che specialmente in primi piano denotano una legnosità difficile da nascondere. Il campionamento sonoro, essenziale e minimalista come nello spirito dello sport, è senza alcuna sbavatura. Tutt’altro che indimenticabile la colonna sonora dei menu, che in ogni caso non riveste un’importanza trascendentale. Il gioco si presenta piuttosto ricco di sfida in single-player, e il multigiocatore in locale raggiunge il top, regalando potenzialmente infinite ore di sfida. In rete troveremo nuove e gradite novità, Open 2K e Tour Mondiale: il primo ci permetterà di effettuare le partite classificate, con eventi che 2K stessa creerà settimanalmente per il nostro alter ego, mentre la seconda ci permetterà di scalare la classifica mondiale. Non è ancora possibile giocare in rete il “doppio”, unica vera limitazione per un online altrimenti impeccabile.


Conclusioni

Top Spin 4 centra l’ambizioso obiettivo prefissato da 2K, ovvero diventare una volta per tutte il punto di riferimento per gli appassionati di tennis. Simulativo, appagante e profondo, tecnicamente impeccabile e con un monte ore di gioco molto interessante, Top Spin 4 è vivamente consigliato a tutti coloro che volessero intraprendere un percorso tennistico virtuale. Qualche sbavatura grafica, e l’assenza del doppio in rete, non scalfiscono le qualità del titolo che, aspettando Virtua Tennis 4, ha già cominciato a scavare un profondo solco tra se stesso e la concorrenza.

CI PIACE

Gameplay simulativo allo stato dell’arte\nTecnicamente di alto livello\nLongevità appagante\nOnline pieno di novità…

NON CI PIACE

? ma ancora impossibile il doppio in rete\nAnimazioni facciali ancora un pò legnose

8.8Cyberludus.com
Articolo precedenteCorto ispirato a Silent Hill!
Prossimo articoloIl futuro Nintendo dalle parole di Reggie
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.