THQ e Kaos difendono il lavoro su Homefront

Sei mesi in cui i programmatori hanno fatto turni di dieci ore al giorno per sviluppare Homefront , nel mondo dell’industria videoludica questo fenomeno è chiamato “Crunching” e si riferisce al rush finale di lavoro extra che si svolge giusto prima del completamento di un gioco , anche se, come nel caso di Homefront , questo rush finale può durare anche diversi mesi .

Develop ha coperto in modo estensivo la faccenda, portando sia le testimonianze degli insider che quelle di THQ. David Votypka, general manager di Kaos, non vede nulla di strano nella faccenda : “Se questo sembra un trattamento strano o addirittura uno sfruttamento, allora faremo bene ad indignarci verso una parte ben più ampia del mondo del lavoro americano”.

Nonostante THQ sostenga che si tratti della norma, fonti anonime all’interno dello studio ritengono ingiusta questa politica di “crunch”, nonché lavorare dieci ore al giorno sette giorni su sette per ben sei mesi e temono che la compagnia stia mettendo in atto una glorificazione del “Crunch”.

Articolo precedenteQualche dettaglio sul 3DS
Prossimo articoloSDK per Kinect su PC
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.