Puntuali come le tasse, le versioni aggiornate dei giochi calcistici giungono su iPhone allo stesso modo che sulle altre piattaforme, con però una grossa differenza di fondo. Mentre infatti i titoli più famosi, come Fifa o Pes, hanno ormai raggiunto altrove la piena maturazione tecnica, modificando e limando ogni anno soltanto aspetti nel gameplay, sulla piattaforma Apple il discorso è ancora agli inizi e i margini di miglioramento sono decisamente più ampi. Real Football in particolare, brand calcistico di punta dell’onnivora Gameloft, arriva a questo appuntamento forte di un discreto predecessore, con l’obbiettivo di sfidare gli agguerriti colossi del settore.

Menu ricco di scelte

Le modalità di gioco in Real Football 2011 sono moltissime, anche se non originali (da un gioco di calcio tuttavia non ci si può aspettare certo idee stravaganti): si va dalla classica stagione completa, affrontabile anche come singolo giocatore da far crescere e maturare, alle varie immancabili competizioni come campionati e coppe, fino a una modalità scenario in cui rivivere partite storiche per cambiarne le sorti; il multiplayer, solo locale, l’allenamento, la classica amichevole e i rigori completano infine le modalità disponibili. Ampia scelta di personalizzazione è poi presente per i comandi: si potrà così adottare per il movimento dei giocatori un pad virtuale analogico o digitale oppure demandare lo scatto ad un pulsante specifico, al tilt del telefono o alla pressione più intensa della levetta analogica virtuale, il tutto per venire incontro ai gusti di ciascun utente. In particolare però la scelta del tasto dedicato per la corsa, novità di quest’anno, appare poco pratica per l’interfaccia touch di iPhone, visto che impedisce nel concreto la possibilità di effettuare tiri in corsa; meglio dunque optare per la configurazione classica, che prevede la velocità incrementabile a seconda dell’inclinazione del pad analogico, lasciando così libero il pollice destro di premere il pulsante di tiro.

Fischio d’inizio

Telefono alla mano, Real Football 2011 però non convince del tutto: viziati forse dalla splendida libertà di movimenti che la versione per console di Fifa 11 ci ha regalato, manovrare un giocatore nel titolo Gameloft fa tornare indietro di almeno 10 anni. Naturalmente, sarebbe da irresponsabili pretendere un confronto diretto tra un titolo next-gen e uno per iPhone, ma resta indubbio che da questo punto di vista si poteva e doveva fare di più. Il titolo di riferimento su App Store, per la fluidità che trasmette, resta sicuramente X2 Football, che supera la produzione Gameloft anche per la qualità delle animazioni, decisamente rigide e poco coordinate. Movimenti dei giocatori nervosi, animazioni da robot, portieri innaturali che alternano superparate a papere colossali minano pesantemente l’esperienza di gioco, sminuendone il valore. Da segnalare poi le gravi lacune in termini di licenze: molti giocatori infatti sono indicati con il loro reale appellativo ma interi campionati sono composti da squadre con nomi generici, anche se un prossimo aggiornamento dovrebbe migliorare parzialmente la situazione. Poco intuitivo resta pure l’approccio con dribbling e finte, complicate dalla lentezza e macchinosità dei movimenti. Queste grosse difficoltà si rispecchiano inevitabilmente anche sulla tattica di gioco: sebbene modificabile liberamente infatti, la gestione degli schemi tattici risulterà essere alla fine poco più che un esercizio stilistico, visto che per vincere basterà spesso rubare palla al momento giusto e scattare con il giocatore più forte.

A colpo d’occhio

Real Football 2011, sul nostro iPhone 4 di prova, non ha mostrato problemi tecnici di sorta: il framerate è stato sempre stabile e la grafica, ottimizzata per il Retina Display, è apparsa piuttosto buona e curata. Diverso il discorso riguardo alla caratterizzazione e ai volti dei giocatori, indefiniti e tutti simili a quello di Solid Snake nell’episodio su PsOne di Metal Gear Solid; pur con le solite attenuanti del caso, tale risultato appare oggi francamente inaccettabile.

Finale da San Siro…

La nuova incarnazione del titolo calcistico Gameloft per eccellenza delude i suoi fan; mentre la concorrenza avanza e si appresta ad effettuare il grande salto, con l’obbiettivo di staccare definitivamente l’accezione di “giochini per cellulare” dai titoli per iPhone, Real football 2011 si presenta con un discreta veste grafica sotto la quale però le grosse lacune di gameplay lasciano veramente interdetti. Certi in futuri e frequenti aggiornamenti, non possiamo che rimandare questa produzione a data da destinarsi, riservandoci eventualmente di rettificare il nostro parere (non certo entusiastico) fin qui espresso.

CI PIACE

Tecnicamente discreto
\nMoltissime modalità di gioco

NON CI PIACE

Giocatori lenti, macchinosi, imprecisi
\nLicenze delle squadre migliorabili
\nPrivo di qualunque tatticismo

6Cyberludus.com
Articolo precedenteNiente più kit di sviluppo per PSP
Prossimo articoloVideo Games History 2010 – Tutto è passione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.