A caccia di mostri!

Quello di Monster Hunter , rappresenta un vero e proprio fenomeno che ha conquistato la terra del Sol Levante, e non solo. Nata su Playstation 2 nel 2005, la serie Capcom sostituisce i celebri zombie e le creature mostruose di Resident Evil con veri e propri predatori, che spaziano da dinosauri preistorici a temibili draghi giganti, desiderosi di assaggiare la pelle dei protagonisti. Dimenticate storie personali o drammi psicologici; in Monster Hunter non è la trama ma la caccia e la sopravvivenza a rappresentare lo spirito del plot. I giocatori impersonano un cacciatore, membro di una possibile squadra composta da altri compagni e aiutati dagli abitanti di un piccolo e antico villaggio. L’addestramento, l’esplorazione delle terre di caccia e l’equipaggiamento sono fondamentali per non arrivare impreparati di fronte a un mostro infastidito dalla vostra presenza. Questo è in sintesi il fulcro attorno a cui ruota il brand nipponico che, dopo un seguito sempre sul monolito nero, approda su PSP con la serie Freedom Unite , dimostrando che anche in formato più piccolo, la caccia a creature bizzarre è altrettanto divertente. Da poco è stato annunciato il terzo capitolo per la piccola di casa Sony, e Cyberludus ha raccolto per voi tutte le notizie in circolazione su quello che si appresta ad essere un degno seguito della saga. Andiamo a scoprirle.

Avventura senza confini

Inizialmente denominato Monster Hunter Portable 3rd , Freedom 3 sarà il titolo definitivo della versione occidentale. Il gioco si prefigge il compito di superare in tutto e per tutto le qualità dei suoi due predecessori. Anzitutto le ambientazioni saranno vastissime e non circoscritte a piccoli pezzi di territorio. Bisognerà passeggiare un bel po’ per stanare le aberrazioni che popolano il mondo di Monster Hunter , a tutto vantaggio dei fattori esplorazione e longevità, magari attraverso oggetti segreti nascosti in angoli remoti o missioni extra per guadagnare denaro da spendere in potenziamenti. Il titolo vuole offrire questa volta esperienze e approcci diversi, soprattutto per via delle molteplici ambientazioni cosi diverse l’una dall’altra. Il video mostrato alla presentazione del terzo capitolo faceva vedere nuove aree delle terre di gioco, adesso più complesse e dagli scenari tipicamente orientali. La scena si spostava successivamente su colline dai verdi prati, a montagne impervie, illuminate dalla luce della luna, a cascate nascoste dalla fitta vegetazione a vulcani incandescenti. Il comparto tecnico non passa affatto inosservato in questo suo primo stadio di sviluppo, sfoggiando schermate ricche di dettaglio (il villaggio in particolar modo) e decorazioni varie, colori brillanti e una certa fluidità nei movimenti, soprattutto quelli della vegetazione. Il bestiario intravisto comprende creature assolutamente inedite e particolarmente curiose poiché dalle sembianze che ricordano incroci tra rettili preistorici e mammiferi dai colori vivaci. Tutto sembra deliziosamente esagerato. Le creature inoltre saranno ancora più coriacee e letali rispetto al passato e di conseguenza la strategia sarà come al solito fondamentale per avere la meglio nei combattimenti. Come al solito il giocatore, o i giocatori, dovranno partecipare alle missioni di caccia,allo scopo di ottenere denaro e potenziare le armature e gli strumenti di attacco e difesa, senza contare l’acquisto di cibo, pozioni e varie diavolerie divertenti tipiche della serie. Il combattimento mostrato in video ha esposto delle dinamiche più veloci e fluide rispetto al passato e caratterizzate da combo interessanti e sopratutto da un equipaggiamento del cacciatore che comprendeva una poderosa arma che, non solo affettava i nemici, ma addirittura sparava proiettili. Il team ha promesso infine un approccio più immediato e semplice nei confronti della modalità cooperativa, croce e delizia dell’intera serie, tentando di portare la saga verso un approccio più intrigante per tutti, e non solo per gli appassionati di questo insolito quando divertente action in terza persona caratterizzato da elementi tipicamente RPG.

Altra novità chiave di Monster Hunter Freedom 3 sarà il Felyne Comrade System . Il cacciatore in battaglia potrà portare con se dei compagni Felyne, i simpatici gattoni mascotte della serie, potenziandoli e allevandoli, dotandoli di nuove armi e armature e allenandoli in missione. Purtroppo rimangono pochi ad oggi i dettagli su queste due grosse novità, tuttavia il titolo dovrebbe uscire in tutto il mondo verso la fine del 2010 e se così non fosse l’uscita Giapponese di fine anno è praticamente un dato certo.

Conclusioni

Monter Hunter Freedom Unite 3 ha già incuriosito il popolo videoludico e le aspettative sono parecchie, soprattutto dopo due capitoli importanti e ben realizzati. E’ troppo presto per farsi un idea convincente sul prodotto ma il trailer parla chiaro su alcuni aspetti; grafica piacevole, varietà di situazioni e un bestiario curiosissimo quanto terrificante. Se le missioni saranno diversificate, la telecamera amica del giocatore e non nemica dispettosa e la modalità cooperativa ben strutturata, quella di fine 2010 potrebbe rivelarsi la migliore battuta di caccia su PSP!

Articolo precedenteNuovo video di RUSE
Prossimo articoloMetro 2033 – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.