Deviazione per i cristalli

La serie “Final Fantasy” ha portato alla nascita di diversi spin-off nel corso della sua lunga storia, alcuni dei quali piuttosto interessanti, altri decisamente mediocri. La mini-serie “Crystal Chronicles” è quella che ha partorito più titoli in assoluto, cominciando su Nintendo GameCube per poi passare su Wii e DS, con risultati altalenanti: scopo di questi titoli è offrire un approccio diverso alla serie “Final Fantasy” e ai suoi elementi dimenticando la normale struttura di JRPG a turni in favore di un approccio spesso in real-time improntato all’azione in multiplayer. Questo nuovo capitolo, “The Crystal Bearers”, presentato per la prima volta all’E3 del 2009 durante la Press Conference Nintendo, pare voler proporre una costruzione ancora differente: tanta azione unita a elementi strategici, giusto per non deludere i fan di vecchia data di titoli principali. Il gioco è molto vicino all’uscita, prevista per il 5 febbraio, e con questa prima occhiata vogliamo introdurci nel nuovo mondo proposto da Square Enix.

Layle, il Lilty portatore dei cristalli

Il protagonista di “Final Fantasy Crystal Chronicles: The Crystal Bearers” è un Lilty (razza molto simile agli umani) di nome Layle, un portatore di cristallo malvisto dalla sua gente. Questo lo ha portato a sviluppare un carattere schivo, facendosi apprezzare ancora meno da chi gli sta attorno. Delle altre razze presenti, i Selkie, i Clavat e gli Yuke, questi ultimi sembrano essersi completamente estinti, portando con loro tutta la magia del loro mondo: a quanto pare, però, uno di questi esseri mistici sembra essere sopravvissuto e vuole a tutti costi il cristallo presente sulla nave di Layle, la Alexis. Scopo di Layle sarà quello di recuperare il cristallo, facendosi accompagnare da una serie di personaggi incontrati sulla via: il gioco si struttura come una sorta di free-roaming game, dove il giocatore deve guidare (pseudo)liberamente il protagonista per cercare qualcosa da fare, oggetti da trovare e missioni da scovare. A questo genere di gameplay si alternano alcune fasi d’azione per i combattimenti, da prendere in ogni caso con le pinze e con la dovuta cautela, e altri generi inseriti per offrire una maggiore varietà. A quanto pare questo bizzarro mescolamento videoludico, unito a tutta la magia dell’universo “Final Fantasy”, vuole proporre qualcosa di innovativo sulla console Nintendo Wii, un’esperienza che sulla bianca console Nintendo è difficile ritrovare (e pure in esclusiva), se non in rare occasioni! A tutto questo si aggiungono i tanti poteri telecinetici dell’eroe Layle, che gli permetteranno di manipolare tutto ciò che desidera, dentro e fuori dai combattimenti: potrà capitare di utilizzare questa forza mistica sia per sconfiggere qualche mostro sia per spassarcela a seminare un po’ di zizzania in giro per il mondo! Unita a questo bizzarro gameplay, inoltre, è presumibile che ci si troverà di fronte ad una trama decisamente solida, alla quale la serie “Final Fantasy” ci ha abituato da tempo e sempre con risultati di estrema qualità.

Tecnico splendore

Già dal primissimo trailer del gioco presentato all’E3 risultava evidente che questo titolo mirava a un livello tecnico decisamente superiore agli standard del Nintendo Wii! Sia gli aspetti grafici che quelli sonori sono curati fino allo stremo, e sembra quasi di trovarsi di fronte a un gioco preso dalla prima fascia di un altro gioco di prima generazione (beh, del resto non si può chiedere troppo). E’ vero, va riconosciuto, che l’abito non fa il monaco e che non è la tecnica a fare la differenza in un gioco ma, oggettivamente, quando su Wii viene proposto del materiale di qualità è difficile non apprezzarlo! “The Crystal Bearers” si propone per non deludere in nessun aspetto!

Conclusione

“The Crystal Bearers” è un titolo che richiede un’attesa mossa da un’emozione moderata, ma comunque presente: non tutti, forse, ne apprezzeranno la struttura, vista la sua varietà, ma non si potranno certo ignorare tutti gli aspetti che il titolo mostrerà in fatto di qualità tecnica e di giocabilità. L’universo “Final Fantasy” su Wii, infatti, sembra non essere mai stato così bello da vedere, da ascoltare, da vivere… E fra pochissimo tempo potremo avere conferma di tutto questo!

Articolo precedenteDivinity II: Ego Draconis (2)
Prossimo articoloNuovi video per Super Street Fighter IV
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.