Articolo a cura di Sonny Ubertini

Guns, Gore & Cannoli ripesca a piene mani gli side scroller dell’era cablata – di cui probabilmente Metal Slug è il titolo “recente” più conosciuto – e, dopo l’approvazione da parte della comunità di Steam Greenlight, arriva infine sui nostri pc. Ciò che vi aspetta si può riassumere facilmente: scenari bidimensionali tra i più disparati, personaggi sopra le righe e tanti nemici da trucidare con una moltitudine di armi e oggetti raccoglibili durante la storia. Fin qui nulla di nuovo insomma, anche perché di shooter del genere – principalmente nel panorama indie – se ne trovano a vagonate. Ciò che però fa saltare all’occhio il gioco, a parte la sfacciataggine del titolo, è il connubio ironico e fuori dagli schemi che sa proporre.

Stiamo parlando di un gioco così sfacciato in cui Vinnie, sicario mafioso, viene mandato alla ricerca di un membro della sua gang a Thugtown, che intanto è sottomessa da un’invasione zombie. E cosa ne pensa il protagonista? Che ha un lavoro da svolgere e che lui non si tira mai indietro. Questa è sostanzialmente la summa della trama che dopo il video iniziale, saluta il giocatore per lasciare spazio alla carneficina sfrenata che seguirà durante l’avventura.

Parlando di affari

Il titolo si dimostra parente stretto del già citato Metal Slug attraverso una serie di comandi di gioco limitati al movimento e al grilletto: il resto è lasciato al giocatore che, anche se inizialmente dotato di una semplice pistola, potrà divertirsi con tante armi diverse – mitragliatrici, lanciafiamme e lanciarazzi, per dirne alcuni – che si potranno raccogliere nel corso dei livelli. Il gioco si mostra orientato al divertimento e concede il classico inventario dell’one-man-army. Perciò non spaventatevi in caso di morte, perché le vostre armi saranno sempre lì a vostra disposizione. Gli scenari non si sono rivelati particolarmente interattivi, ma sono comunque pieni di oggetti distruttibili, e soprattutto ricchi di tanti bei barili esplosivi in grado di rendere diversi scontri un vero e proprio spettacolo pirotecnico. Gli zombie svolgono bene il loro ruolo e sono ben variegati, passando dai classici civili a forme più evolute, toste e spettacolari. Non che siano gli unici nemici: la malavita locale continua a essere presente, così come sono presenti anche gli addetti del governo mandati a risolvere la situazione. Questo significa che oltre a dover evitare di essere schiacciati dalle orde di zombie e dagli gnomi volanti -ebbene sì – si dovrà anche prendere dimestichezza nell’evitare i proiettili e il resto del vasto armamentario di cui godono gli avversari umani. L’apice, ovviamente, è raggiunto dalle classiche boss fights, che pur non proponendo nulla di realmente innovativo, si sono dimostrate divertenti, variegate e meno facili di quanto ci si potesse aspettare.

In generale, la formula del gameplay funziona perché i nemici sono ben calibrati, i cannoli – ovvero i medikit – e le munizioni ben piazzate, e l’aggiunta del corpo a corpo ben implementata, ma, soprattutto, perché la bizzarra quanto ottima lavorazione delle armi è perfetta: esse hanno un tempo di ricarica unico, delle animazioni mai riciclate e ognuna ha un proprio rateo di fuoco. Bizzarro, perché di solito su questa tipologia di giochi si sceglie una strada più classica e senza cervello. Significa, quindi che gli scontri saranno più ragionati e, a dispetto di una difficoltà contenuta, comunque più impegnativi. Purtroppo, la magia viene interrotta da un unico, fondamentale punto dolente: l’assenza del fuoco verticale. Perché anche se non tutti possono essere Contra, le implicazioni del gameplay si rivelano comunque decisive, dove in più di un’occasione io e il mio amico ci siamo trovati in presenza di nemici a cui non era possibile sparare. Speriamo che – anche a dispetto delle critiche che circolano in rete a riguardo – gli sviluppatori decidano di patchare il gioco al fine di implementare quest’utile modalità di fuoco. Ho parlato di un mio amico perché nel gioco è presente la co-op fino a 4 giocatori: altri 3 scagnozzi si uniranno a Vinnie e sarà possibile affrontare tutto il gioco insieme. Questo ovviamente è il pregio maggiore del gioco che si rivela perfetto per essere giocato in compagnia, anche in vista di tutte le ripercussioni che si hanno col fuoco amico attivo per quanto riguarda le granate e le esplosioni. La nota dolente in questo caso è la limitazione alla sola rete locale, il che è un peccato visto anche il successo che il titolo sta raccogliendo.

Gangster di classe

Se nel gameplay il gioco mostra qualche lacuna, lo stesso non si può dire del comparto tecnico. Qui l’elogio è dovuto, perché lo stile è notevole, quasi perfetto e il tratto dei disegni è curato e nitido grazie allo splendore dell’alta definizione. Ogni sprite è stato implementato meticolosamente, abbondando di dettagli anche negli scenari – così tanto che a volte si farà fatica a capire quale sia la parte interattiva – ma anche negli effetti di gioco e, in generale, nella cura complessiva che è stata applicata al campo visivo che, ancora una volta, dimostra come titoli di questo calibro possano tirare fuori i denti nella qualità artistica. Ottimo anche il sonoro che spazia da un doppiaggio volutamente divertente e sopra le righe a una soundtrack di tutto rispetto, coerente col contesto e d’epoca – per esempio la tarantella -, andando in definitiva a confermare come la cura tecnica del gioco sia di prim’ordine. Inoltre, dopo una polemica su Steam Greenlight, gli sviluppatori hanno accettato di aggiungere i sottotitoli in italiano, in quanto non previsti nell’idea iniziale di progetto.

Concludendo

In definitiva, Guns, Gore & Cannoli è un bel gioco. Dura complessivamente poco, sulle 3 ore e mezza, ma la co-op e il prezzo accessorio di 10 euro lo rendono comunque un buonissimo titolo. Ha i suoi difetti, tra spawnpoint buggati e il già citato fuoco verticale, ma rimane comunque un titolo divertente, scanzonato e con personalità che, se curato maggiormente in alcuni campi del gameplay, sarebbe potuto essere un gioco di culto.

CI PIACE

– Contesto originale\n- Divertente, anche con amici\n- Da apprezzare l’aggiunta dei sottotitoli in italiano

NON CI PIACE

– Co-op solo locale\n- Manca il fuoco verticale

Conclusioni

Mai visti mafiosi alle prese con zombie tra un dolce e l’altro, vero?

7.5Cyberludus.com
Articolo precedenteInformativa Cookies
Prossimo articoloAnnunciato ufficialmente Fallout 4
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.