Quando si vive di sole espansioni?

A circa sette mesi di distanza dall’uscita dell’ultimo capitolo del celebre gestionale di vita reale di EA, ecco arrivare la prima espansione. Si sa, la serie The Sims ha sempre vissuto di contenuti scaricabili ed espansioni fin dal primo capitolo e quest’anno l’obiettivo di Maxis – oramai defunta – è stato quello di portare sui nostri computer un espansione atta ad ampliare l’esperienza lavorativa dei nostri Sim, da sempre anello debole dell’esperienza di gioco. Dopo aver giocato intensamente al quarto capitolo (e se non avete ancora letto la nostra recensione, mi raccomando rimediate a questo link) ci siamo buttati a capofitto su questa espansione Al lavoro, vogliosi di testare le novità introdotte alla formula di gioco. Abbiamo provato per voi le professioni giocabili e l’innovativo sistema di gestione dei negozi, e ora siamo pronti ad offrirvi il nostro responso finale.

N.B. Questa non sarà una recensione tradizionale. Trattandosi di una espansione abbiamo pensato di omettere la classica “pagellina” con le valutazioni a favore di un consiglio all’acquisto.

Dottori, poliziotti, scienziati e…alieni!

Partiamo subito dalla principale nota negativa di questa espansione: le poche professioni giocabili! L’idea introdotta da Maxis è in se geniale, visto che mai ci era stato permesso di gestire in prima persona la carriera lavorativa dei nostri Sim in maniera così approfondita, ma la presenza di sole tre carriere – medico, scienziato e detective – ci ha fatto sorgere qualche dubbio di troppo. Buttato giù a fatica il boccone pesante della carenza di contenuti, ci siamo presi la libertà di testare appieno le tre carriere.

Partendo subito dalla carriera di detective, abbiamo apprezzato l’enorme varietà di obiettivi giornalieri che è possibile compiere. Investigare sui diversi casi comporterà diverse azioni da dover compiere nel minor tempo possibile, come ispezionare scene del crimine, interrogare sospettati, prendere impronte, analizzare prove e molto altro. Creata una mappa con indizi e prove presso la stazione di Polizia – vera e propria base operativa della nostra carriera – sarà possibile generare un identikit del sospettato e sarà nostro compito scovarlo ed arrestarlo. Dopo ogni arresto, potremo infine procedere agli interrogatori, mostrando prove e intimidendo il sospettato per poi ottenere una confessione. Salire di rango non è assolutamente difficile una volta presa confidenza con i vari obiettivi e richieste giornaliere e ci ritroveremo a capo del distretto in men che non si dica.

La carriera di scienziato, nonostante sia meno “movimentata” rispetto a quella del detective, riesce comunque a divertire. All’interno del nostro laboratorio – dopo aver familiarizzato appieno con le varie strumentazioni presenti – potremo dare alla luce a nostre invenzioni come oggetti o addirittura sieri…per non parlare della possibilità di aprire un portale per un mondo parallelo! La carriera del medico invece sul lato gameplay ricorda molto quella del detective: alle prove ed indizi sono stati sostituiti diagnosi e radiografie che potremo utilizzare per conseguire interventi chirurgici e operazioni d’urgenza ai vari pazienti che ogni giorno dovremo curare presso l’ospedale.

Oltre alle tre carriere esplorabili, all’interno di The Sims 4: Al lavoro! è stata introdotta la possibilità di avviare una nostra attività commerciale. A patto di disporre di adeguati fondi, potremo aprire attività che variano da negozi di vestiti, alimentari o addirittura di elettrodomestici. La nostra attività sarà personalizzabile non solo dal lato estetico – con decorazioni, insegne e uniformi del personale – ma anche dal lato puramente logistico, con listini prezzi, numero di dipendenti e orari di lavoro/apertura. Grande ritorno è infine quello degli alieni che non tarderanno di certo a fare qualche visitina ai nostri Sim, che si potranno ritrovare “miracolasamente” incinti di una qualche creatura extraterrena…si, il mio Sim – maschio – ha dato alla luce un marziano! I personaggi alieni – peraltro – saranno caratterizzato da interazioni sociali uniche e dalla possibilità di trasformarsi in forma umana a piacimento.

Vale l’acquisto?

Ni. Se da un lato l’espansione Al lavoro! propone qualcosa di mai visto fino ad ora nel gestionale di EA, dall’altro la presenza di sole tre professioni liberamente giocabili e del prezzo dell’espansione di circa 40 euro (anche se su molti rivenditori digitali esterni a Origin, è possibile trovarla a prezzi praticamente dimezzati), terranno lontani dall’acquisto non pochi giocatori che magari tenteranno l’assalto in presenza di sconti o di pacchetti comprensivi di DLC. In ogni caso l’espansione resta ben confezionata e divertente da giocare, e sicuramente ogni fan sfegatato della serie The Sims dovrebbe valutarne l’acquisto. Alla prossima espansione!

CI PIACE

+ Divertente e spietato: è Mortal Kombat
+ Ottima caratterizzazione dei personaggi
+ Buon bilanciamento tra offline e online
+ Il sistema a “Fazioni” ci ha convinti in pieno
+ Tecnicamente solido e ben ottimizzato su PC

NON CI PIACE

– Il grosso dei problemi riscontrati al day-one è stato risolto, ma potreste ancora incappare in qualche intoppo nella modalità online
– Basta coi DLC a pagamento in “allegato”: dateci tutto e subito, non vi basta il prezzo PIENO di acquisto?

Conclusioni

Con Mortal Kombat X la serie sbarca per la prima volta su next-gen e lo fa in grande stile. Un gameplay validissimo, una struttura di gioco solida ed un’innovativa integrazione con la community online sono i caratteri distintivi di questo nuovo episodio targato NetherRealm Software.

8.2Cyberludus.com
Articolo precedenteEcco un nuovo trailer di Project CARS
Prossimo articoloCall of Duty: Black Ops III: ecco il teaser trailer “Braci”
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre. Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.