Alzi la mano chi non ha mai provato in vita sua una montagna russa, la classica attrazione che unisce il gusto del pericolo calcolato, al piacere di ricevere la scarica di adrenalina dritta dritta nello stomaco, mentre si sfreccia sui binari della giostra. Certo, non possiamo sicuramente biasimare quanti non hanno alzato la mano: magari preferiscono evitare di accomodarsi su dei vagoncini che possono arrivare a toccare la bellezza di svariati chilometri orari su un percorso ricco di saliscendi e avvitamenti. Fortuna vuole che sia per gli appassionati della tipica attrazione, sia per quelli solitamente più propensi a tenere ben ancorati i loro piedi al terreno, arriva ScreamRide, videogioco interamente dedicato alla giostra più emozionante – dopo la casa degli orrori, ovviamente – di tutti i rispettabili parchi divertimento.

AAA Cercasi cavie per giostre pericolose. Astenersi perditempo

Sviluppato dalla Frontier Developments di David Braben (creatore, tra l’altro, del simulatore spaziale Elite) ScreamRide è quello che potremmo definire erede spirituale di Rollercoaster Tycoon, da cui ricava molti dei concetti fondamentali, soprattutto per quello che riguarda il ruolo di creatore di tracciati, che vengono rielaborati e ampliati da una formula mista che prevede l’inserimento, oltre appunto alla creazione dei tracciati, anche di una sezione dedicata alla distruzione e un’altra dedicata alla guida. Ed è proprio da quest’ultima che abbiamo deciso di iniziare la campagna di ScreamRide. Difatti, la ScreamWorks, nota azienda produttrice di montagne russe, è alla ricerca di personale che possa farle da cavia…scusate, da tester per le proprie attrazioni site in sei zone diverse della Terra. Ogni zona comprende diversi tracciati, diversi l’uno dall’altro, che vengono affrontati a bordo di alcuni vagoncini provvisti talvolta di turbo, talvolta di ali o di esplosivi. Lo scopo principale della società è quello di causare quante più urla possibili dei passeggeri, così che possano definire, tramite le stesse, il grado di divertimento di ogni tracciato. Ognuno di essi, infatti, è colmo di curve, salite, discese e avvitamenti ai quali si aggiungono sezioni dove, durante la guida, sarà possibile ricaricare la barra del turbo, ad esempio, o dove si salterà nel vuoto da un binario a un altro. Di contro, il nostro compito sarà quello di affrontare ogni tracciato cercando di soddisfare gli obiettivi prefissati, che ci permettono di guadagnare punti extra che serviranno poi a sbloccare le aree successive. Questi obiettivi vanno dalla basilare richiesta di non deragliare, a compiti più complessi e strambi, come ad esempio fare esplodere il vagoncino uscito fuori dai binari della giostra, cercando di distruggere gli edifici attorno alla pista. Da questo insieme di cose da fare, si intuisce subito come nel titolo sviluppato da Frontier vi sia la volontà di proporre un gameplay misto, dove ogni sezione presente nella sua struttura, ovvero la guida, la distruzione e la creazione, si fondono per cercare di offrire un’esperienza quanto più varia possibile.

Un po’ simulatore, un po’ puzzle game

Per un certo verso, ScreamRide riesce anche nell’intento di offrire un gameplay alquanto variegato ma, alla fine, mostra altresì alcuni evidenti limiti strutturali, che causano il calo del grado di divertimento offerto. In buona sostanza, se da un lato la possibilità di guidare la giostra attraverso tracciati sempre diversi – ma fondamentalmente tutti più o meno simili tra loro – diverte nel corso delle prime fasi di gioco, dall’altra l’avere degli obiettivi uguali per ogni pista, salvo rari casi in cui fanno capolino una manciata di compiti di diversa fattura (legati sostanzialmente al tipo di vagoncino guidato), portano il giocatore a cercare di guadagnare il solo numero di punti necessario allo sblocco dell’area successiva. Le cose non cambiano nemmeno quando si tratta di prendere in considerazione le altre due sezione di cui si compone ScreamRide. Infatti, sia per il ruolo di Distruttore, dove dovremo lanciare le nostre simpatiche cavie contro degli edifici per causarne la distruzione, sia per il ruolo di Creatore, che invece prevede il dover terminare un determinato tracciato in un numero predefinito di mosse come nel più classico dei puzzle game, la solfa è sempre la stessa: all’inizio ci diverte, ma dopo aver raggiunto qualche obiettivo, la noia tende a prendere il sopravvento. Solo la modalità Sandbox, che permette di creare liberamente senza alcun tipo di paletto il proprio tracciato, aumenta leggermente la longevità di un titolo che, altrimenti, avrebbe avuto ben poco da dire.

Tecnicamente parlando…

Anche sul fronte tecnico ScreamRide non riesce a spiccare, mantenendosi su un più che discreto livello di qualità, con paesaggi e personaggi molto cartooneschi e divertenti, che vantano una pulizia grafica di tutto rispetto. È uno stile che può piacere oppure no ma, tutto sommato, la scelta stilistica non rappresenta in alcun modo un aspetto negativo della produzione Frontier. Anche l’audio non mostra particolari cedimenti, con un buon doppiaggio in italiano, effetti sonori verosimili e una colonna sonora di genere commerciale molto orecchiabile.

Concludendo?

ScreamRide è un buon gioco, divertente all’inizio con tutti i suoi tracciati, gli obiettivi, le distruzioni spettacolari e il comparto tecnico cartoonesco di discreta fattura, ma è anche un gioco che può potenzialmente annoiarvi in breve tempo, se vissuto tutto d’un fiato. A mitigare questa sensazione i ragazzi di Frontier hanno pensato bene di inserire la modalità Sandbox, dove poter dare libero sfogo alla nostra fantasia nella creazione di tracciati sempre più pericolosi e spettacolari. In definitiva, ci sentiamo di consigliare ScreamRide a tutti gli appassionati di montagne russe e della serie Rollercoaster Tycoon, per cui il titolo Frontier potrebbe rappresentare un acquisto obbligato, anche in luce del prezzo a cui viene venduto, mentre consigliamo a tutti gli altri, curiosi di provare un gameplay che racchiude in se diversi generi, di provare a dargli una chance: pur con i suoi difetti, siamo certi che ScreamRide sarà in grado di divertirvi.

CI PIACE

Un misto di generi che diverte e propone qualcosa di nuovo nel panorama dei videogiochi attuali.

NON CI PIACE

Alcune scelte di game design portano il giocatore ad affrontare il gioco di corsa durante le fasi finali di ogni sezione, creando una fastidiosa sensazione di noia.

Conclusioni

Se vi è sempre piaciuta la serie Rollercoaster Tycoon, ScreamRide vi proporrà su next gen alcuni dei concetti fondamentali della serie, ampliandoli con diversi generi per proporre qualcosa di nuovo e di dinamico. Consigliato a chi adora le montagne russe.

7Cyberludus.com
Articolo precedenteFinal Fantasy XV: ecco i primi 30 minuti dell’Episode Duscae
Prossimo articoloResident Evil Revelations 2: in arrivo la versione retail
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.