John Carmack importante figura nel settore video ludico, al lavoro attualmente sul motore grafico di Rage, ha parlato della prossima next-gen sfruttando l’occasione del proprio keynote all’edizione 2013 del QuakeCon.

Ecco le sue parole relative alla console-war: "Tutti mi chiedono di fare un confronto tra le due piattaforme per dire A è migliore di B. Essendo onesto, non ho effettuato un benchmark dettagliato per cui non posso dare una risposta veritiera. Ma sono molto vicine, e molto buone. Non è un segreto che, nel corso dell’ultima generazione, ho preferito Xbox360 su PlayStation 3. Mentre ci sono state alcune cose che Sony ha fatto bene, per uno sviluppatore la 360 è stata una piattaforma migliore dove lavorare. Sony ha fatto grandi passi. I loro strumenti di sviluppo sono migliori di quanto lo siano mai stati".

Poi su Kinect: "Non sono ancora convinto da Kinect. Mi rendo conto che i miei bisogni e desideri come sviluppatore non siano gli stessi della larga base di consumatori. Credo che Kinect abbia ancora delle limitazioni fondamentali con latenza e framerate. Fondamentalmente l’interazione è povera. Ho criticato Apple per il mouse a un bottone perché chiunque lavori con un mouse vuole più bottoni. Bene, Kinect è come un mouse a zero bottoni con tanta latenza".

Ha poi espresso un parere su tecnologie come Google Glass: “Il futuro è in queste cose, e sarà positivo per tutti in generale, ma un sacco di queste cose sono inevitabili”.

E voi come la pensate? Siete d’accordo con Carmack?

Articolo precedenteMetal Gear Rising: Revengeance: Konami apre le porte ad un seguito
Prossimo articoloNASCAR The Game:2013 sarà distribuito in Europa da Deep Silver
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.