L’affascinante Jade Raymond, figura chiave di Ubisoft Toronto, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai colleghi di Digital Spy, spiegando come in un futuro prossimo i lavori sul multi-player potrebbe portarlo ad essere molto più interessante di quanto lo sia ora, arrivando addirittura a renderlo la modalità di gioco principale. Ovviamente non si sta parlando di sparatutto, dove il single-player a volte viene pressoché snobbato a favore dell’online. Leggiamo le sue parole:

“Pensate a un gioco in cui ci sono migliaia di personaggi all’interno dello scenario, mille solo in una strada, e tutti si comportano in modo sensato e intelligente. Per me sarebbe un arricchimento dell’esperienza dal punto di vista del gameplay, nonché la dimostrazione che gli investimenti sul fronte della qualità non significano solo cut-scene più belle. Tutto sta a come quella performance acquista un senso e arricchisce l’esperienza in un contesto multiplayer, quando non stiamo assistendo a una sequenza predeterminata bensì al movimento del nostro personaggio e di quelli controllati da altre persone. Penso che la chiave sia come renderemo attraenti questi prodotti a un ampio pubblico. I giochi in multiplayer vengono visti con diffidenza: a meno che non siate appassionati di first person shooter (FPS), probabilmente non vorrete proprio andare online nel gioco ed evitare del tutto questa esperienza. Magari molta gente non ci pensa, ma a mio avviso il punto è rendere attraente la componente online per tutti i tipi di utenti, a maggior ragione quando costituisce la parte fondamentale del gioco”.

Che ne pensate?

Articolo precedenteSkyrim eletto gioco della generazione dal popolo di Amazon
Prossimo articoloSEGA acquista Atlus?
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.