Dopo aver sviscerato a fondo il primo capitolo e fatta conoscenza della detective Erica Reed, passiamo al setaccio la sua nuova indagine, raccontata nel secondo capitolo della serie Cognition, chiamato per l’occasione The Wise Monkey. Ricordiamo che questo episodio è stato rilasciato sottotitolato in italiano su Zodiac Store a partire dal 3 Giugno, al costo di 7,99?.

Non vedo, non sento, non parlo

Dopo un breve e riassuntivo filmato che spiega, a chi avesse saltato il primo episodio, la storia di Erica Reed e la conclusione del caso precedente, veniamo subito e senza troppi fronzoli scaraventati nella realtà, nuovamente nei panni di Erica ancora alle prese con i suoi fantasmi. E’ notte, ormai, negli uffici dell’FBI e dopo un breve colloquio con il proprio capo assistiamo, subito, al primo colpo di scena del gioco, preludio a tutta la violenza cui Cognition ci ha ormai abituato. Una partenza a razzo, più diretta rispetto a quella del primo episodio, forse meno claustrofobica: un incipit che serve subito a mettere in chiaro quali saranno i toni della vicenda, ossia cupi e tetri, con una escalation di violenza che supera, per forme e quantità, quella vista in Episode 1. The Wise Monkey segue, dunque, una sua linea narrativa apparentemente slegata dalle vicende di The Hangman; questo solo apparentemente, visto che è volontà di Phoenix Online Studios raccontare, nei cinque episodi previsti, la storia di Erica Reed e del serial killer che la perseguita, con la rossa detective al centro dell’intreccio narrativo e le trame parallele a fare da contorno, utili ai fini dell’approfondimento del carattere stesso della detective. L’indagine si svolge esattamente alla stessa maniera della precedente, ossia investigando scene del crimine, interrogando testimoni e mettendo assieme il materiale raccolto, ma a differenza del passato il tutto sarà molto più lineare e meno intrecciato con casi precedenti, gravando in questo modo anche sulla longevità del titolo, inferiore a quella del precedente episodio.

Modus Operandi

Com’era lecito aspettarsi, trattandosi di un titolo diviso in episodi per esigenze narrative, la struttura ludica è esattamente la stessa del precedente capitolo e, supponiamo, sarà la medesima anche per gli episodi a venire. Stessa struttura da avventura grafica camuffata da thriller poliziesco in cui bisognerà raccogliere prove, esaminare indizi e trovare la scintilla che ci permetta di proseguire sino all’epilogo, sfruttando il potere sovrannaturale di Erica che le permette di rivivere le memorie di oggetti, persone e luoghi. Come in The Hangman, anche qui la difficoltà tende inesorabilmente verso il basso, segno evidente che la volontà di Phoenix Online Studios non è tanto quella di creare una serie complicata o una sfida di livello, quanto orchestrare un’opera che metta al centro della sua esperienza la narrazione e il coinvolgimento del giocatore nella vicenda. Rispetto al passato non si notano nemmeno dei miglioramenti sotto il profilo tecnico; quindi ci ritroveremo nuovamente con un ottimo comparto sonoro, arricchito da uno splendido doppiaggio, e un mediocre comparto grafico con i soliti problemi di sovrapposizione degli scenari con i personaggi, glitch, macchinosità dei movimenti e bassa definizione di alcuni fondali.

La saga prosegue

Dopo un primo e discreto esordio, Cognition s’impreziosisce con un nuovo e ben confezionato capitolo che non riesce nell’impresa di far compiere un salto di qualità alla serie, ma ha almeno il merito di proseguire sulla buona strada tracciata da Phoenix Online Studios senza cali di qualità. Un titolo discreto anch’esso che eredita dal genitore vizi e virtù, con il solo neo della minore longevità a decretarne una valutazione inferiore: un titolo consigliato a chi è alla ricerca di un’avventura dai toni forti e maturi, decisamente violenti, senza però la pretesa di avere a che fare con un capolavoro.

CI PIACE

-Stessi pregi del predecessore?\n-Glitch meno frequenti

NON CI PIACE

-?purtroppo anche stessi difetti\n-Più breve del predecessore

Conclusioni

Non mi aspettavo miracoli di San Gennaro e, a essere sincero, nemmeno dei semplici cambiamenti: Cognition Episode 2 è, allora, tutto ciò che mi aspettavo, ossia il seguito naturale della prima avventura di Erica Reed come se non ci fosse stata alcuna interruzione. Niente di più, un pochino di meno, poiché basteranno appena tre ore abbondanti per completarlo.

6.8Cyberludus.com
Articolo precedenteNinja Gaiden 3: Razor’s Edge – Data di uscita e demo
Prossimo articolo[AGGIORNATA] Dead Space 3 – Trailer e data per Awakened
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.