Il movimento secondo Zindagi e San Diego Studios

E di tanto in tanto salta fuori qualche nuova produzione che ci spinge a rispolverare Playstation Move e Playstation Eye dalla soffitta. Per nostra fortuna non si tratta dell’ennesimo ruolo accessorio assegnato alla periferica di movimento Sony, ma del seguito di uno dei titoli di punta dedicati alla primissima line-up del controller con i sensori di movimento. Stiamo parlando di Sports Champions, simulatore sportivo prodotto da Sony, sviluppato da San Diego Studio e Zindagi Games ed uscito su PS3 nel settembre 2010. I due team a lavoro sul titolo hanno dimostrato di saper sfruttare le caratteristiche Move a dovere attraverso la simulazione della pallavolo, del tiro con l’arco, dei combattimenti con la spada e tanto altro. Esperienza forgiata ancora di più grazie a Medieval Moves, la prima e vera avventura fantasy dedicata a Move. A sorpresa, durante l’E3 2012, Sony ha confermato ufficialmente l’arrivo di Sports Champions 2, promettendo nuovi sport da vivere direttamente a casa nostra e tanto divertimento assicurato. E’ dai tempi di Sorcery che non sfruttiamo la bacchetta magica Sony e vista la povertà di titoli disponibili su piazza, ci siamo non poco elettrizzati quando la copia del gioco mandataci da Sony è arrivata sulla scrivania della redazione. Siete pronti a sudare come si deve per la vittoria e a scoprire se questo sequel è all’altezza del capitolo principale? Si parte!

Scaldiamoci un pò

Una volta avviata la nostra copia di Sports Champions 2, avremo la possibilità di creare il nostro alter ego virtuale, a partire dal nome, all’abbigliamento, al look, al colore della pelle. E’ chiaro sin dall’inizio dunque che sbloccheremo gadget e costumi extra mano a mano che procederemo nella nostra scalata competitiva verso il podio dei vincitori. Terminato lo show, potremo scegliere sin da subito tra le varie discipline offerte da questo seguito: bowling, golf, boxe, tiro con l’arco, sci e tennis. Ancora una volta abbiamo storto il naso come in passato: sei discipline ci sembrano davvero poche e sicuramente si poteva fare di più. Senza contare che il tiro con l’arco faceva già parte del pacchetto del primo SP e non ha dunque tanto senso riproporlo (da solo!) in questo seguito. Assicurandoci di aver calibrato perbene il nostro Playstation Move e selezionata la disciplina specifica, potremo scegliere se iniziare con il tutorial (che vi consigliamo per un’infarinatura generale sui movimenti da compiere) oppure buttarci direttamente nella mischia,da soli o in compagnia di altri tre amici muniti di periferica di movimento. Vi verrà chiesto anche se siete destri o mancini e se possedete un Move per ogni mano. A questo proposito, in discipline come lo sci e la boxe è chiaro che l’esperienza risulta più coinvolgente, ma solo se ve lo fate prestare o lo possedete. Comprare un’altra periferica solo per questo titolo è una spesa assolutamente non necessaria. Come da tradizione, il comparto tecnico sfoggia una veste grafica brillante, realizzata con colori accesi, effetti di luce e qualche effetto speciale carino. Cartooneschi e plasticosi il nostro alter ego,amici e sfidanti. Buono e realistico il campionario suoni e discrete le musiche di accompagnamento. Considerati il titolo e il genere, non ci possiamo proprio lamentare dell’ "ovvio", in genere assente in molte produzioni simili.

Che vinca il migliore

E finalmente ci immergiamo nel pieno dell’azione: ancora una volta Move si rivela (la maggior parte delle volte) preciso, immediato, veloce e facile da utilizzare. Durante le vostre sfide non dovrete solo agitare a casaccio la periferica, ma simulare veri e propri movimenti indicati dalle icone su schermo. Ad esempio, dovrete piegarvi e saltare al momento giusto durante lo sci, abbassare e alzare le braccia in posizione di difesa per la boxe e creare movimenti del braccio perfetti nel golf e nel bowling. Che i pigrissimi stiano alla larga da questo titolo, che vi costringerà a rimanere alzati e in movimento sessione dopo sessione. Nonostante l’indubbia risposta del controller, vi consigliamo di giocare in un ampio spazio, dato che alcuni movimenti da simulare vanno fatti con attenzione e precisione perfetta per essere riconosciuti. Il tiro con l’arco non regala nulla di nuovo: risulta divertente e facilissimo allo stesso tempo con un po’ di pratica. Diventare Robin Hood sarà uno scherzo, a patto di massaggiare il braccio a causa della postura da tenere. Il bowling e il golf risulteranno pericolosissimi se giocherete in una stanza piccola e piena di persone. Dovrete incurvare e poi stendere completamente e realisticamente l’intero braccio per fare strike e mandare palla in buca. La boxe prende sin dall’inizio, ma abbiamo notato che non sempre PSEYE legge con esattezza i nostri supercolpi caricati. Lo sci vi chiederà non solo di direzionare a dovere il vostro alter ego per evitare le pericolose curve delle distese innevate, ma vi obbligherà a saltare e a piegarvi al momento giusto: un solo errore e cadrete. Il tennis risulta lo sport più avvincente del pacchetto, dove suderete di più nonostante non possiate spostarvi lateralmente e dove avrete la possibilità di effettuare tiri sempre diversi. I riflessi e il tempismo qui sono un must. Le sfide cresceranno di volta in volta e avremo a che fare con rivali sempre più tosti. Se è vero che la pratica porta alla perfezione vi avvisiamo che dovrete essere piuttosto abili per arrivare in cima. Inutile dire che il divertimento in singolo dopo un po’ sfuma inesorabilmente. Sports Champions 2 è ovviamente pensato per la famiglia, per i sabati sera a casa con gli amici e per tutte le ricorrenze dove smaltire le abbuffate con un po’ di movimento è praticamente perentorio. Il gioco offre la possibilità di giocare fino a quattro giocatori contemporaneamente e di salvare e pubblicare le nostre statistiche. Concludiamo infine menzionando la modalità Party Mode, pensata appositamente per creare e personalizzare tornei e sfide specifiche, con la possibilità di inserire le nostre regole e le discipline che preferiamo.

Conclusioni

Al momento attuale, Sport Champions 2 si proclama come il miglior titolo "made in Move" del momento. Complice anche una siccità di titoli simili imbarazzante su Playstation 3, l’ultima fatica di Zindagi Games e London Studios propone discipline inedite divertenti, tutte da provare in compagnia degli amici all’insegna della sfida e della sana competizione. Tuttavia non ci sentiamo di premiare questo seguito con lo stesso voto del primo capitolo. Non solo tutte le discipline del passato (tranne il tiro con l’arco) sono sparite, ma in tutto ci troviamo davanti a cinque miseri mini-giochi che, prima o poi, vi stancheranno. Avremmo gradito una collezione più ampia tra vecchio e nuovo, perché cinque discipline nuove sanno più di contenuto aggiuntivo che di nuovo titolo. Per fortuna, il prezzo non supera le trenta euro, perciò decidere se acquistarlo adesso o tra qualche anno non sarà una scelta cosi ardua come le sfide che vi attendono per l’ambita coppa d’oro!

CI PIACE

Move funziona alla grande e immergersi nel vivo delle sfide è facilissimo
In compagnia è uno spasso assicurato, a patto di non giocare troppo vicini!
29,90 euro non poi cosi tanti

NON CI PIACE

Solo cinque discipline nuove e una presa dal primo titolo
Si potevano inserire tutte quelle vecchie o semplicemente aggiungerne almeno altre tre nuove
Ancora qualche piccola imprecisione nei controlli in una o due discipline

Conclusioni

Lo sport con Playstation Move alla mano torna a divertire grazie a Sports Champions 2: più precisione nei movimenti e discipline divertenti. Peccato siano davvero poche.

7.4Cyberludus.com
Articolo precedenteResident Evil: Revelations non è più esclusiva Nintendo?
Prossimo articoloDmc – Devil May Cry – Nuovo diario degli sviluppatori e modalità difficili!
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.