Un tormentone senza fine

Tra le tante esclusive che Nintendo Wii può vantare, quella di Just Dance è senza ombra di dubbio una delle più acclamate e produttive degli ultimi tempi. Nata nel 2009, la serie musicale Ubisoft ha venduto milioni di copie per ciascun capitolo rilasciato puntualmente ogni anno, alla stregua dei vari Fifa e Pes. Dal terzo capitolo, il brand è diventato multipiattaforma e la fama della saga ballerina più celebre degli ultimi tempi ha conquistato anche le console "maggiori" attualmente in circolazione. D’altro canto è proprio a questa serie che si devono giochi musicali come Dance Central e Dance Star Party che stanno spopolando negli ultimi mesi sulle console rivali. Esattamente come il Wii Remote ha ispirato le tecnologie Move e Kinect, la serie musicale Ubisoft ha rappresentato l’apoteosi del plagio più sfrontato, ma mai emulato a dovere. L’originale e l’inimitabile ballo da salotto è solo quello di Just Dance, e l’arrivo del quarto capitolo in redazione non poteva che scatenare la nostra voglia di ballare come matti e sfidare gli amici per la conquista del miglior punteggio. Eppure sono passati ben quattro anni dall’esordio del primo capitolo della serie; riuscirà Just Dance 4 a riportare una ventata di originalità e novità ad una formula forse un po’ troppo stantia e riciclata nel tempo? Proseguite con la lettura per scoprirlo, senza dimenticare le scarpe comode e Playstation Move naturalmente!

Tutti in pista

La formula di gioco, ve lo diciamo sin da ora, è rimasta invariata rispetto ai capitoli precedenti: una volta installato il gioco e arrivati al menù principale, non dovrete fare altro che calibrare il vostro Playstation Move e scegliere se fare un po’ di pratica con la sezione tutorial o buttarvi direttamente in pista e darci dentro con i pezzi proposti in questo nuovo episodio. Ecco la tracklist completa di Just Dance 4:

  • Bill Medley & Jennifer Warnes – “(I’ve Had) The Time of My Life”
  • Las Ketchup – “Asereje (The Ketchup Song)”
  • Justin Bieber feat. Nicki Minaj – “Beauty and a Beat”
  • Panjabi MC – “Beware Of The Boys (Mundian To Bach Ke)”
  • Carly Rae Jepsen – “Call Me Maybe”
  • Boys Town Gang – “Can’t Take My Eyes Off You”
  • Emma – “Cercavo Amore”
  • Army of Lovers – “Crucified”
  • Stefanie Heinzmann – “Diggin in the dirt”
  • Rihanna – “Disturbia”
  • Dancing Bros – “Everybody Needs Somebody To Love”
  • Flo Rida – “Good Feeling”
  • Blu Cantrell – “Hit ‘Em Up Style (Oops!)”
  • A.K.A – “Hot For Me”
  • The Blackout Allstars – “I Like It”
  • They Might Be Giants – “Istanbul”
  • Elvis Presley – “Jailhouse Rock”
  • Ricky Martin – “Livin’ la Vida Loca”
  • Selena Gomez and the Scene – “Love You Like A Love Song”
  • Bunny Beatz – “Make The Party (Don’t Stop)”
  • Nelly Furtado – “Maneater”
  • Sergio Mendes & The Black Eyed Peas – “Mas Que Nada”
  • Maroon 5 ft. Christina Aguilera – “Moves Like Jagger”
  • Alexandra Stan – “Mr. Saxobeat”
  • Rick Astley – “Never Gonna Give You Up”
  • Marina and The Diamonds – “Oh No!”
  • Jennifer Lopez feat. Pitbull – “On The Floor”
  • The Girly Team – “Oops!… I Dit It Again”
  • The B-52?s – “Rock Lobster”
  • Skrillex – “Rock N’ Roll (Will Take You To The Mountain)”
  • Kat DeLuna feat. Busta Rhymes – “Run The Show”
  • Anja – “Crazy Little Thing”
  • P!nk – “So What”
  • Sammy – “Some Catchin’ Up To Do”
  • Nicki Minaj – “Super Bass”
  • Stevie Wonder – “Superstition”
  • Europe – “The Final Countdown”
  • Halloween Thrills – “Time Warp”
  • 2 Unlimited – “Tribal Dance”
  • Hit The Electro Beat – “We No Speak Americano”
  • One Direction – “What Makes You Beautiful”
  • Will Smith – “Wild Wild West”
  • Barry White – “You’re The First, The Last, My Everything”
  • Bunny Beatz – “Make The Party (Don’t Stop)”

Ogni canzone vanta un proprio livello di difficoltà prestabilito ( da uno a tre). Una volta partita la sequenza, dovrete seguire attentamente il personaggio su schermo, imitandone le movenze in maniera speculare, come se foste davanti a uno specchio. Inutile dire che non diventerete dei Tony Manero professionisti al primo colpo, ma dopo un po’ di pratica, ritmo e buona memoria, imparerete al meglio tutti i passi necessari per terminare la sequenza. Il sistema di valutazione premierà le vostre performance, assegnandovi diversi punti stile mossa dopo mossa, fino alla fine della sequenza, dove guadagnerete punti per sbloccare nuove canzoni e modalità. Naturalmente la massima espressione di questa tipologia di giochi è rappresentata dalla modalità multigiocatore: Just Dance 4 offre un’esperienza multiplayer fino ad un massimo di 4 giocatori. Alcune canzoni vantano coreografie di gruppo, che richiederanno maggiore coordinazione, ma amplificheranno di gran lunga il divertimento in compagnia.
Due parole sul comparto tecnico: nonostante qualche limatura, la schermata di gioco non differisce molto dai precedenti capitoli. Menù semplici, colori accesi e brillanti e tantissimi effetti sonori che rendono decisamente frizzante la visione d’insieme. Sulla sinistra troverete la barra delle vostre performance, che salirà sempre di più se darete il meglio di voi. In basso troverete il testo della canzone (per chi volesse anche cantare), e le mosse da eseguire. I vostri alter ego vantano come al solito uno stile unico e pittoresco.

Calorie un po’ troppo facili da bruciare

Torna anche in questo quarto capitolo la modalità Just Sweat, alla quale potrete accedere direttamente dal menù principale. In questa sede, il gioco vi permetterà non solo di ballare e divertirvi, ma anche di smaltire i grassi in eccesso attraverso un sistema di conteggio un po’ troppo generoso e poco affidabile per i nostri gusti. La generosità del sistema di valutazione in effetti, è abbastanza palese durante ogni singola sessione di gioco, dove basterà agitare le braccia per vedere moltiplicato su schermo il proprio punteggio. L’esperto del ballo e il fortunato dilettante potrebbero finire la serata litigando, e tutto per colpa di un sistema che valuta quasi sempre alla cieca. Tuttavia, l’immediatezza e la semplicità sono le caratteristiche principali del brand, cha attirano gli appassionati come i casual gamers, che hanno solo voglia di divertirsi qualche oretta e non di certo di imparare l’arte della dance a menadito. Oltre alla discutibile calibrazione, siamo rimasti un po’ perplessi dalla scelta non poco ispirata della tracklist (Justin Bieber ed Emma Marrone?), non proprio entusiasmante se non per qualche tormentone (sia del passato che del momento). Scelta naturalmente voluta da Ubisoft allo scopo di invogliare gli utenti a fare una visitina al Negozio (accessibile dalla schermata delle canzoni), dove troverete pane per i vostri denti una volta imparate a memoria le 40 canzoni disponibili. L’intera tracklist, la modalità Just Sweat e gli obiettivi da sbloccare durante le vostre sessioni, formano una longevità non indifferente, destinata ad aumentare con i futuri DLC rilasciati da Ubisoft.

Conclusioni

Just Dance 4 si rivela l’ennesimo asso nella manica Ubisoft, caldamente consigliato a tutti gli appassionati della serie e agli amanti dei fine settimana passati in casa a prendere in giro gli amici sulle proprie performance, o al contrario, a scoprire talenti innati nella vostra comitiva. Il quarto capitolo della serie offre parecchie ore di divertimento, soprattutto in multiplayer, tra modalità e obiettivi da sbloccare. Ci duole ammettere che la mancanza di novità nella formula, nella struttura di gioco e la permanenza dei soliti difetti che la serie si porta dietro, penalizzano in parte questa produzione, e ci auguriamo profondamente che in futuro la serie possa evolversi, prima di rimanere ancorata a sé stessa tra i titoli "carini", ma che rimangono sugli scaffali dei negozi in attesa di una super offerta stracciata.

CI PIACE

E’ divertente in compagnia
Passi da imparare, coreografie di gruppo da inscenare con i vostri amici
Just Sweat e gli obiettivi da sbloccare incrementano la longevità

NON CI PIACE

Da soli stanca dopo qualche canzone
La calibrazione non è sempre all’altezza delle situazioni
Il sistema di valutazione è troppo generoso
Nessuna novità di rilievo
Tracklist non proprio appagante
Sconsigliato a chi detesta ballare

Conclusioni

Il nuovo capitolo rhythm game della fortunata serie Ubisoft raccoglie tutti in pista con 40 nuove canzoni e tanto divertimento, ma senza rinnovare la classica formula di gioco.

7.8Cyberludus.com
Articolo precedenteGames Week 2012 – Ben 26 anteprime esclusive
Prossimo articoloDoom 3 BFG Edition si mostra
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.