Ebert: “il 3D non avrà successo”

Il critico americano Robert Ebert è diventato famoso nel mondo del gaming dopo aver dichiarato che i videogiochi non sarebbero mai potuti essere considerati “arte”, per poi, dopo pochi giorni, abiurare le proprie convinzioni. E, dalla stessa bocca, arriva un forte pessimismo sul 3D , che sta lentamente conquistando il cinema e inizia prepotentemente a interessarsi ai videogiochi. ” Il cervello umano “, commenta Ebert, ” deve lavorare maggiormente per poter percepire le immagini in tre dimensioni, ed è per questo che, dopo venti minuti circa, molte persone accusano delle emicranie. Il 3D è un qualcosa a cui l’occhio umano non è abituato.   600 milioni di anni di evoluzione non sono stati sufficienti per preparare l’uomo a questa evoluzione , e questo è un grande problema, a cui non è possibile porre rimedio in tempi brevissimi “.

Articolo precedenteHydrophobia vuole migliorarsi
Prossimo articoloPer Vakyria Chronicles un libro di 400 pagine
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.