Dal passato con furore

I giocatori più anziani e quelli più nostalgici non potranno mai dimenticare le partite in sala giochi, all’interno di comodi cabinati dotati di pistola. A quei tempi, The House of The Dead e Time Crisis dominavano incontrastati l’immaginario videoludico, attraverso l’azione immediata e le abbondanti dosi di adrenalina. Di acqua sotto i ponti ne è passata: la serie Time Crisis si è trasferita nel corso degli anni su console, perdendo progressivamente lo smalto del primo storico capitolo, il cui successo face vendere milioni di Psx. L’arrivo di Playstation Move su Ps3 non poteva non far gola a Namco Bandai che, per la ghiotta occasione, ha confezionato una raccolta generosa, chiamata Time Crisis: Razing Storm , pienamente compatibile con la neonata periferica Sony . Riuscirà l’eccellente controller di movimento a risollevare le sorti di una saga ancorata un po’ troppo al passato? Scopriamolo insieme.

Tre sono meglio di uno?

Iniziamo subito col fare una precisazione: Razing Storm non rappresenta un quinto capitolo della serie ma un bundle contenente tre giochi: Razing Storm , per l’appunto, Time Crisis 4 , che tutti conosciamo e Deadstorm Pirate , una sorta di bonus game, che trasporta le meccaniche della serie in uno scenario ispirato a L’isola del Tesoro e a Pirati dei Caraibi.

Razing Storm

Inutile sottolineare che la trama non rappresenta certo il punto forte di una serie che fa dell’ “azione ignorante” , tipica degli sparatutto su binari, il suo biglietto da visita. Basterà dire che il protagonista si troverà catapultato in un futuro non troppo lontano attanagliato dalla tecnologia, cosi avanzata da produrre robot superiori in intelligenza e in strategia di guerra. Come al solito la missione sarà quella di salvare il mondo a colpi di mitra e lanciarazzi. La campagna principale si allontana leggermente dallo stile on rail shooter della serie, preferendo un approccio più simile ad uno sparatutto in prima persona. Oltre al move ( o la gun-con 3) sarà perciò necessario il navigation controller (o in alternativa un in parte scomodo dualshock 3) per sfruttare lo stick analogico. Proprio qui iniziano a saltar fuori le pecche di una produzione tanto invitante dalla copertina, che offre tre titoli in uno, ma parecchio lacunosa una volta inserito il blu-ray disc. Anzitutto, la difficoltà nel seguire la telecamera durante la partita sarà una brutta gatta da pelare per tutta la durata della campagna. I movimenti risultano legnosi e scomodi e nonostante la possibilità di ripararsi grazie al sistema di copertura, verrete ugualmente trivellati di colpi al minimo rallentamento. Per di più i nemici, nonostante siano dotati di una scarsa intelligenza artificiale, sembrano immuni ai proiettili e sarà difficile il più delle volte ripulire lo schermo col giusto tempismo. Passando alla modalità Arcade le cose cambiano, ma in peggio: la durata non supera i 25/30 minuti di gioco, ridotti a 15 se affrontata in cooperativa con un amico. Tecnicamente siamo su livelli molto bassi: scenari poco vari e appena sufficienti propongono interni ed esterni arricchiti di qualche dettaglio e oggetti frantumabili. I nemici tendono a ripetersi all’infinito, sfoggiando un design assolutamente poco originale. Soldati e robot visti e stravisti in migliaia di produzioni simili. Sufficiente il doppiaggio inglese ed il campionario suoni, appena passabile.

![][__userfiles__time-crisis-razing-storm-gioco-bonus-time-crisis-4.jpeg]

Time Crisis 4

Il quarto capitolo del 2007 brilla ancora oggi rispetto alla prima offerta proposta dal bundle. Tuttavia, proprio con questo episodio, la serie ha iniziato la sua discesa verso il tunnel dei titoli insipidi e di seconda scelta. Protagonisti sono Giorgio Bruno e Evan Bernard , membri del corpo militare speciale dei V.S.S.E. La loro missione sarà quella di eliminare l’organizzazione terroristica europea dei W.O.L.F . determinata a scagliare una potentissima arma biologica, cosi letale da distruggere l’umanità. Lo stile è quello tipico di Time Crisis, caratterizzato da tempismo e precisione durante ogni singola schermata, che vi proietterà davanti a situazioni da studiare senza pensarci troppo per non rimanere a terra. Le missioni sono avvincenti e l’interazione con gli ambienti notevole. Peccato per il comparto tecnico arrangiato” alla buona” e per una longevità un po’ troppo sotto la media.

Deadstorm Piate

E veniamo al bonus della raccolta: questa avventura è ambientata in un universo uscito dai racconti sui pirati, popolata da scheletri armati fino ai denti, piovre e granchi giganti e caverne che brulicano di morte. L’inedita ambientazione non sarebbe una cattiva trovata..se non fosse per la pessima realizzazione tecnica, che solleva parecchi dubbi sulla serietà di questa produzione. L’idea che balena a prima vista è che gli sviluppatori abbiano avuto una gran fretta nel confezionare questo prodotto. Scenari ridotti all’osso e texture davvero pietose fanno da sfondo all’azione, accompagnate da una colonna sonora monotona e facilmente dimenticabile. La missione “piratesca” non dura più di quindici minuti, sia in singolo che in cooperativa. Unica consolazione è l’utilizzo del move che, seppur ridotto al minimo sindacale, svolge un ottimo dovere quando si parla di precisione di movimento e di fuoco, intervallato ogni tanto da mini-giochi.

Conclusioni

Time Crisis: Razing Storm poteva essere un gradevole trastullo, in attesa di un nuovo capitolo della serie degno del nome che porta. Sfortunatamente, si rileva un semplice specchietto per le allodole: un bundle con tre titoli al prezzo di uno, ma che in tre non raggiungono la qualità necessaria per consigliarne l’acquisto. Campagne e modalità arcade sono afflitte da un comparto tecnico sotto la media, un gameplay legnoso e non privo di bug e soprattutto da una scarsa longevità generale. La modalità cooperativa e l’utilizzo del Move potrebbero risultare motivi di interesse per questo prodotto, che suggeriamo di noleggiare prima di ricorrere al portafoglio.

CI PIACE

Tre giochi in uno
Compatibile con Move
Litri di azione

NON CI PIACE

Comparto tecnico sotto la media
Gameplay macchinoso e poco originale
Scarsa longevità
IA dei nemici pietosa

5.5Cyberludus.com
Articolo precedenteRAGE disponibile su iPhone/iPad/iPod Touch
Prossimo articoloPhantom Brave: The Hermuda Triangle presto su Psp
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.