Un’anno e mezzo fa il mondo perdeva una delle sue stelle più grandi: il 25 Giugno 2009 Michael Jackson, in circostanze che ancora non sono chiare, perde la vita e tutto il pianeta piange la scomparsa del re del Pop, di colui che aveva rivoluzionato il connubio tra musica e danza creandone un nuovo paradigma. Cyberludus.com, quel giorno, ha voluto celebrare questa figura leggendaria con una doppia recensione del titolo “Michael Jackson: Moonwalker” nelle sue versioni Arcade e SEGA Master System. Fino a qualche giorno fa questo era l’unico videogioco che contenesse ufficialmente l’immagine del re del Pop: uno strano titolo, ispirato all’omonima pellicola, dove il giocatore prendeva il controllo di un Jacko potentissimo, pieno di superpoteri e pronto a salvare decine di bambini combattendo i malvagi. Poi è arrivato il 23 novembre e su Nintendo Wii è arrivato il nuovo titolo Ubisoft “Michael Jackson – The Experience”, presentato per la prima volta all’ultimo E3. Sarà riuscita Ubisoft a mantenere la promessa di regalare ai giocatori non un semplice videogioco ma una vera e propria ‘esperienza’?

Dritti al dunque! Si balla!

“Michael Jackson – The Experience” è un titolo che raccoglie molte idee da “Just Dance”, fortunatissima serie Ubisoft che offre ai giocatori l’opportunità di ballare diverse canzoni con l’ausilio del WiiMote, seguendo delle sagome umane sullo schermo. Le modalità presenti sono due: ‘Dance’ e ‘Dance School’. Nella modalità ‘Dance’, l’utente viene posto direttamente di fronte all’elenco delle canzoni disponibili: la tracklist comprende la maggior parte delle canzoni più famose di Michael Jackson più qualche pezzo meno conosciuto ma che ben si presta al movimento. Ogni singolo brano è correlato a un’ambientazione che ricalca in maniera incredibilmente fedele i videoclip delle canzoni di MJ: in “Thriller”, per esempio, ci troveremo in un cimitero a ballare con degli zombie, mentre lo scenario si sposterà tra tombe, nebbie e sinistre cripte, piene di crepitii e rumori sinistri; in “Billie Jean”, invece, ci troveremo per le strade dei sobborghi della città, con pezzi di giornale che volano e le mattonelle dei marciapiedi che si illuminano sotto i piedi di Michael; da ultimo, è giusto citare anche “Smooth Criminal”, uno dei brani riproposti con maggior cura sia per quanto concerne i passi di danza (nessuno è stato escluso, nemmeno la disumana inclinazione in avanti) sia per quanto riguarda la struttura del bar dove il ballo si scatena, tra juke-box, finestre distrutte e quant’altro. Una volta selezionata la canzone è necessario scegliere il livello di difficoltà: a seconda che Michael balli da solo o abbia dei ballerini di supporto sarà possibile scegliere se imitare i movimenti del re del Pop o dei suoi comprimari, con delle differenze di mosse e di difficoltà conseguente. Quando la canzone comincia allora inizia la festa! Sulla parte sinistra dello schermo si vedranno scorrere dei cerchi con delle sagome umane, le quali hanno un braccio illuminato di blu: quando il cerchio sarà perfettamente in linea con la circonferenza nell’angolo dello schermo, il giocatore dovrà eseguire la mossa corrispondente, badando bene di stringere il WiiMote nella mano destra, seguendo delle sagome danzanti di Michael e dei suoi ‘aiutanti’ come se si trovasse davanti a uno specchio. E’ ovvio che si può tranquillamente scegliere di muovere il telecomando in maniera secca e indifferente, solo per fare punti, ma risulta molto più divertente immedesimarsi e ripetere i gesti dei ballerini per aumentare la dose di piacevolezza e soddisfazione! Oltretutto, imitare Michael (il quale indossa sempre il suo guanto con i diamanti, che funge da ‘simulacro’ su schermo del WiiMote) anche quando non ci sono cerchi indicatori farà guadagnare ugualmente dei punti, motivo per il quale l’immedesimazione diventa, spesso, la chiave per portare a termine un brano con successo.

A scuola di danza, per ballare come Michael!

Durante le canzoni si possono ricevere quattro votazioni, a seconda di quanto è stato preciso lo svolgimento di un determinato passo o movimento: si passa da una ‘X’, a indicare un errore, passando per ‘Ok’ e ‘Good’ fino ad arrivare a ‘Perfect’. Ottenendo risultati elevati si fa salire una barra colorata sul lato dello schermo, la quale percorre una curva divisa in cinque parti: a fine brano, a seconda dell’altezza raggiunta, si riceve un determinato numero di stelle, le quali tornano utili per sbloccare i contenuti della seconda modalità di gioco, ‘Dance School’. La modalità ‘Dance School’ propone alcuni brevi filmati, i quali hanno come protagonisti tre ballerini professionisti, utili per imparare le tecniche di riscaldamento e tutti i suggerimenti per ballare davvero come faceva Michael. Si tratta di un’aggiunta interessante, anche se un po’ povera, alla modalità principale: resta curioso il fatto che questo ‘tutorial’ sia da sbloccare, invece che essere immediatamente disponibile per giocare la modalità principale ‘Dance’ con maggiore entusiasmo.

Svolgere bene il proprio ruolo

La realizzazione tecnica di “Michael Jackson – The Experience”, e non credo ci si possa lamentare, visto il genere in cui il titolo rientra, non aiuta il Nintendo Wii ad esprimere il suo massimo potenziale. Tuttavia, la grafica delle ambientazioni e la definizione di animazioni, sagome e personaggi a schermo riescono comunque ad affascinare e coinvolgere, grazie a incredibili giochi di luci e colori che mantengono l’atmosfera viva e avvolgente. Quattro giocatori possono sfidarsi contemporaneamente in una gigantesca sfida danzante e il WiiMote, già piuttosto preciso in singolo, riesce a non perdere nemmeno un colpo, nonostante l’inusitato affollamento. Le due edizioni limitate del gioco, quella con la maglietta’, reperibile nei negozi, e quella con il guanto, esclusiva dell’UbiShop, elevano la qualità del prodotto a un livello di interesse ancora maggiore, per quanto estremamente elitario. Unica reale pecca è la mancanza di alcuni brani particolarmente celebri (“Man In The Mirror” su tutti) che potrebbe far rammaricare i fan più sfegatati di Michael Jackson.

Conclusioni

“The Experience” si rivela essere un sottotitolo incredibilmente adeguato: Ubisoft porta su Nintendo Wii una vera e propria esperienza, non soltanto un semplice gioco di ballo. La musica, la danza, la frenesia, il leggendario charme: tutte le caratteristiche essenziali del re del Pop sono magistralmente inserite all’interno di questo prodotto splendido, realizzato con cura nonostante la apparente limitatezza dei suoi contenuti. “Michael Jackson – The Experience”, senza nulla togliere a “Moonwalker”, è il videogioco che tutti i fan di Michael aspettavano: mai al giocatore era stata data una simile occasione di diventare emulo di quel ballerino fenomenale, di quell’uomo leggendario che nella sua burrascosa vita ha intrattenuto e ha fatto sognare milioni e milioni di persone, di ogni età, sesso e nazione. Perché se ci si vuole divertire con “The Experience” ‘non importa se sei nero o bianco’… Balliamo tutti insieme, perché la leggenda di MJ possa restare viva e scintillante!

CI PIACE

Moltissimi brani tra quelli più famosi di Michael Jackson!
\nI controlli rispondono molto bene
\nSi impara a giocare in mezzo secondo
\nSe si gioca in tanti c’è davvero di che divertirsi!

NON CI PIACE

E’ un casual game dall’inizio alla fine
\nDue modalità sono un po’ poche
\nOvviamente, chi non ama Michael Jackson non ha nessun motivo per acquistarlo…
\n … e gli appassionati noteranno, nella tracklist, alcune assenze tremende

8Cyberludus.com
Articolo precedenteMichael Jackson – The Experience
Prossimo articoloCyberludus TV: Puntata 3
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.