Un po’ di storia

“Wolfenstein 3D”, pubblicato sotto etichetta Apogee Software il 5 Maggio del 1992 per la piattaforma PC, è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e ci vede protagonisti nei panni di un agente segreto americano di origini polacche, tale William ‘B.J.’ Blazkowicz, il quale, prigionerio nel castello di Wolfenstein, deve riuscire a fuggire ribaltando allo stesso tempo il regime nazista. Equipaggiato soltanto con un coltello e una pistola il nostro eroe deve scontrarsi con guardie naziste armate (e alle quali sottrarrà l’arma dopo averle uccise) per giungere alla fine di ogni livello ad annientare il classico boss finale, non il solito mostro gigantesco ma un ufficiale nazista in carne e…pixel! Anzi uno dei boss di fine livello è addirittura Adolf Hitler in persona!

Grandi idee per grandi sogni

“Wolfenstein” fu un chiaro omaggio al vecchio “Castle Wolfenstein” creato da Silas Werner e venne realizzato utilizzando la tecnologia Ray Casting alla quale John Carmack stava lavorando in solitaria dai tempi di “Commander Keen”. Da sempre il genio della ID Software sognava la possibilità di realizzare ambienti nella quale potersi muovere liberamente come nella realtà, cosa che la tecnologia rigorosamente bidimensionale di quei tempi non consentiva di fare! Quando Carmack si rese quindi conto di avere fra le mani una motore in grado di realizzare interi mondi 3D lo perfezionò al tal punto che la realizzazione di “Wolfenstein 3D” divenne quasi una scelta obbligata. Il gioco riscosse un notevole successo grazie all’utilizzo di una innovativa visuale in prima persona (che ci permetteva di guardare la scena circostante direttamente dagli occhi del protagonista) e all’ottima grafica di gioco, considerando gli standard di allora (si pensi alle texture, ai quadri di Adolf Hitler ovunque e aipersonaggi ben realizzati) ma generò anche feroci critiche da parte di enti moralisti e gruppi attivisti al punto di vietarne la vendita in Germania. Anche la notevole velocità di gioco contribuì a rendere “W3D” un must per tutti i possessori di PC e questo portò la ID Software a realizzare e pubblicare, sotto etichetta Formgen, solo pochi mesi dopo, ed esattamente il 18 Settembre 1992, l’episodio successivo con il nome “Spear of Destiny”!

Squadra che vince non si cambia

Il gioco, differentemente da “Wolfenstein 3D” il quale era distribuito nel mercato Shareware, viene questa volta destinato direttamente ai canali di vendita tradizionali. Composto da 18 labirintici livelli questo sequel mantiene lo stesso spirito “stealth”, l’ambientazione di gioco e la stessa collocazione geografica del suo predecessore pur narrando eventi avvenuti precedentemente a “Wolfenstein 3D”. Si narra che a Versailles venga custodita la storica lancia che trafisse Cristo al costato durante la crocifissione e chiunque riuscisse ad entrarne in possesso diventerebbe invincibile! Per questo motivo Hitler, noto per le sue manie di potere, ordina ai soldati nazisti di rubare tale lancia per custodirla nel sorvegliatissimo castello di Wolfenstein! La nostra missione consiste quindi nell’infiltrarsi nella roccaforte nazista e darci da fare per rientrare in possesso della “Lancia del Destino”!

Grafica e sonoro

Rispetto a “Wolfenstein 3D”, “SOD” non apporta alcuna aggiunta significativa sul lato tecnico o del gameplay ma introduce alcune migliorie sonore e grafiche che rendono felici i numerosi sostenitori: i muri monocolore dei corridoi, presenti nel primo capitolo, vengono qui sostituiti da pareti coperte di texture più dettagliate che ricreano abbastanza fedelmente vere pareti di mattoni talvolta coperte da piante rampicanti. I personaggi sono realizzati in maniera più particolareggiata e compaiono addirittura delle primordiali ombre sotto di essi. Il comparto audio, inoltre, introduce alcune novità tra le quali nuove musiche ed effetti sonori che vanno ad arricchire ulteriormente l’esperienza di gioco! Durante la realizzazione di “Spear Of Destiny”, il giovane Carmack, non pienamente soddisfatto dei risultati ottenuti, si mise al lavoro per creare il motore grafico utilizzato, soltanto un paio di anni dopo, per la realizzazione di Doom, il gioco che fece da vero apripista al genere FPS e che riscosse numerosi riconoscimenti e consensi in tutto il mondo. Questa però è un’altra storia…

Conclusioni

“Spear Of Destiny”, pubblicato per PC in versione PC CD-ROM e Floppy (3 dischi), non riscosse il successo del suo predecessore, causa la mancanza di novità nello stile di gioco e negli obiettivi da raggiungere ma ottenne comunque un discreto seguito da parte degli appassionati, i quali accolsero con entusiasmo le due espansioni ufficiali “Return to Danger” e “Mission 3: Ultimate Challenge”, rilasciate da FormGen nel 1994 (che offrono entrambe alcune migliorie grafiche e 21 livelli aggiuntivi di gioco), e la raccolta su CD-ROM “Spear Of Destiny” Super CD Pack, contenente un libro con tutte le mappe di gioco ed un editor di livelli! I due episodi di “Wolfenstein 3D” generarono dieci anni dopo “Return to Castle Wolfenstein”, ottimo sequel che, ancora una volta, riuscì a dare un forte scossone a tutto il genere FPS e nel quale la maturità artistica di John Carmack fu davvero ben visibile.

CI PIACE

Ottimo bilanciamento far difficoltà e giocabilità
\nViene voglia di rigiocarlo più volte

NON CI PIACE

Stessa ambientazione del primo episodio
\nSi poteva dare qualcosa in più in termini di grafica e sonoro

7Cyberludus.com
Articolo precedenteUn nuovo video per Ghost Of Sparta
Prossimo articoloPS3: Arriva Lovefilm
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.