Quest’oggi, 15 giugno 2021, si celebra la fine dell’ultima edizione della fiera losangelina E3. Nel corso delle prime giornate di apertura abbiamo assistito a grandi reveal, come nel caso di elder ring durante il primo appuntamento del summer game fest. Stessa cosa, inoltre, dicasi per la presentazione Microsoft, a cui sono seguiti gli annunci di grandi publisher dal calibro di Take Two Interactive e Capcom. In generale, quindi, l’ultima edizione dell’E3 2021 si può ritenere meritevole di nota, seppure con le dovute limitazioni del caso. Non si può non considerare, infatti, il peso della pandemia nell’intero meccanismo produttivo delle software house, ritrovatesi ad un susseguirsi interminabile di rinvii e cancellazioni di uscite più o meno imminenti. Ciò nonostante, l’attesa è stata ben ripagata e, con l’arrivo di Nintendo sul palco digitale di questa conferenza, potremo attendere numerose sorprese per i giocatori.

Appuntamenti di martedì 15 giugno E3 2021

Dopo la conclusione degli showcase Microsoft, Square Enix, Capcom e Take Two, i principali attori videoludici in attesa di mostrare la propria line-up al grande pubblico sono:

  • Razer E3 Keynote – 15 giugno ore 00:00
  • E3 Preshow – 15 giugno ore 17:00
  • Nintendo Direct – 15 giugno ore 18:00
  • Nintendo Treehouse – 15 giugno, al termine del Nintendo Direct
  • Bandai Namco Entertainment – 15 giugno ore 23:25

Si prospetta una giornata ludicamente (e non solo) rovente, ove l’annuncio di alcune date d’uscita in attesa potrebbe ribaltare l’andamento complessivo dell’intero E3 2021. Nell’attesa degli orari sopracitati, vi invitiamo a seguire il nostro sito per ulteriori aggiornamenti.

Grandi nomi uguale grandi aspettative!

È difficile non tenere conto dei due grandi publisher che saliranno sul palco digitale di questa giornata dell’E3 2021: Nintendo e Bandai Namco. Se con quest’ultimo abbiamo avuto l’annuncio di uno dei titoli più attesi dell’anno scorso, Elder Ring, non è la stessa casa per la prima delle due grandi software house. Infatti, siamo in attesa da troppi mesi di una data di pubblicazione per il seguito di Zelda Breath Of The Wild. Stando alle dichiarazioni ufficiali di Nintendo, Breath Of The Wild 2 dovrebbe uscire entro la fine del 2021, eppure questa opzione sembra essere pressocché improbabile. Tuttavia, bisogna tenere conto che le celebri avventure di Link non hanno ancora trovato un luogo di festeggiamenti nei lidi di Nintendo Switch, il che potrebbe far pensare all’annuncio di una possibile collection di iterazioni della saga precedenti.

Come seguire le conferenze dell’E3 2021

In attesa di ulteriori aggiornamenti sulle varie conferenze, che indubbiamente verteranno anche sulla line-up di titoli già annunciati come Mario Golf Super Rush, vi rimandiamo ai link per seguire l’E3 2021 su Twitch e Youtube:

Ci teniamo, tuttavia, a ribadire come Nintendo si sia già espressa ufficialmente sul reveal di Nintendo Switch Pro nel corso della propria conferenza. La software house, infatti, ha già confermato lo sviluppo di una serie di annunci unicamente incentrati sul software e, dunque, non sull’hardware. Qualora foste a tal proposito interessati, vi rimandiamo alla correlata notizia qui e, cliccando qui invece, allo speciale del nostro Roberto sul perché Nintendo Switch Pro non sia ancora importante per i piani di Nintendo.

 

Articolo precedenteElden Ring, trapelano i primi dettagli del nuovo gioco targato From Software
Prossimo articoloE3 2021 annunci Capcom, riepilogo della presentazione
Nato successivamente all'uscita di Playstation 2 e poco prima dell'approdo di Microsoft nel settore del gaming con la sua primissima Xbox, il suo amore per i videogiochi sboccia con i Pokémon, nella quale vi approda con l'indimenticabile Game Boy Advance SP. Ancora alla ricerca di un genere videoludico ideale, l'interesse per i vecchi classici del cinema gli ha permesso di comprendere l'ineccepibile importanza della narrazione nel videogioco, seppur non gli dispiaccia affatto destreggiarsi con prodotti antitetici dal calibro di Animal Crossing e Monster Hunter, o in alternativa recuperare perle del retrogaming a lui non appartenenti.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!