Non mancano i colpi di scena in casa Google Stadia! Mentre non era stata ancora fatta piena luce sul mistero della e-mail del vicepresidente Phil Harrison per congratularsi con i dipendenti prima di licenziarli, si annuncia l’aggiunta di altri 100 titoli in catalogo per l’anno in corso. Pochi giorni dopo aver annunciato che si stava staccando la spina dallo sviluppo di giochi originali, un post sul blog della community ha confermato che giochi come FIFA 21 e Judgment erano in viaggio per il servizio di streaming. Dopo aver elencato una manciata di versioni che stanno mandando ad arricchire la folta lista di titoli disponibili proprio in questi primi mesi dell’anno, il team di Stadia ha dichiarato in un post sul blog: “Questi giochi rappresentano solo un campione degli oltre 100 giochi che verranno aggiunti al negozio Stadia per i nostri giocatori nel 2021 per condividere, sperimentare e giocare con gli amici”. Una notizia che spiazza e disorienta i tanti appassionati di videogiochi, che ancora oggi continuano a non capire perché licenziare gli sviluppatori interni quando ci sono già i piani di rilascio di così tanti games? Resta fermo il fatto che la gioia per gli abbonati è molta, pensandosi ad allietare le proprie lunghe e noiose giornate in lockdown alla scrivania gaming regolata per sfidare con il massimo comfort i più agguerriti gamer online.

 

L’elenco di titoli di quest’anno include 

Shantae: Half-Genie Hero Ultimate Edition, Shantae: Risky’s Revenge – Director’s Cut, It Came From Space And Ate Our Brains, FIFA 21, Kaze and the Wild Masks, Judgment nella parte del 2021. Oltre a questi giochi, Google rilascerà anche Killer Queen Black, Street Power Football, Hellpoint, Far Cry 6, Riders Republic e Hello Engineer entro la fine dell’anno.

E pensare che solo dopo poco più di un anno dal momento del lancio di alto profilo di Stadia, Google ha rivisto la sua strategia di servizio di streaming e ha confermato che avrebbe chiuso tutto lo sviluppo interno dei giochi e avrebbe iniziato a fornire la sua tecnologia a editori di terze parti. In precedenza, la società aveva dichiarato che avrebbe portato oltre 400 giochi nel suo servizio di streaming di giochi basato su cloud nel 2021.

“Considerata la nostra attenzione nello sviluppo della comprovata tecnologia di Stadia e nel rafforzamento delle nostre partnership commerciali, abbiamo deciso che non investiremo ulteriormente nel portare contenuti esclusivi dal nostro team di sviluppo interno SG&E, al di là di qualsiasi gioco pianificato a breve termine”. Questo è ciò che il direttore generale di Stadia Phil Harrison ha detto all’epoca. Stadia, ovviamente, ha avuto un inizio difficile quando è stato lanciato a novembre 2019, tra lo scetticismo del suo modello di business su abbonamento, funzionalità mancanti e accuse di promesse iniziali non mantenute. E mentre l’arrivo del suo piano di base gratis lo scorso aprile sembrava che potesse migliorare le sue sorti, presto ha dovuto affrontare la concorrenza nel cloud gaming.

 

- Advertisement -
Articolo precedenteTribute Games e Dotemu hanno annunciato Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge
Prossimo articoloArriva gratis Oddworld Soulstorm per PS5 con PlayStation Plus
Videogiocatore di vecchia data. Cerca di contrastare con tutte le sue forze la feroce ondata di divulgatori videoludici che, giunti sul nostro pianeta sotto mentite spoglie, cercano di blastare noi comuni videogiocatori . Papà per vocazione e felice organizzatore dell'evento ludico Play The Game

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!