A circa 4 anni dalla sua uscita, il lavoro di supporto Maxis ed Electronic Arts nei confronti di The Sims 4 continua speditamente. Dopo la “pucciosissima” precedente espansione, Cani & Gatti, ora è la volta di Seasons – per noi italici Stagioni – il contenuto aggiuntivo che ci permetterà – finalmente – di vivere le vite dei nostri Sim all’interno delle quattro stagioni proposte, come da tradizione della serie targata Maxis.
Abbiamo provato a fondo le novità introdotte da questo nuovo Expansion Pack, desiderosi di tastare con mano tutte le principali possibilità che l’introduzione delle stagioni è in grado di regalare a The Sims 4.

Ecco quindi le nostre finali considerazioni su questa quinta espansione, The Sims 4: Stagioni. Buona lettura!

Le stagioni dei Sims

A Maxis e il genio creativo di Will Wright dobbiamo sicuramente riconoscere i meriti di aver realizzato una tra le serie più apprezzate nel panorama del gaming su PC. The Sims, il celebre “simulatore di vita reale” (non sapremmo definirlo diversamente), da circa 18 anni è sempre stato in grado di dare ai giocatori la possibilità di esprimersi in svariati modi, dalla costruzione di piccole case a mastodontiche ville in cui far vivere la nostra piccola comunità virtuale di Sim. La serie, fin dalla sua nascita, ha sempre contato di un forte e continuo supporto da parte degli sviluppatori, grazie ad espansioni capaci di aggiungere nuovissime ed interessati feature alla formula di gioco originale. Con l’arrivo del quarto capitolo, Maxis ha deciso di non abbandonare la strada già tracciata dei contenuti scaricabili, puntando forte su diversi rilasci nel corso degli ultimi mesi: tra “stuff pack” minori e “game pack”, il gioco ha saputo contare anche su contenuti differenti rispetto alle classiche espansioni che, dall’uscita del gioco, non sono affatto mancate. The Sims 4: Stagioni rappresenta infatti la quinta espansione ufficiale… non male se consideriamo che il gioco è stato lanciato, solamente, nel 2014.

Ma precisamente, che cosa propone di preciso quest’ultimo contenuto targato Maxis?

Appena inizieremo una nuova partita il gioco ci metterà di fronte alla prima, ardua, scelta: con quale stagione iniziare? The Sims 4: Stagioni offre la possibilità al giocatore di selezionare una tra le quattro stagioni – Primavera, Estate, Autunno e Inverno – che potranno essere personalizzate grazie a specifiche voci nel pannello di personalizzazione. Grazie ad esso, infatti, potremo cambiare la durata delle stagioni (fino a 28 giorni come valore massimo) e decidere se abilitare o no determinati fenomeni atmosferici. La scelta della stagione in The Sims 4: Stagioni andrà ad impattare non solo sui fattori atmosferici (caldo e freddo condizioneranno l’abbigliamento del nostro Sim, che dovrà vestirsi di conseguenza per non subirne le conseguenze) ma anche sulle diverse attività disponibili: durante l’inverno, ad esempio, il nostro quartiere verrà ricoperto da una coltre di neve e sarà quindi possibile effettuare attività specifiche come la costruzione di pupazzi di neve. Il cambio stagionale ha dato modo ai ragazzi di Maxis di introdurre un vero e proprio calendario all’interno del gioco, grazie ad esso avremo quindi sempre sott’occhio le previsioni atmosferiche e, cosa più importante, le festività in arrivo. Il Natale nelle case dei nostri Sim sarà ora una possibilità concreta e ci darà modo di sfruttare appieno tutte le varie attività legate a questa festività.

Diverse novità giungono infine anche sul fronte “carriere”. Grazie alle nuove attività di giardinaggio, in The Sims 4: Stagioni sarà possibile effettuare vere e proprio composizioni floreali che potranno essere successivamente rivendute all’interno di un nostro negozio. Per i Sim più piccoli, invece, arriva ufficialmente l’attività Scout, grazie alla quale potremo ottenere distintivi e gradi a seguito del completamento di diversi obiettivi.

Sul fronte “oggettistica” The Sims 4: Stagioni offre alcuni buoni contenuti per i fanatici della serie (anche se la mole contenutistica, in questo caso, non ci ha soddisfatti pienamente), grazie all’introduzione di varie tipologie di abiti, ovvero quelli per le stagioni più calde e quelli per le più fredde. Non mancheranno ombrelli – al loro debutto ufficiale – e nuove tipologie di decorazioni per casa ed esterni, che andranno a rimpinguare il nutrito catalogo di oggetti di questo quarto capitolo della serie Maxis.

Concludendo…

The Sims 4: Stagioni è una buona espansione, in grado di donare a questo quarto capitolo della serie sempre più possibilità in termini di gameplay e varietà. Questa espansione dedicata alle stagioni vede come protagonisti caldo, freddo, festività e calendari, che scandiranno in maniera sempre più realistica le vite virtuali dei nostri Sim. Da segnalare, comunque, un prezzo ancora troppo alto – a nostro parere – se paragonato alla mole contenutistica aggiunta, soddisfacente sì ma non abbastanza da giustificare i circa quaranta euro di spesa necessari per portarsi a casa l’espansione.

CI PIACE
  • L’introduzione delle Stagioni garantisce ancora più varietà al gameplay
  • Festività e calendari
  • Numerose attività legate ai cambiamenti atmosferici
NON CI PIACE
  • Si tratta pur sempre di The Sims 4
  • Prezzo leggermente elevato
Conclusioni

The Sims 4: Stagioni è una gradevole aggiunta alla già nutrita componente contenutistica dell’ultimo titolo Maxis. Grazie all’introduzione di festività, stagioni, effetti atmosferici e nuovi oggetti, ora la vita dei nostri Sim assumerà un “colore” diverso. Resta comunque l’ostacolo “prezzo” di vendita che, a nostro parere, risulta davvero eccessivo…

7.7Cyberludus.com
Articolo precedenteIn Cyberpunk 2077 le scelte del giocatore avranno importanti conseguenze
Prossimo articoloBethesda continua a pubblicare Skyrim perché… la gente continua a comprarlo!
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre. Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.

E tu che ne pensi? Facci conoscere la tua opinione!