Il tocco di Media Molecule è evidente, svincolarsi da quello stile leggero ed infantile portato in auge dal successo di LittleBig Planet è difficile ma gli sviluppatori lo impiegano felicemente come marchio di fabbrica. Il risultato è un titolo visivamente apprezzabile, che strizza forte l’occhio ad un pubblico di giovanissimi e che risulta molto gradevole anche per un pubblico adulto.

Il gioco presenta un mondo e personaggi fatti di carta e cartone. Il protagonista deve arrivare in fondo al proprio cammino portando a termine dei compiti che metteranno alla prova tanto la sua quanto l’abilità del giocatore che lo controlla. Nella dimostrazione, il giocatore aveva il compito di trovare una zucca per completare uno spaventa passeri, di vitale importanza per sbloccare l’accesso al livello seguente. Il mondo tridimensionale è animato bene e il comparto sonoro è di tutto rispetto, molto divertenti sono gli effetti sonori: comici ma non fastidiosi.

Quello che stupisce più di grafica e sonoro,in Tearaway, è indubbiamente il versante del gameplay, che trova davvero poche corrispondenze nei concorrenti e nei predecessori. L’anima platform del titolo è enfatizzata dalle possibilità offerte da PlayStation Vita: ad esempio occorre sfruttare il touchpad posteriore per interagire con il mondo di gioco in diverse maniere. Oltre al classico “tap”, o al gesto di scivolare il dito sulla superficie, occorre pressare con decisione e tener pressato sul touchpad, per vedere il nostro dito virtuale irrompere nel mondo di gioco per azionare un macchinario utile per il protagonista.

Si interagisce anche con i comandi vocali, necessari alla risoluzione di alcuni passaggi, mentre la fotocamera puntata sul giocatore lo rende insolito co-protagonista grazie a piccoli elementi di realtà aumentata. In gioco è inoltre possibile attivare una sorta di “modalità in prima persona” dalla quale poter scattare istantanee di gioco, oppure precisi oggetti richiesti dalla situazione. È presente anche un editor degli oggetti che andremo ad utilizzare, così da rendere l’esperienza di gioco ancora più unica e indimenticabile. Non esisterà mai una partita uguale ad un’altra.

Tearaway si profila come uno dei più importanti titoli in arrivo per PlayStation Vita. Un platform ma non solo, un modo di concepire un certo tipo di videogioco ed un motivo estremamente valido per comprare PlayStation Vita. Speriamo che le belle sensazioni ispirate vengano confermate dalla prova della versione finale.

Articolo precedentePS4: è già record di pre-order
Prossimo articoloUbisoft e Nvidia insieme
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.