Little Big Vita

Fantasia, stile e divertimento assicurato: questi sono i pregi che solo dopo cinque minuti saltano all’occhio giocando alla serie LittleBigPlanet. Nato su Playstation 3 e immortalato da due ottimi capitoli (più una versione per Playstation Portable), il brand creato da Media Molecule vanta creatività e stile da vendere: scenari brillanti e coloratissimi, personaggi buffi e irresistibili, senza contare un gameplay immediato anche se profondo, infarcito da un editor che arricchisce al meglio l’esperienza di gioco. La serie ha riscosso parecchio successo e l’annuncio di un nuovo episodio su Playstation Vita non ci ha di certo sorpresi. Anzi, le possibilità e le potenzialità offerte dal nuovissimo sistema di controllo della nuova console, ci hanno fatto ben sperare. E l’attesa ha portato i suoi frutti, perché LittleBigPlanet Vita non ha nulla da invidiare ai capitoli nati su Playstation 3, nonostante al timone ci siano questa volta i ragazzi di Tarsier Studio e non Media Molecule, che comunque ha supervisionato probabilmente i lavori. E’ il momento di immergerci nel magnifico mondo dei Sackboys. Siete pronti? Mettetevi comodi!

Parola d’ordine: immaginazione

Accedendo al menù principale, inizierete questa magnifica avventura ascoltando la storia della solita e familiare voce narrante. Separato (ma non cosi tanto lontano) dal nostro mondo, quello che viviamo tutti i giorni, ne esiste un altro completamente diverso, quello della fantasia, dove ogni pensiero, ogni cosa prende forma come per magia, creando dal nulla un intero universo formato da oggetti e pensieri, attraverso un incastro geniale tra realtà, vita quotidiana e fervida immaginazione puerile. Ma è un mondo anche corrotto e infestato da perfidi despoti, come il Burattinaio, e i suoi fidi e insistenti scagnozzi. Sarà nostro compito naturalmente rimettere le cose apposto e riportare l’allegria e il divertimento nel nostro fantastico microcosmo immaginario. Selezionato il nostro Sackboy (che mano a mano potremo personalizzare grazie al nostro editor), esploreremo i meandri del regno di Carnevalia, muovendo cosi i primi passi per saggiare e comprendere il gameplay. La storia è semplice e fa solo da cornice per dare slancio alla giocabiltà e al level design; ma è tuttavia impreziosita da una narrazione ben costruita e da momenti spassosi e divertenti che allieteranno non poco i fan di vecchia data.

Un grande mondo in una piccola console

Da un punto di vista prettamente tecnico, LittleBigPlanet Vita spreme a dovere l’hardware Playstation Vita nel migliore dei modi. Anzitutto, il level design è sempre vario e assortito, grazie a colori brillanti, superfici morbide e tantissimi oggetti in movimento su schermo, che lasciano di tanto in tanto spazio a toni più tenebrosi. Un plauso va alla fervida immaginazione degli sviluppatori, palpabile livello dopo livello, ciascuno dei quali sempre diverso e ricco di alternative. Tutto appare dinamico e allo stesso tempo armonioso, naturalmente gestito da un motore grafico all’alteza, impreziosito da texture definite. Per ciò che concerne il comparto sonoro, LBP Vita vanta pezzi musicali esilaranti e giocosi, anche se troppo spesso riproposti stage dopo stage. Impeccabile come sempre il doppiaggio in italiano.

Editor, touch e fantasia

La struttura di gioco è praticamente la stessa conosciuta nei capitoli precedenti: LBP Vita è una sorta di platform bidimensionale, ma caratterizzato da una fisica sofisticata, che permette di rendere le azioni più comuni, come la camminata e il salto, assolutamente unici, attraverso prospettive sempre diverse. Tra un livello e l’altro, dovremo azionare congegni per saltare più in alto, recuperare più bolle-premi possibili, e schiacciare i nemici col giusto tempismo. Il nostro premio sarà l’accesso a nuovi contenuti per l’editor: decorazioni, costumi, varianti per la personalizzazione e tanto altro ancora. I controlli standard e quelli touch si rivelano perfetti per ogni situazione: touchscreen e touchpad arricchiscono notevolmente le possibilità del gameplay. Scorrendo semplicemente le dita sullo schermo, potremo spingere oggetti, premere interruttori e quant’altro con assoluta intuizione e semplicità. Stage dopo stage, le diverse soluzioni si mescolano, allo scopo di creare sfide sempre più avvincenti ma mai frustranti. Tra una saltellata e l’altra, avremo la possibilità di sfruttare i vari gadget del nostro Suckboy: il rampino anzitutto, per oltrepassare baratri che coprono lunghe distanze, e i missili di ricerca, che possono essere teleguidati scorrendo il dito sullo schermo. Ritornano anche i livelli subacquei, ancora più avvincenti e ricchi di misteri da scoprire e che senza dubbio regalano varietà alla formula. Per non parlare delle boss fight, adesso molto più intriganti e avvincenti e, vi avvisiamo, decisamente impegnative. Questo non è un gioco per piccini! L’unico neo di questa produzione è senza dubbio la durata della campagna principale, che terminerete in poche ore. Tuttavia, la possibilità di recuperare delle chiavi segrete, vi permetterà di sbloccare tantissimi minigiochi divertenti tutti da scoprire. Sono proprio le sfide extra (molte della quali giocabili in multiplayer fino a 4 giocatori) la vera essenza di LittleBigPlanet. La sezione Sala Giochi è pensata apposta per i giocatori casuali e per coloro che vogliono destreggiarsi in pochi minuti di partita per poi riporre la console in qualsiasi momento. E poi ci sono i benefici dell’editor, che consentono di modificare il nostro personaggio e gli stage attraverso forme sempre diverse, colori, pennellate e contorni, il tutto ingrandendo e rimpicciolendo a piacimento attraverso i polpastrelli.

Conclusioni

LittleBigPlanet Vita prende il meglio dei capitoli della serie Media Molecule e crea una miscela vincente e familiare, tutta da vivere su piccolo schermo. Il risultato è un platform bidimensionale esagerato, brillante e ricco di tocchi di classe. La giocabilità è immediata ma profonda, e il comparto tecnico sfrutta al meglio il motore grafico Vita, senza contare la risposta dei controlli tattili della piccola macchina Sony. Ciliegina sulla torta, un editor sempre vario e ricco di soluzioni divertenti per personalizzare e accessoriare al meglio la nostra esperienza di gioco. Una nuova freccia per l’arco di Playstation Vita insomma, che gli appassionati della serie non si possono lasciare sfuggire e nemmeno tutti coloro che vogliono saggiare le capacità della nuova handhealth Sony.

CI PIACE

E’ vario, divertente e impegnativo al punto giusto
Le sezioni platform, quelle subacquee e i boss
Utilizzare l’editor sarà un toccasana per gli appassionati..

NON CI PIACE

..ma potrebbe annoiare chi si avvicina alla serie per la prima volta
La campagna principale dura troppo poco
Musiche a volte riciclate

Conclusioni

I sackboys sono tornati, e più in forma che mai! LittleBigPlanet Vita sfoggia il meglio di sè anche su Playstation Vita, rivelandosi una vera e propria killer application da non perdere!

9Cyberludus.com
Articolo precedenteWar of the Roses – Recensione
Prossimo articoloSony mostra il nuovo Playstation Store
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.