Ninja Gaiden Sigma Plus

 

Amato e temuto

Inutile improvvisare preamboli: Ninja Gaiden è un titolo non adatto a tutti, capace di scoraggiare il meno esperto degli action in terza persona, in grado di inferocire il meno esperto dei videogicatori, ma allo stesso tempo cultore di un’ arte che, se compresa e vissuta nella sua essenza, regala non poche soddisfazioni. Per coloro che non lo sapessero, quella di Ninja Ryukenden (La leggenda della spada del drago) è una serie nata in sala giochi le cui radici affondano nel terreno dell’era a 8 bit, su NES di Nintendo. I brand riscosse un successo cosi immediato da passare da console a console, generazione dopo generazione. Il 2004 fu un anno di svolta per Tecmo e   Tomonobu Itagaki , che sfoggiarono sulla allora potentissima XBOX Ninja Gaiden, reboot della serie che taglia il cordone ombelicale col passato, in favore di trama e personaggi completamente rivisti e una difficoltà sopra la media che renderà celebre il riavvio del brand. Il titolo venne riproposto nel corso degli anni in diverse edizioni, compresa Ninja Gaiden Sigma per Playstation 3, una volta sciolti i rapporti di esclusiva tra Tecmo e Microsoft.

La storia del guerriero ninja Ryu Hayabusa, del suo clan e il suo stile unico e inimitabile, hanno creato un action in terza persona accattivante, impegnativo  e insuperabile, soprattutto oggi che, dopo aver curato un secondo capitolo comunque all’altezza, Itagaki ha lasciato Team Ninja , abbandonando la serie a sé stessa e a un terzo capitolo controverso, in cui l’assenza del creatore si avverte perennemente.

I fasti di un tempo brillano di luce propria oggi come allora, a tal punto che Sony ha pensato bene di offrire ai possessori di Playstation Vita una nuova edizione del titolo in questione: Ninja Gaiden Sigma Plus porta l’intero bagaglio di esperienza accumulato nel soggiorno presso le console casalinghe, cercando di riproporre il tutto con qualche modalità extra e un approccio più fresco grazie alle caratteristiche della nuova handheald del colosso nipponico.

Rispolverate la vostra katana dunque, è tempo di ripassare la nobile arte.

La via del ninja

La storia ruota attorno alle vicende del letale Ryu Hayabusa, un guerriero ninja esperto nell’antica arte del combattimento appresa dal padre, a capo del clan che protegge il suo antico villaggio e la leggendaria Spada del Drago Nero, un artefatto cosi potente da fare gola ai più spietati signori dell’inferno e alle loro schiere di demoni. Per questo motivo il villaggio viene attaccato e Ryu sarà costretto a intraprendere un pericoloso viaggio tra le strade dell’impero Vigoor per scoprire l’identità segreta del suo nemico, protetto da diversi personaggi, che di tanto in tanto si frapporranno tra noi e la nostra missione. Non saremo sempre da soli a combattere: la bella e pericolosa Rachel ha giurato vendetta al perfido Doku, che ha trasformato la sorella in demone e non avrà pace finchè giustizia non verrà fatta. Senza contare il valido supporto della dolce Ayane, sempre pronta a darci qualche consiglio sul da farsi  e di tanto in tanto un piccolo aiuto per le nostre ferite.

Il tutto è riprodotto e raccontato su Vita in maniera impeccabile: la storia non prevede chissà quali colpi di scena o considerevole profondità nei personaggi secondari, ma è anche vero che la natura stessa del titolo si sposa perfettamente con le poche parole, per lasciare ampio spazio ai combattimenti, vero e proprio cuore pulsante di questa produzione.

Si può fare di più

Plus è in effetti il porting diretto di Ninja Gaiden per Playstation 3. Il risultato tecnicamente si dimostra più che buono: la grafica è nitida, brillante e ricca di dettagli; i modelli poligonali di protagonisti e personaggi sono molto curati e l’azione non accenna al minimo rallentamento, nemmeno nelle fasi più concitate. Tutto scorre in tempo reale in maniera fluida e perfetta.

Gli scenari e il design dei livelli, come quello dei nemici e dei boss di fine livello,  sono ancora oggi gradevoli da ammirare e regalano quel senso di nostalgia che non fa mai male rimembrando il passato.

Se proprio dobbiamo essere pignoli, il porting sarebbe risultato ancora migliore date le capacità tecniche di Playstation Vita e nonostante il lavoro impeccabile, non si può tacere contemplando Uncharted: L’abisso d’Oro e la sua magnificenza, pensando: ” Ma Plus non potevano pomparlo di più come il nuovo capitolo di Drake?!”.  L’ovvia differenza con la controparte PS3 c’è e si nota subito, ma ricordiamo che si tratta di un porting e non di un titolo studiato e progettato per questa console. Chi si avvicina al titolo per la prima volta,  non avrà comunque di che lamentarsi, se non per qualche lieve caricamento durante alcune sezioni di gioco, presenti del resto nella versione PS3.

Ottimi il lavoro svolto sulla colonna sonora, il campionario suoni e il doppiaggio: muniti di cuffie o meno, lo spettacolo è assicurato.

Easy Ninja

A livello di gameplay, la formula standard del titolo Team Ninja funziona alla perfezione. Stick sinistro per i movimenti,  stick  destro per  ruotare liberamente la telecamera, X per saltare, Cerchio per scagliare oggetti da lancio, anche esplosivi, Quadrato e Triangolo per gli attacchi leggeri e pesanti. La parata è affidata al tasto L che, se accompagnato da un movimento dello stick sinistro, permetterà a Ryu di schivare e rotolare. Parata e schivata sono regole universali per non arrivare al Game Over dopo soli due minuti. Ninja Gaiden non perdona e attaccare alla cieca premendo tasti a caso serve solo a indolenzire i polpastrelli. Ogni mossa va studiata con cura  e tempismo, soprattutto quando sarete accerchiati. Pozioni della salute, artefatti magici e gadget divini vi aiuteranno a sanare il vostro stato di salute e a potenziare le vostre abilità, senza contare le magie Nimpo, che sfruttano poteri divini come quelli del fuoco o del fulmine per creare un diversivo letale in situazioni critiche. Oltre alla katana, presto sfoggerete armi bianche pericolosissime, che andranno all’occorrenza potenziate in determinati punti specifici.

Per fare pratica, vi consigliamo vivamente di sbizzarrirvi con le 36 prove che fungono da tutorial, divise per difficoltà e molto utili ai profani della serie.

Poche e non proprio invidiabili le novità dedicate a questa edizione: anzitutto sarà possibile passare in prima persona semplicemente toccando lo schermo anteriore e potrete cosi guardarvi attorno in cerca di oggetti o scrigni segreti disseminati in ogni angolo dello scenario. In prima persona non potrete muovervi e in un titolo in cui i combattimenti sono sempre dietro l’angolo e dove l’esplorazione è solo un fattore secondario, ha poco senso dilettarsi con questa features.

Sempre in prima persona potremo inoltre utilizzare l’arco e scagliare le frecce utilizzando un semplice tocco. Se questa variante risulta ottima in piena tranquillità, con nessun nemico a distanza ravvicinata e con obiettivi da colpire in zone elevate, il discorso cambia radicalmente in presenza di nemici troppo vicini, che ci affetteranno in men che non si dica mentre tenteremo di passare alla visuale standard. Non possiamo non segnalare che il più delle volte toccherete per sbaglio lo schermo e passerete inevitabilmente in modalità prima persona, perdendo quel secondo cruciale per tornare in terza persona, che di solito equivale ad una porzioncina di barra della salute in meno.

In favore dei giocatori meno esperti o per quelli che vogliono le cose facili, non solo Plus mantiene la modalità Ninja Dog (attivabile morendo tre volte), ma propone come  extra di questa edizione la modalità Eroe. In cosa consiste: una volta esaurita la barra della salute, non morirete come da programma, in quanto si attiverà una modalità temporanea in cui pararete tutti i colpi dei nemici e potrete usare Nimpo all’infinito. In questo frangente riacquisterete salute a sufficienza per vivere tranquilli l’intera esperienza di gioco, dato che morire sarà praticamente impossibile, a patto di non precipitare in qualche baratro.

Infine, l’utilizzo delle magie Nimpo sarà affidato al touchpad posteriore, attraverso il quale dovrete compiere dei mini giochi con le dita per attivarle.

La longevità rimane come sempre ragguardevole, grazie ad una campagna principale enorme e tantissime sfide che vi terranno impegnati per diversi giorni, anche di più.

Conclusioni

Ninja Gaiden Sigma Plus rappresenta un titolo imprescindibile per gli amanti del genere action in salsa giapponese, che non hanno avuto modo di provare nessuna edizione attualmente in commercio e che possiedono solo Playstation Vita. Plus non solleticherà solo il palato degli hardcore gamers, ma anche quello degli amanti del gioco facile, che grazie alla modalità eroe non dovranno strapparsi i capelli dalla rabbia, anche se il prezzo da pagare è vedere la serie privata della caratteristica che ne ha decretato la fama, la curva di difficoltà.

A parte un comparto tecnico di buona fattura, ma che poteva raggiungere un livello di rifinitura migliore data la potenza della handheald, il vero difetto sta nella povertà di aggiunte a tale edizione.

I controlli touch sono minimi e una volta provati per qualche minuto verranno subito rimpiazzati da quelli classici. Ci saremmo aspettati novità inedite più succose ed è per questo che sconsigliamo il titolo ai possessori delle altre versioni, che non troveranno nulla di nuovo, se non lo stesso impagabile titolo che ha regalato emozioni, soddisfazioni e mani sudate per ben 12 anni.

CI PIACE

Tutto il fascino di Ninja Gaiden riprodotto fedelmente su Playstation Vita
Ancora oggi impegnativo e avvincente
La modalità Eroe permetterà a tutti gli utenti di apprezzare la serie..

NON CI PIACE

..snaturando però la natura hardcore del titolo originale
Tecnicamente si poteva fare qualcosina in più
Poche novità rilevanti, controlli Vita sfruttati poco e non benissimo
Non ha senso acquistarlo se possedete una delle versioni casalinghe.

7.8Cyberludus.com
Articolo precedenteReality Fighters
Prossimo articoloLogitech HD Pro Webcam C920
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.