Molti videogiocatori saranno certamente grati alla casa di sviluppo americana Telltale che, negli ultimi anni, ha fatto in modo di aggiudicarsi licenze molto preziose gestendole in maniera magistrale: stiamo parlando della riedizione di classici quali Sam&Max, Monkey Island o ancora del seguito spirituale della serie cinematografica Ritorno al Futuro. La Software House ha sempre evitato di cadere sul banale e non ha mai deluso i fan dei videogiochi o film originali diventati cult. Ultima fatica di Telltale è un videogioco strutturato a episodi che vanta il brand di Jurassic Park, sviluppato per pc, mac, xbox 360 e in programma anche per altre piattaforme. Il primo episodio viene distribuito tramite Digital Delivery, come tradizione della casa, e propone un approccio al gameplay decisamente non convenzionale.

Film interattivo?

Chi si ricorda di Fahrenheit e del recente Heavy Rain, prodotti da Quantic Dream? Questi titoli si sono guadagnati di diritto la denominazione di film interattivi, in virtù del fatto che il giocatore poteva intervenire nei momenti topici delle cut scenes agendo in questo modo sulle volontà dei personaggi. I ragazzi di Telltale hanno deciso di utilizzare la stessa filosofia per la loro versione di Jurassic Park, con la conseguenza che l’attenzione di chi gioca ora è rivolta principalmente alla componente narrativa. Una scelta intelligente, considerando che sono usciti sul mercato parecchi titoli ispirati alla pellicola, e nessuno di essi ha mai proposto un livello di storyline elevato, focalizzando tutto il lavoro sul gameplay. Questo nuovo Jurassic Park è proprio un film: a cominciare dal prologo si viene subito catapultati nel cuore dell’azione (cercando di salvare una donzella alle prese con alcuni rettili troppo cresciuti) e ci si rende conto di come il gameplay sia qualcosa di diverso dal solito. Al giocatore infatti viene affidato il semplice (apparentemente) compito di premere determinati pulsanti in momenti ben precisi (e coerenti con le azioni dell’alter ego), pena la dipartita del personaggio con il conseguente blocco della cut scene. I tentativi a disposizione però sono illimitati, il che rende il gioco godibile e mai frustrante. La versione sviluppata per PC permette di scegliere di utilizzare il classico sistema mouse e tastiera, oppure di affrontare l’avventura con l’ausilio di un joypad. Il gioco (come ormai la quasi totalità dei titoli recenti) è stato studiato in particolar modo per sfruttare in gamepad di Xbox 360, il quale viene automaticamente riconosciuto e configurato a puntino.

Seguito delle pellicole?

La trama del gioco è concentrata in particolar modo sul furto di embrioni di dinosauro avvenuto per mano di Dennis Nerdy, il quale (come sa chi ha visto i film di Spielberg) è stato poi divorato da alcune “simpatiche” creature. Il giocatore dovrà seguire le vicende di diversi personaggi che hanno il compito di indagare sui fatti avvenuti, con la speranza di far luce sulla faccenda. La storia si concentra quindi su eventi successivi al finale delle pellicole, e questo stuzzicherà quanto basta gli amanti della serie. Purtroppo però i vari personaggi sono scarsamente caratterizzati: non solo vantano ben poco carisma, ma spesso risultano essere anche poco espressivi. Non manca però la presenza di alcune chicche, che si presentano sotto forma di riferimenti a eventi (primari e secondari) presenti all’interno delle pellicole, che rendono il passaggio da queste ultime al gioco il più indolore possibile. La longevità del titolo però non è granché, e potrà essere completato in poche ore, anche se chi si appassionerà vorrà certamente acquistare gli episodi successivi quando saranno disponibili. Questo nuovo “film”, considerando che siamo davanti soltanto al primo episodio, riesce a catturare i fan, ma lascia purtroppo indietro indietro tutti gli altri, che tenderanno ad abbandonarlo in breve tempo.

Tecnica e gameplay.

Sebbene l’intervento del giocatore si svolga sempre nei momenti più adrenalinici dell’azione, questo schema tende a risultare presto ripetitivo. Essenzialmente i programmatori avrebbero dovuto concentrarsi maggiormente su una di queste due cose: potevano curare di più la componente narrativa, il che avrebbe fatto sorvolare sulla ripetitività del gameplay, oppure si sarebbe potuta dare maggior varietà al sistema di controllo. Purtroppo però, tutta l’avventura richiederà la pressione singola o ripetuta di un tasto. Il comparto tecnico, seppur sufficiente a rendere giustizia al sapiente uso della telecamera dal taglio cinematico, non brilla per dettaglio grafico e mole poligonale: texture di piccole dimensioni e qualche bug ne compromettono leggermente la fruizione. I suddetti bug, quali stuttering, clipping e popup delle texture si presentano maggiormente con l’utilizzo di schede ATI.

A parte questo, il taglio cinematografico delle inquadrature è riuscito a far passare in secondo piano alcune di queste problematiche. In particolare sono stati ben implementati gli effetti di motion blur, profondità di campo e rifrazione, a dimostrazione del fatto che la risoluzione delle texture non è tutto in un videogioco e spesso è meno importante di effetti di rendering anche poco sofisticati ma mescolati con stile. Discreta la colonna sonora, anche se lontana dall’eccellenza di quella delle pellicole. Non si poteva certo pretendere niente al livello di un Oscar, ma sarebbero state gradite delle melodie più dinamiche nelle transizioni e in grado di garantire un maggiore livello di immersività.

Commento finale.

Jurassic Park è un titolo atipico, che con un pizzico di impegno in più sarebbe potuto diventare una piccola perla tra le novità in uscita per PC. Purtroppo però, la realizzazione del titolo non è all’altezza delle precedenti fatiche di Telltale, e questo rischia di allontanare un numero considerevole di videogiocatori. La trama, seppur gradevole, possiede poco mordente e non appassiona chi non è affezionato alle pellicole. L’idea alla base del gameplay invece, è senza dubbio innovativa, ma cade troppo presto nella ripetitività. In aggiunta al tutto, un comparto tecnico sotto la media, che risulta anche afflitto da bug, nel caso specifico delle schede video Ati. Un titolo discreto per gli appassionati della saga cinematografica, ma solo sufficiente per tutti gli altri, a patto che riescano ad apprezzare il gameplay o la storia.

CI PIACE

Rappresenta il seguito delle pellicole di Jurassic Park. Innovativo approccio al gameplay…

NON CI PIACE

…che però risulta presto ripetitivo. Comparto tecnico sotto la media.

6.5Cyberludus.com
Articolo precedenteIl 3DS migliore al primo anno rispetto al DS
Prossimo articoloNotch lascia lo sviluppo di Minecraft
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.