Playstation Portable vanta tantissime serie di successo esclusive Sony incentrate sul divertimento a ritmo di musica e colori, cosi dannatamente geniali e coinvolgenti da ipnotizzare non solo gli appassionati del genere rhytm game ma anche il giocatore occasionale. La saga Patapon ha già debuttato sulla nostra console portatile preferita per ben due volte, riscuotendo non poco successo; di conseguenza un terzo capitolo era pressoché inevitabile e dopo anni di attesa possiamo finalmente recensire Patapon 3 , la terza avventura dei combattenti più squinternati che l’universo videoludico ricordi. Tamburi di guerra alla mano dunque: è tempo di tornare all’attacco!

Le guerre non finiscono mai

Se pensavate di aver chiuso con nemici, musica e battaglie fuori dall’ordinario vi sbagliavate di grosso: le guerre non finiscono mai nemmeno per i Patapon, che ancora una volta sono costretti a scendere in campo. Sfortunatamente, ben sette colossali creature si sono liberate dalla loro prigionia dopo millenni di condanna. Naturalmente toccherà al giocatore rivestire il ruolo dell’Onnipotente, il generale supremo che dovrà suonare i quattro tamburi e gestire cosi l’intero esercito che marcia verso le frontiere nemiche.

Bidimensionale: che passione

Il comparto tecnico di Patapon 3 rispecchia ancora una volta la natura stessa del titolo firmato da Japan Studio . Il level design degli scenari che fanno da sfondo alla nostra battaglia è semplicemente meraviglioso, grazie alla sua pura semplicità. Che si tratti di foreste insidiose e selvagge o di vette innevate o di oscure grotte sotterranee, la grafica sprizza colori accesi e fantasia da ogni pixel su schermo, rendendo ogni schermata ricca di vita, soprattutto grazie ad una palette di colori molto varia e brillante. Il design dei personaggi e dei nemici risulta come al solito accattivante e ricercato, soprattutto quello dei boss di fine livello.

Il comparto audio si può definire solo come “irresistibile”: la colonna sonora offre una lunga serie di canti da guerra e ritornelli talmente esilaranti da coinvolgere e immergere il giocatore nel contesto di gioco. Gli effetti sonori poi sono una gioia per le orecchie e fonte di risate per la bocca, soprattutto durante i discorsi dei soldati, o nelle incitazioni alla battaglia.

Suona che ti passa

Il gameplay rappresenta come al solito il cuore pulsate del brand nato nel 2008. Lo scopo del gioco è naturalmente quello di guidare le proprie truppe verso la guerra, ma a ritmo di musica. La tempistica sarà fondamentale nel premere i quatto tasti (Triangolo, Quadrato, Cerchio e X) principali per le operazioni strategiche. I patapon dovranno infatti attaccare ma anche difendersi, saltare ostacoli e abbattere nemici dalla stazza variabile per rimanere in piedi. Annientando i “cattivoni” di turno e avanzando scenario dopo scenario, accumuleremo tantissimi punti esperienza e oggetti utilissimi (tra i quali armi e scudi) per equipaggiare il nostro esercito. Attraverso le ka-ching (le monete del gioco) potremo inoltre inserire effetti secondari ai nostri strumenti di morte, come ad esempio getti di fuoco. Sarà inoltre fondamentale far salire di livello i nostri soldati grazie alle abilità: un esercito forte e resistente è praticamente obbligatorio vista la progressiva curva di difficoltà, che non va assolutamente sottovalutata.

Ma l’intrigante modalità in singolo non rappresenta l’unico trastullo per gli appassionati: si da il caso infatti che la modalità multiplayer offra la possibilità di far partecipare il nostro alter ergo virtuale (che avremo quindi equipaggiato e fatto salire di livello all’occorrenza nella modalità single player). Sarà cosi più facile (ma non troppo) sfidare i nostri amici in battaglie epiche ma soprattutto deliziosamente divertenti.  La longevità si attesta su buoni livelli e la difficoltà vi costringerà a rigiocare le missioni più di una volta.

Conclusioni** **

Patapon 3 regala ancora una volta un mix perfetto di avventura, strategia e follia videoludica. I patapon sono protagonisti unici nel loro genere, irresistibili quanto esilaranti. Il comparto tecnico offre come al solito abbondanti dosi di gioia per occhi e orecchie e il gameplay risulta intrigante e impegnativo, grazie soprattutto al multyplayer. Tuttavia ci ritroviamo di fronte ad un titolo ottimamente realizzato ma privo di novità di rilievo. Il gioco va caldamente consigliato agli amanti della serie ma ci auguriamo che la prossima generazione portatile accolga un quarto capitolo pregno di novità di rilievo. 

![][__userfiles__patapon3 (1).jpg]

[__userfiles__patapon3 (1).jpg]: /images/v/600×337/__userfiles__patapon3 (1).jpg

CI PIACE

I patapon sono irresistibili
Ottimo comparto tecnico
Accattivante e impegnativo il gameplay, anche in multiplayer

NON CI PIACE

Nessuna novità di rilievo
Alcuni livelli difficili potrebbero scoraggiare i pigroni

8Cyberludus.com
Articolo precedentePSN: Welcome Back disponibile!
Prossimo articoloThe Legend Of Zelda: Ocarina Of Time 3D
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.