Che i videogiochi siano spesso sotto una lente d’ingrandimento anche da parte di chi non li gioca non è una novità. Così come il fatto che, sempre più volentieri, appaiano reclami rivolti anche a titoli insospettabili, come un innocuo The Sims, giusto per fare un esempio. Stavolta, è il turno di Portal 2 : coloro che ci hanno già giocato avranno quasi sicuramente ascoltato certe accuse mosse da GLaDOS (e non solo) verso Chell , riguardanti il suo peso o il suo essere orfana . Proprio questo punto, secondo alcuni genitori statunitensi, è irrispettoso nei confronti di chi è stato effettivamente adottato: un padre, in particolare, si è dichiarato indignato e preoccupato per la propria figlia adottiva, la quale, se dovesse malauguratamente giocare con Portal 2, potrebbe sentirsi offesa.

Con tutto il rispetto verso coloro che si preoccupano di adottare alcuni dei bambini più sfortunati, e gli stessi bambini adottati, è necessario però ricordare un particolare: tutti gli “insulti” vengono poi rivisti da chi li proclama , chiedendo scusa a Chell. Insomma, i genitori hanno preferito tagliare accuratamente i dialoghi, scegliendo cosa effettivamente potesse risultare offensivo, piuttosto che rischiare di venire immediatamente sbugiardati. Purtroppo per loro, per questo non ci è voluto molto.

Articolo precedenteGt Academy 2011, il 14 e 15 Maggio a roma le finali nazionali
Prossimo articoloBattlefield 3 pubblica il secondo post della serie Back to Karkand
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.