Storia di un principe dalla lunga vita

Molti sono i protagonisti dell’universo videoludico che sopravvivono nel tempo attraverso nuove avventure ed innovativi capitoli che debuttano generazione dopo generazione; ma pochi rappresentano vere e proprie icone che destano interesse nonostante gli anni sulle spalle. Una delle serie che è sopravvissuta alla polvere e al dimenticatoio è senza dubbio quella di Prince of Persia , nata nel 1989 e ancora verde e fresca, ma soprattutto restia a cedere il posto a produzioni più giovani. Questo grazie a Ubisoft Montreal , che è riuscita nella difficile impresa di proporre cambiamenti drastici nel corso del tempo: da platform 2d ad action/adventure in terza persona ad avventura in cell shading e a qualche mezzo passo falso, di acqua sotto i ponti ne è passata. In attesa di stupirci (si spera) ancora una volta , Ubisoft ha deciso nel frattempo di seguire la moda del momento e rilasciare al pubblico Ps3 la Prince of Pesia Trilogy , una raccolta rimasterizzata in alta definizione che contiene i tre capitoli della passata generazione di console. Scopriamo insieme se vale la pena o meno fare un tuffo “sabbioso” nel passato.

La trilogia delle sabbie

La Trilogy, che troverete sia in versione blu-ray disc nei negozi specializzati a 39,99 euro che in digital delivery su Psn (14,99 euro per ogni capitolo), offre l’opportunità di rivivere le avventure del principe di Persia uscite tra il 2003 e il 2005, interamente in alta definizione, con il supporto del 3D e dei trofei, come oramai tradizione vuole su Ps3.

Le Sabbie del Tempo racconta la storia del giovane principe figlio del re di Persia Sharaman, la cui tenacia, ma anche la troppa curiosità, lo portano ad impossessarsi del mitico pugnale del tempo, uno strumento magico in grado di attivare le Sabbie del Tempo, racchiuse dentro un’imponente clessidra. Spinto dal perfido Visir, consigliere del re, il principe libera le Sabbie, scatenando un’apocalisse in terra fatta di sabbia e mostri senz’anima nel palazzo di Azad. Gli unici sopravvissuti oltre a lui, sono la bella Farah e il Visir, immuni anche loro al contagio delle Sabbie. Ma di chi davvero si può fidare il principe per rimettere a posto ogni cosa?

Spirito Guerriero si svolge qualche anno dopo gli eventi di Azad, con un principe più oscuro, cambiato dalle battaglie e dalle Sabbie stesse. La sua missione è quella di addentrarsi nella leggendaria Isola del Tempo, dove le Sabbie sono state create, cercando una maniera per cambiare il suo destino e riavere la sua vita, suo padre e il suo regno. Ma l’impresa sarà molto più ardua di quanto il principe possa pensare, tra mostri temibili, soldati agguerriti e il Dahaka, il demone del tempo che lo perseguita.

I due Troni vede il principe tornare sano e salvo in patria, convinto di aver distrutto il Male e riportato ogni cosa al suo posto. Peccato che Babilonia sia stata attaccata e distrutta e adesso governata da mostri di sabbia e da un nuovo sovrano. In tutto questo, l’influsso delle Sabbie, che da anni consumavano lentamente il principe, hanno adesso preso vita, risvegliando la sua parte oscura. Due uomini, uno la nemesi dell’altro, nello stesso corpo, determinati a consumarsi a vicenda. Tra vecchie conoscenze che ritornano, battaglie all’ultimo sangue e colpi di scena, il principe dovrà una volta per tutte sconfiggere i suoi nemici e riportare la pace e la vita nel suo regno e soprattutto dentro se stesso. I racconti del principe sono ancora oggi ricchi di fascino, grazie agli intrighi, i colpi di scena e soprattutto alla narrazione degli eventi, raccontati come nelle fiabe de Le mille e una notte. Una trilogia avvincente che nessun appassionato di avventure dovrebbe perdersi.

sabbie del tempo

Ieri e oggi..

Tecnicamente il lavoro di restauro sulla Trilogy è riuscito si, ma solo a metà. L’alta definizione si vede sin dalle primissime schermate, grazie ad una risoluzione più ampia e alle texture adesso più pulite e gradevoli da contemplare. Niente aloni bianchi o disturbi del segnale dunque ma finalmente scenari puliti, di cui si possono adesso apprezzare tutti i dettagli, dalle mura esterne di Azad, ai giardini pensili, agli interni grotteschi del palazzo del Tempo alla città di Babilonia. Tutto ora gira in maniera immediata e sostanzialmente fluida, coinvolgendo anche l’azione, adesso più scorrevole e veloce. L’alta definizione non può fare nulla però sull’età di queste produzioni, visibile soprattutto nella modellazione poligonale dei personaggi e dei volti in particolar modo, che appaiono oggi abbastanza grezzi. Poca cura è stata riservata alle sequenze d’intermezzo, che sono state troppo compresse, cosi da risultare poco definite su schermo HD. Un vero peccato.

Il sonoro mantiene pregi e difetti dell’originale: ottimo doppiaggio in italiano (seppur con qualche sporadica pecca) e ottima la colonna sonora. Avremmo gradito migliorie sugli effetti sonori, come i versi degli animali, dei mostri o delle armi, colpevoli di effetti striduli e poco piacevoli. Piccoli difetti che sono un prezzo da pagare per vivere la magia della passata generazione.

..alcune cose non cambiano!

Ma resta il gameplay la versa essenza di Prince o Persia e la Trilogy non fa che esaltarne la formula, che tanto regalò agli ultimi capitoli di Tomb Raider e alla serie Assassin’s Creed, grazie all’azione adesso più veloce e fluida. Oggi come allora, il gameplay si basa sull’esplorazione di scenari che covano insidie ma soprattutto enigmi da risolvere per poter proseguire e che, la maggior parte delle volte, daranno il via a sequenze platform da capogiro, tra salti da infarto, camminate sui muri, scalate e arrampicate, prima che congegni antichi e trappole mortali, come baratri e aculei di ferro, ci portino al Game Over. Non mancano certo i combattimenti contro i nemici, tra combo speciali ed esecuzioni brutali. Tutto questo sarà reso ancora più spettacolare grazie all’utilizzo del pugnale, che sfrutta il tempo riavvolgendolo o bloccando tutto intorno a noi, consentendoci di correre e uccidere con facilità per alcuni secondi. I Due Troni inoltre ha portato con se parecchie novità, come sequenze acrobatiche ancora più complesse, boss fight ancora più coinvolgenti, le sequenze a bordo delle bighe, uccisioni stealth e le fasi in compagnie del Dark Prince, avvincenti e cariche di adrenalina. Oggi la risposta ai comandi potrebbe risultare a tratti lenta e qualche bug potrebbe far storcere il naso ai più pignoli, ma l’esperienza rimane comunque divertente e appassionante, compresi gli extra, che offrono gustosi dietro le quinte e il primissimo capitolo di Prince of Persia del 1989.

Concludendo…

Prince of Persia Trilogy offre ad un ragionevole prezzo la preziosa opportunità di rivivere le emozioni delle tre avventure del principe di maggior successo, oggi rimasterizzate in HD e dotate di qualche miglioria. Un’opportunità che va colta al volo da tutti coloro che non hanno avuto modo di giocarle in passato, ma che poco potrebbe offrire invece a chi le ha già vissute qualche anno fa. Tecnicamente si poteva fare di meglio, soprattutto nella cura di alcuni dettagli, ma in generale questa collezione regala ancora emozioni forti per chi ha voglia di avventura, atmosfera e acrobazie folli. A voi la scelta di riavvolgere il tempo o meno!

CI PIACE
  • La trilogia de Le Sabbie anche su Ps3
  • tre giochi a meno di quaranta euro.
  • Storia, atmosfera e gameplay ancora ad altissimi livelli
  • L’alta definizione si vede..
NON CI PIACE
  • ..ma poteva essere curata molto meglio di cosi
Conclusioni

Prince of Persia Trilogy offre ad un ragionevole prezzo la preziosa opportunità di rivivere le emozioni delle tre avventure del principe di maggior successo, oggi rimasterizzate in HD e dotate di qualche miglioria. Un’opportunità che va colta al volo da tutti coloro che non hanno avuto modo di giocarle in passato, ma che poco potrebbe offrire invece a chi le ha già vissute qualche anno fa.

7.5Cyberludus.com

Articolo precedenteBrave New Game: un premio italiano per gli sviluppatori indipendenti
Prossimo articoloAl via la terza edizione della GT Academy
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.