Il Professor Layton e L’Eterna Diva: cinema e videogames in connubio

Capita sempre più spesso che cinema e videogames convergano verso un unico prodotto, soprattutto nel sol levante dove alcune produzioni ricalcano stilemi e situazioni da fumetto. Accade così che vengono prodotti film tratti da saghe come Silent Hill, Resident Evil, Alone in The Dark e così via, oppure le stesse software house forti delle esperienze dei filmati in computer grafica rilasciano lungometraggi sviluppati unicamente con questa tecnica ( Resident Evil: Degeneration, Final Fantasy VII: Advent Children).

Su questa logica Level 5, sviluppatore nipponico, ha deciso di produrre un lungometraggio di animazione sulle avventure del professor Layton e del suo fidato assistente Luke, ovvero “Il Professor Layton e l’Eterna Diva”. Il lavoro effettuato è molto lodevole sotto diversi aspetti visto che il film, della durata di circa 90 minuti, riesce a conciliare in poco tempo tutta l’esperienza che il gioco regala in decine di ore di gioco.

Le avventure del professor Layton iniziano con la pubblicazione di “Il professor Layton e il paese dei misteri”, titolo che fin da subito attira l’attenzione di pubblico e critica poiché reinventa in modo originale e coinvolgente i puzzle game e sfruttando il touchscreen del Nintendo DS tal genere viene sopraelevato a un nuovo livello di interazione. Il giusto alternarsi tra risoluzione di enigmi, una trama complessa e mai banale con la giusta dose di divertimento, filmati in stile cartone animato di ottima fattura, fanno quasi dimenticare l’esistenza di titoli di un certo peso esistenti per le console casalinghe. Ben presto non tardano ad arrivare due seguiti: “il Professor Layton e lo scrigno di Pandora” e “Il Professor Layton e il futuro perduto” che entrambi si confermano superbamente sviluppati sempre diversi e mai uguali a se stessi; rimasto inedito in Italia è invece “Il professor Layton e Il Flauto Spettrale”. Sfruttato a fondo il DS, Level 5 sta ora preparando un nuovo titolo per Nintendo 3DS che rientra nella “seconda stagione” della saga. Qui è proprio il film a venirci in contro, infatti la voce narrante apre il film con le seguenti parole:

“Tutto è iniziato con una serie di giochi. La saga del professor Layton è un successo planetario che coinvolge in tutto il mondo 7 milioni e 300 mila appassionati di indagini e misteri. Oggi il professor Layton viaggerà nel tempo: questo film è strettamente legato al quarto episodio della serie che narra dell’incontro di Layton con Luke per la loro prima avventura. E ora lasciamo che l’eroe del gioco diventi il protagonista del film…”

Considerando che “Il flauto Spettrale” in Italia è ancora inedito e che è in sviluppo per 3DS un nuovo episodio, in ordine cronologico gli episodi possono così collocarsi:

  • **Il Flauto Spettrale**
  • **L’eterna Diva**
  • **La Maschera dei Miracoli**
  • **Il Paese Dei Misteri**
  • **Lo scrigno Di Pandora**
  • **Il Futuro perduto**

I primi tre titoli in elenco sono i cosiddetti della seconda stagione che quindi fa da prequel agli episodi fin’ora usciti.

Il lavoro di Level 5 è davvero ammirabile, il film ripropone i medesimi disegni, musiche e persino doppiatori che troviamo nei videogames. Anche lo sviluppo della vicenda è fatta di misteri da risolvere, indizi da interpretare, personaggi originali e credibili che si susseguono e lasciano il segno.

Il messaggio è chiaro: Level 5 ci intrattiene con questo film con gli stessi toni che ritroveremo nei nuovi episodi del professor Layton, e non possiamo far altro che attenderli con estrema impazienza.

Articolo precedente2K Games presenta l?edizione da collezione: Duke Nukem Forever: palle d?acciaio
Prossimo articoloPS3: diffusione accidentale del codice hacker
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.