Harvest Moon: Animali in Marcia

“Harvest Moon: Animali in Marcia” approda anche in Europa, ben due anni dopo il suo rilascio su suolo nipponico . Proprio per questi motivi legati all’importazione, la serie è tanto vasta quando sconosciuta: “Harvest Moon” è un brand che vanta di moltissimi titoli, la maggior parte non arrivati da noi, che spaziano dal Super Nintendo, passando per la Playstation e la PSP, fino a consacrarsi negli ultimi anni come prerogativa della grande N al momento che tutti i suoi recenti titoli sono esclusive Wii. I giochi che compongono questo franchise sono degni di nota per appartenere ad un genere unico: infatti, “Harvest Moon” è una simulazione di vita agraria che vi impegnerà nella gestione di una fattoria in tutti i suoi aspetti. Questa peculiarità ha permesso a Marvelous Entertainment di costruirsi una solida schiera di fan, oltre che attirare un pubblico ampio e dinamico che si compone soprattutto di bambini. “Harvest Moon: Animali in Marcia” è il secondo gioco della serie in esclusiva Wii e si presenta come una sorta di “upgrade” del precedente – “Harvest Moon: L’albero della tranquillità” – dal quale eredita pregi e (purtroppo) difetti, arricchendosi però di una nuova trama e diverse sfiziose aggiunte.

Ecosistema da salvare

Il nostro obiettivo sarà quello di risollevare l’economia di Harmonica Town , una graziosa cittadina alla quale sembra che gli Dei del Raccolto abbiano voltato le spalle. Le Cinque Campane Elementali sono state rubate, così che il clima mite e la natura fiorente hanno iniziato ad abbandonare il villaggio: i terreni da coltivare hanno iniziato a perdere fertilità e gli animali hanno incominciato a lasciare la zona per migrare in cerca di migliori fortune. Come se non bastasse, il Re è l’unico in grado di far suonare le Cinque Campane che con la loro melodia ridarebbero vita all’albero e forza alla natura, ma egli è misteriosamente scomparso … Toccherà a noi prendere in mano le sorti della città ed i suoi abitanti e ritrovare l’Harvest King per ridonare ad Harmonica Town la bellezza di un tempo.

Vivere in campagna

Come prima cosa dovremo creare il nostro personaggio , decidere se sia maschio o femmina, l’aspetto fisico ed i vestiti. Successivamente, dopo diversi tutorial, respirerete sicuramente una certa “aria di casa” se avete già giocato ai precedenti capitoli: vi verrà affidata una fattoria (questa volta più simile ad un ranch, visto che l’allevamento gode di una posizione di rilievo in questo titolo) con lo scopo di rimetterla in sesto e renderla attiva. Inizialmente avremo a disposizione diversi attrezzi semplici e tipici , come la zappa, l’innaffiatoio, un piccone, diversi semi da piantare e così via; questo per iniziare a predisporre le basi per la coltivazione del fondo e prendere conoscenza con le altre attività connesse (es. lavoro in miniera). Naturalmente, in un gestionale che si rispetti, dovremmo anche impegnarci a creare e sviluppare relazioni sociali con gli abitanti di Harmonica: possiamo trovare amici, compagni e persino l’anima gemella con cui costruire una famiglia ed avere figli. Questa componente è molto importante e vasta, infatti gli amici ci potranno aiutare con il lavoro , festeggeranno i compleanni facendovi regali ed attività analoghe che ricalcano l’importanza di questa parte sociale del titolo. E’ fondamentale organizzare la vita quotidiana: le giornate sono scandite dallo scorrere del tempo ed è fondamentale gestire la quantità di lavoro, i pasti, il sonno e lo svago. Tutto ciò viene condizionato dallo scorrere delle stagioni, oltre che dalle nostre condizioni economiche e la disponibilità ad investire. Grande novità di questo titolo è l’importanza data all’allevamento e gestione dei nostri animali: il numero di bestie è veramente vasto , la fauna vanta di tutti gli animali presenti in natura ed il loro allevamento comporterà un reddito sia per la fattoria che in termini personali (come la possibilità di farsi aiutare a compiere determinate azioni o di cavalcare i quadrupedi per spostarsi velocemente). Vi sono poi moltissimi aspetti secondari che rendono il gioco veramente completo: dalla funzioni della macchina fotografica, al vastissimo parco abiti, il tutto condito dalle sub-quest che ampliano ed approfondiscono i background della trama ed aumentano notevolmente la longevità del gioco. L’organizzazione dei menu è veramente molto semplice ed intuitiva, adatta a chiunque e di facile comprensione per i più piccoli.

Sfaccettature altalenanti

“Harvest Moon: Animali in Marcia” segue i principi visti nella serie nel corso degli anni offrendo un titolo che ricalca le basi avvincenti del brand aggiungendo svariati nuovi aspetti. Se, da una parte, questo ragionamento è da sempre una formula efficace per mantenere salda la base di fan della serie attirandone poco a poco di nuovi, dall’altra non permette al titolo di fare quel salto di qualità che lo faccia realmente contraddistinguere. La grafica mantiene il design del predecessore, godendo però di un aspetto colorato e curato, ed il sonoro rimane di buona fattura con melodie rilassanti ed adatte ai diversi contesti. Una grande pecca rimane la telecamera fissa , che sminuisce il senso di libertà nelle esplorazioni e limita decisamente l’ammirazione dei diversi paesaggi. I controlli sono semplici ed intuitivi, anche se si fa davvero scarso uso del motion control le cui funzioni sembrano implementate in poche azioni solamente per “dovere di cronaca”. La longevità è veramente elevata, soprattutto se si vuole vivere l’esperienza di gioco a 360 gradi concentrandosi approfonditamente anche sulle missioni secondarie e lo sviluppo della vita sociale; però il tutto diventa, alla lunga, un tantino monotono e ripetitivo .

Tirando le somme

“Harvest Moon: Animali in Marcia” è un gioco trasversale che può piacere a tutti, anche se il target a cui è maggiormente rivolto è quello infantile. Le novità non sono molte, ma apprezzabili, inoltre il comparto grafico ridisegnato dona al gioco maggior godibilità anche dal punto di vista visivo. Il brand è unico e di qualità per gli amanti del genere, sicuramente chi ha apprezzato i precedenti vedrà di buon occhio anche questo titolo, mentre coloro che si vogliono avvicinare alla serie lo troveranno indubbiamente un gioco singolare ed interessante .

CI PIACE

_ Unico nel suo genere
\n_ Comparto gestionale molto ampio

NON CI PIACE

_ Poche novità
\n_ Alla lunga ripetitivo
\n_ Target infantile

7Cyberludus.com
Articolo precedenteGameloft sceglie un nuovo modello di business per App Store
Prossimo articoloRingo Starr registra il proprio nome
Redazione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.