Sono passati 25 anni dalla nostra ultima visita nel regno di Gothicus. No, non parliamo di una gita fuori porta, ma dell’arrivo del nuovo episodio della serie “Dungeon Hunter”, che si appresta a intraprendere il suo secondo viaggio, dopo il successo ottenuto sugli iPhone di tutto il mondo. In arrivo sempre su AppStore, “Dungeon Hunter 2” sarà nuovamente un GDR hack’n’slash come il suo predecessore, simile ai capisaldi del genere, primo fra tutti il leggendario “Diablo”. La stessa mission di Gameloft, più che di ricercare l'”inedito”, è di portare sulle piattaforme mobili titoli di una qualità vicina a quella delle console next-gen casalinghe. E “Dungeon Hunter 2” è la prova che queste piattaforme non hanno nulla da invidiare alle loro “colleghe” più potenti.

Fratelli coltelli

Non c’è pace nel regno di Gothicus. Il Re è stato indebolito da un incantesimo del figlio Edward, uscito vincitore da una lunga e dura lotta per la successione al trono. Ebbene, noi impersoneremo l’altro figlio, quello che era l’erede designato ma che si è ritrovato con una seggiola pieghevole sotto il sedere invece del trono, e giusto per non farsi mancare nulla è stato esiliato per sempre (leggi: ucciso) dal caro fratello. Per giunta, la Regina Oscura, nemesi già vista nel primo “Dungeon Hunter”, si è rifatta viva ancora una volta per prendere possesso del regno e seminare distruzione qua e là. Infine, ciliegina sulla torta, come da predizione degli dei, anche gli altri Immortali hanno deciso di porre una seria minaccia su noi e sul regno. Insomma, c’è poco da stare tranquilli, e per questo una volta richiamati dall’oltretomba dovremo imbracciare le nostre armi e farci valere lungo i livelli che compongono il gioco. Come i grandi classici del genere, saremo per prima cosa chiamati a creare il nostro personaggio, scegliendo uno delle tre classi disponibili: guerriero, mago o ladro. Ovviamente le peculiarità di ogni classe sono ben prevedibili, con il guerriero campione del corpo a corpo e della resistenza, il mago che mostra il suo meglio ai livelli più avanzati e il ladro che è specialista nella furtività e nei combattimenti a distanza. Ogni personaggio nel corso dell’avventura potrà essere condotto verso una di due specializzazioni per classe, caratteristica che porta a sei quindi il numero effettivo di “sentieri” che il personaggio può intraprendere. Scelto un nome, inizieremo l’avventura con il nostro ritorno alla vita, grazie all’aiuto della fata Celeste, una delle fatine che ci aiuteranno nel corso della vicenda.

Il tocco magico

Come da tradizione del genere, il gioco ci presenta una visuale isometrica in cui potremo spostarci tramite la “levetta” presente sullo schermo (ovviamente i comandi sono full touch). Sul lato destro dello schermo, invece, saranno presenti i tasti relativi agli attacchi, sia normali che speciali, al richiamo in aiuto della fata “equipaggiata” (che potrà sferrare un breve attacco), e le pozioni a nostra disposizione. In alto a sinistra invece si trovano le nostre barre di vita, mana ed esperienza. Toccando il nostro ritratto, sarà possibile entrare nel menu, in cui potremo gestire inventario, equipaggiamento, fata in dotazione e aumenti delle caratteristiche nei passaggi di livello. Insomma, un menu ricco e dotato di tutti i crismi del genere. Dalla nostra prova, sia i controlli che i menu risultano profondi, esaurienti e precisi. Non vi sentirete mai con la sensazione che vi “manchi qualcosa” o di essere in uno pseudo gioco di ruolo: “Dungeon Hunter 2” è un gdr fatto e finito.

In definitiva, da ciò che abbiamo potuto vedere e toccare con mano, ” Dungeon Hunter 2 ” può bissare e addirittura superare il già grande successo del primo. Forte di una struttura di gioco collaudata e vincente, arricchita da elementi che rendono l’esperienza ancora più completa, il nuovo titolo ruolistico marchiato Gameloft può diventare un piccolo classico. Allora, pronti a salvare Gothicus?

Articolo precedenteAltra patch per Black Ops su PC
Prossimo articoloScarseggiano le scorte di Kinect
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.