Nel corso dell’evento Activision di Los Angeles, sono state date dimostrazioni delle funzionalità multigiocatore che la casa di sviluppo Treyarch ha aggiunto al titolo Call of Duty: Black Ops .

I produttori Dan Bunting e David Vanderhaar hanno infatti affermato che i tre punti portanti del nuovo titolo sono “Competere, creare e personalizzare”. Tra le novità di spicco per un titolo Call of Duty c’è la modalità combat training che introduce bot , controllati tramite l’intelligenza artificiale del gioco, nei match multiplayer, con il dichiarato obiettivo di cercare di portare sulle modalità multigiocatore quel 30 o 40 per cento di giocatori che si limitano alla campagna a giocatore singolo .

Treyarch ha inoltre aggiunto diverse possibilità di personalizzare non solo l’aspetto dei giocatori ma anche le armi, con l’inclusione di emblemi. A differenza dei precedenti titoli, inoltre, questi elementi verranno sbloccati attraverso i punti Call of Duty che verranno acquisiti nel corso dei match. Per aumentare ulteriormente l’utilizzo di questo punteggio, sono stati aggiunti i wager matches, ovvero modalità in cui è possibile puntare i propri punti Call of Duty in un match multiplayer d’azzardo.

Per rendere la competizione ancora più interessante, sono stati aggiunti i contratti: è infatti possibile pagare punti Call of Duty per averne molti altri in cambio raggiungendo obiettivi specifici , come per esempio un certo numero di frag entro un tempo limite. Infine, è stata aggiunta la possibilità di registrare i match, salvarli e condividerli .

Articolo precedenteEA propone browser game per sport minori
Prossimo articoloRimandato il multiplayer di Elemental
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.