![][__userfiles__GTA San Andreas.png]

Nel lontano 2004 Take-Two rilasciò “GTA: San Andreas”. Tempo dopo apparve in rete una patch amatoriale denominata “Hot Coffee” che permetteva agli utenti di sbloccare una serie di mini giochi a contenuto sessuale esplicito. Molti giocatori si erano lamentati con la software house, e la questione finì in tribunale, ma Take-Two vinse la causa in quanto nel gioco non era presente tale patch che andava quindi inserita volontariamente.

Oggi comunque Take-Two ha reso nota l’intenzione di risarcire spontaneamente gli utenti e procederà, dunque, a spedire assegni del valore compreso tra i 5 ed i 35 $, facendo comunque notare che ciò non è stato imposto dal tribunale ma fa parte di una libera iniziativa del produttore.

[__userfiles__GTA San Andreas.png]: /images/v/400×356/__userfiles__GTA San Andreas.png

Articolo precedenteApre il Bazaar online di Bioware
Prossimo articoloKen Shiro più violento in occidente
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.