Durante un’intervista alla rivista Gamasutra, Shuhei Yoshida, presidente di Sony Worldwide Studios, ha affermato che la società da lui rappresentata avrebbe preso al vaglio molte periferiche prima di scegliere quella che da qualche giorno conosciamo con il nome di “Move”. Prima di prendere questa decisione erano infatti stati realizzati diversi prototipi che usavano diverse tecnologie quali ad esempio i rilevamenti visuali usati dalla concorrente Microsoft. Dopo avere analizzato pro e contro si è quindi deciso di sviluppare l’ibrido che tutti conosciamo.

Articolo precedenteThe Sky Crawlers: Innocent Aces
Prossimo articoloVideo gameplay di Splinter Cell Conviction
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.