![][__userfiles__OnLive main image.jpg]

Il CEO della nuova piattaforma videoludica OnLive, Steve Perlman, ha pubblicato una serie di risposte alle lamentele esposte dai beta tester del prodotto che si sono trovati spesso in condizione di non poter giocare a causa della fortissima presenza di lag (ritardi nella connessione) durante le partite. Motivo di questo problema sarebbe, secondo Steve, imputabile alla troppa distanza tra le case degli utenti con i server. I fortunati giocatori sarebbero infatti stati selezionati per la prova in base alla vicinanza della loro abitazione con i calcolatori. Nulla però li vietava a spostarsi in altre location. Proprio questo fattore avrebbe causato i problemi durante le sessioni.

Per chi si fosse perso la presentazione di OnLive sappia che si tratta di una particolare piattaforma che dovrebbe permettere di giocare ad un titolo in remoto, senza quindi aver bisogno di un PC di ultima generazione o addirittura di un computer. La periferica si può infatti collegare direttamente alla TV di casa e riceverebbe tutti di dati via rete. Purtroppo, sebbene l’idea sia molto avanzata ed interessante, al momento le prove effettuate dalla stampa si sarebbero andate molto male, un peccato per il prodotto che potrebbe rivoluzionare il molto dei videogames

[__userfiles__OnLive main image.jpg]: /images/v/600×463/__userfiles__OnLive main image.jpg

Articolo precedenteFinal Fantasy VII non tornerà in un remake
Prossimo articoloI requisiti tecnici di Alien Vs. Predator
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.