Sembra non trovar pace il nuovo progetto di Atomic Games: dopo le mille polemiche generatesi subito dopo l’annuncio del gioco (ricordiamo che è ambientato durante la guerra in Iraq) e dopo l’abbandono da parte di Konami, che non ha voluto continuare ad investire nel titolo, oggi Atomic Games ha reso noto che proprio a causa di mancanza di fondi, sarà costretta a licenziare 75 membri del suo team.

La società ha comunque confermato che il lavoro della sua squadra non andrà perso ma che proseguiranno per completarlo, ma in realtà vediamo poco probabile che il gioco riuscirà mai ad uscire nei negozi.

Floriana Giambarresi

Articolo precedentePotrebbero arrivare più di due Map Pack per Modern Warfare 2
Prossimo articoloTecmo Koei interessata al motion controller di Sony
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.