TES V: Skyrim – Heartfire GUIDA

Adozione

Dopo aver installato il DLC, fatti un giro dei villaggi bazzicando per 5-10 minuti tra le vie, finchè un messaggero verrà a lasciarti una lettera: leggila in inventario (Considera adozione) per sapere che si tratta di una richiesta di adozione da parte della nuova direttrice dell’Orfanotrofio di Honorhall, a Riften. La lettura della lettera ti permette di attivare l’indicatore verso Constance Michel, la direttrice che ha scritto il volantino. Recati dunque al villaggio dei ladri e parla alla donna: dopo un primo esame, la direttrice ti rifiuterà perché non hai una casa con una stanza per bambini, quindi devi adeguarti.

Se possiedi già una casa basta sceglierne una e andare dall’aiutante dello jarl che si occupa dell’arredamento, quindi ridefinire la mobilia per supportare una stanza per bambini. Senza una casa sei costretto ad acquistarla ed arredarla fin da subito in linea con le richieste di Constance. Una nota doverosa: la cameretta costa 3000 monete!

ATTENZIONE: una volta scelta una casa per i bambini, non puoi più traslocare.

Quando hai risolto il problemino, torna all’orfanotrofio e decidi chi adottare: puoi prenderti cura di ben due bambini! Puoi giocare con loro o dargli dei doni (da accessori a vestiti) e, nel mentre, i tuoi figli adottivi andranno in giro in cerca di qualcosa da regalarti.

Hearthfire

Questa prima parte della guida non si è occupata della costruzione della casa nel DLC Hearthfire, come visto, ma dell’adozione, un’aggiunta simpatica al gioco base. Per attivare la modalità principale dell’espansione, devi recarti in una città che non mette a disposizione l’acquisto di una casa, ovvero: Morthal, Dawnstar o Falkreath. Sconsiglio Morthal perché, sarà un caso, ho notato che è la più minacciata dai draghi. Non è possibile acquistare casa a Winterhold, probabilmente per via dell’Accademia dei Maghi. Una volta giunto in città, recati alla dimora dello jarl e cerca il suo sovrintendente (non confonderlo col con la sua guardia o il tuo huscarlo) e pagare il pezzo di terreno (5000 monete). Io ho scelto di costruire la mia casa nel Falkreath, la Lakeview, che sorgerà sulla riva del Lago Ilinalta.

La casa sorge in periferia in uno spazio adatto, con diversi materiali per cominciare (sono tutti predisposti a darti il sufficiente contributo iniziale) e l’occorrente a livello di progettazione: un’incudine, un banco da carpentiere, un baule con un po’ di materiale e il tavolo da disegno. Prima di cominciare, leggi la guida del latifondista principiante che ti consente di avere la giusta panoramica della cosa: non preoccuparti, non è affatto lunga né difficile da capire! Dopo aver letto le poche pagine della guida, interagisci col tavolo da disegno per iniziare la progettazione della casa. Ricorda che puoi sfruttare quel baule per tutte le dispense dei materiali, magari dopo averli recuperati dal tuo rifugio o acquistato presso i vari mercanti.

Cominciando dalla casa piccola

Si parte dalla costruzione di una casa piccola: per le fondamenta e la struttura dei muri ti servono in tutto 7 tronchi tagliati, 10 pietre estratte e 10 chiodi. Fai piazza pulita dei materiali nel baule cerca la cava di pietra che trovi vicino (con tanto di piccone a disposizione) da cui puoi recuperare tanta pietra. La vena non finisce mai. Per quanto riguarda i chiodi, oltre che acquistarli dai fabbri puoi crearli all’incudine per mezzo di lingotti di ferro: 10 chiodi per un lingotto. Infine, i tronchi tagliati puoi recuperarli presso le segherie in tutta la regione di Skyrim.

Superata questa fase, dovrai costruire i muri della tua casa: servono 2 tronchi tagliati, 8 chiodi e 4 lingotti di argilla. L’argilla è più difficile da trovare, infatti dovrai recuperarla da miniere dedicate (vene di argilla che non sono nelle miniere dedicate sono davvero rare). Per cominciare, nel baule ci sono 30 pezzi che puoi iniziare ad utilizzare. Messi i muri, dovrai creare il pavimento (4 pietre estratte) e la struttura del tetto (6 tronchi). Infine, per costruire il tetto ti servono un tronco tagliato e 10 chiodi. Ora che l’esterno della casa è completo, devi inserire una porta: aldilà dei materiali ferrosi e legnosi che servono costruirla, ti serviranno anche una serratura e due cardini: per i ferramenti, i cardini e la serratura serve un lingotto di ferro (la serratura richiede anche corundum).

Costruita completamente la casa, puoi dedicarti a vari componenti esterni:

  • Componenti da lavoro: banco di lavoro del corazziere, crogiolo, mola
  • Componenti esterni: apiario, giardino, recinto per animali, stalla

La novità riguarda la paglia, che può essere acquistata dai mercanti di merce generale. Puoi leggere più informazioni nell’elenco materiali della guida. Consiglio di fabbricare tutto, in particolare i componenti da lavoro, così da non doverti spostare per le nuove costruzioni e lavorazioni dei materiali. Ora puoi anche entrare in casa ed interagire col banco da lavoro per costruire la mobilia, ma forse conviene aspettare dopo aver messo in piedi tutto la struttura della tenuta.

Dopo aver completato questi lavori, puoi anche trasformare la casa piccola in ingresso.

Sala e aggiunte

Messa a punto la casa piccola, puoi continuare ad ingrandire la struttura con la sala interagendo col tavolo da disegno. La sala segue tutti vari componenti della casa piccola, con l’aggiunta della cantina. Dopo aver completato la sala avrai la possibilità di scegliere quali aggiunte apportare alla tenuta: hai a disposizione tre scelte per ogni lato (ovest, nord, est) in base a come vuoi utilizzare la casa.

Sovrintendente

Dopo aver completato la casa cerca un sovrintendente: deve essere un huscarlo, anche quello che bazzicherà vicino la tenuta va benissimo. Il sovrintendente può acquistare per te:

  • Migliorie: carrozza, bardo, cavallo, mucca, pollo
  • Materiali: legna, pietra, argilla
  • Arredamento: tutte le stanze che hai costruito

Non pensare che il sovrintendente arredi tutto, infatti mettere giusto l’essenziale. Ogni stanza ha un banco da lavoro personalizzato, che consente di costruire tutti gli elementi adatti all’area.

Elenco materiali

Tronchi tagliati

Nelle segherie per la regione di Skyrim (te ne viene indicata una, la più vicina, quando inizi la costruzione della casa). L’icona nella mappa è quella della ruota di un mulino con alcune onde. Puoi acquistare 20 tronchi per 200 monete d’oro.

Pietra estratta

Dalle vene di pietra: ne ottieni molta da ogni vena, quella vicino la casa non si esaurisce mai.

Chiodi

10 chiodi per un lingotto di ferro all’incudine, oppure acquistali da qualsiasi fabbro.

Argilla

Dalle miniere di argilla, ma anche dalle vene vicino le locazioni della casa, anche se si confondono un po’ col terreno: – Lakeview (Falkreath): praticamente di fronte i banchi da lavoro, vicino la catasta di legna a sinistra della casa – Heljarchen (Dawnstar): come Lakeview – Windstad (Morthal): come le prime due, leggermente a nord della catasta

Paglia e vetro

La paglia può essere acquistata dai mercanti di merce generica (ad esempio a Riverwood o all’Emporio di Whiterun): costa solo una moneta d’oro.

Coltivare l’orto

Anche senza costruire la serra, grazie al giardino otterrai un piccolo spazio per l’orto. Puoi piantare qualsiasi cosa, dai frutti dell’orti presso le fattorie (come patate, zucche, cavoli, ecc…) a piante che crescono nella regione (belladonna, lingua di drago, baccelli, ecc…)

  • Genere: Gioco di ruolo
  • Sito web: Vai al sito
  • Data di rilascio: 11 novembre 2011
  • Sviluppatore: Bethesda Softworks
  • Distributore: Zenimax
  • Publisher: Bethesda Softworks
  • Pegi:

Condividi
Articolo precedenteRed Bull Game Tour – La seconda tappa è al Games Week
Prossimo articoloDreampainters Soft annuncia ufficialmente Mater Obscura: A Sine Requie Tale
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.