The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time 3D

Alla recente manifestazione “Far Game” , conclusasi con un eccellente excursus sulla serie ‘The Legend Of Zelda’ ad opera di Roberto Magistretti , storico redattore di Nintendo Rivista Ufficiale , è stata data a noi presenti una grandissima possibilità: Nintendo ha offerto alla Cineteca di Bologna e agli ospiti del festival due postazioni per provare, in anteprima assoluta, il nuovo “The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time 3D” . Un remake nato dalla volontà di Shigeru Miyamoto di riportare questo episodio alla luce del presente, dopo aver brillato tanto in passato, e un’ottima occasione per festeggiare i 25 anni della serie, mano nella mano con il prossimo “Skyward Sword” per Nintendo Wii! L’eroe del tempo continuerà a non sentire il peso del suo scorrere?

Primi, familiari passi

La demo permetteva di esplorare tutte le zone iniziali del gioco (Foresta Kokiri, Albero Deku e scontro con Gohma) per circa 15 minuti. Durante questo periodo di tempo si poteva sperimentare il nuovo sistema di controllo e godere di tutte le ottime novità apportate a questa nuova versione per Nintendo 3DS. Il sistema di controllo, che utilizza splendidamente lo stick analogico della console portatile, risplende per facilità di utilizzo: a ogni azione o oggetto è assegnato uno specifico tasto e tutte le funzioni presenti nella versione originale trovano comodamente posto grazie anche alla presenza della croce direzionale, non deputata al movimento. Ritornano le rupie da collezionare, gli interruttori, gli oggetti da raccogliere e da utilizzare nei momenti più opportuni: la mappa dell’avventura è posta, come prevedibile, nello schermo inferiore e si evolverà in maniera dinamica a seconda dei nostri movimenti. Ai tasti dorsali, come vuole la tradizione, resta il dovere di gestire l’eccellente sistema di bersagli e di telecamere che ha contraddistinto “Ocarina Of Time” fin dal suo primissimo lancio, riscrivendo le regole del videogioco da quel momento in avanti.

Nuove sfaccettature per Hyrule

E’ evidente che di evoluzioni, in termini di puro gameplay, sembrano non essercene: del resto si tratta di un remake, e di uno dei migliori giochi della storia videoludica, come se non bastasse; è molto difficile migliorare ciò che è quasi perfetto e Nintendo ha giocato la sua carta vincente sul fronte della realizzazione tecnica. La prima differenza che salta all’occhio è il nuovo frame-rate : su Nintendo 64, in alcuni punti, controllare Link si poteva rivelare ostico per la necessità di dover compiere movimenti precisi, pur costretti a doversi muovere in maniera poco definita e con alcune sbavature; la capacità del Nintendo 3DS ha elevato in maniera esponenziale il numero di frames per secondo di “Ocarina Of Time”, facendo diventare tutto più semplice e dando l’idea di un movimento preciso e fluido che risponde con meravigliosa accuratezza a tutti i movimenti dello stick analogico, seguendo anche la loro intensità. Insieme al frame-rate è palese una maestosa evoluzione grafica: i volti sono più definiti, le espressioni cambiano con più naturalezza e i giochi di luci, colori e riflessi (incentivati dalla nitidezza di un incredibile effetto tridimensionale ) rendono Hyrule ancora più lussureggiante , un vero paradiso per gli occhi. Resta il fatto che, purtroppo, alcuni elementi sono stati lasciati esattamente come erano nella versione originale: nulla che distrugga l’insieme, ma si avrà, di tanto in tanto, la sensazione che qualcosa stoni, in questo maestoso complesso. La colonna sonora e gli effetti , invece, sono rimasti assolutamente identici , e visto l’altissimo livello di tutte le tracce di questo episodio c’è solo che da esserne felici!

Conclusioni

Questa prima, velocissima prova di “The Legend Of Zelda: Ocarina Of Time 3D” , ha risvegliato in noi il sopito interesse di riscoprire un grandissimo capolavoro del passato. I miglioramenti sono incredibilmente evidenti e il Nintendo 3DS, con la sua portabilità, sembra essere la console perfetta per ospitare un titolo massiccio , dalle mille risorse, dando a tutti noi la possibilità di viaggiare con una conosciutissima Hyrule sempre in tasca. In tutto questo, però, restano alcuni elementi che Nintendo sembra aver lasciato in secondo piano che, probabilmente, allontaneranno questo titolo dal punteggio perfetto… ma davvero importa? Link sta tornando e vuole cavalcare le onde del tempo nelle nostre tasche… Che la Master Sword ci guidi verso un nuovo domani!

  • Genere:
  • Sito web: Vai al sito
  • Data di rilascio: 17 Giugno 2011
  • Sviluppatore: Grezzo
  • Distributore: Nintendo
  • Publisher: Nintendo
  • Pegi:

Condividi
Articolo precedentePatapon 3 (2)
Prossimo articoloNuovi dettagli su Project Cafè

CyberLudus è un’Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l’evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all’utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.